Jade

Titolo originale: Jade

share

Jade è un film di genere giallo del 1995, diretto da William Friedkin, con David Caruso e Linda Fiorentino. Durata 95 minuti. Distribuito da UIP - CIC VIDEO.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

3.3 di 5 su 7 voti


TRAMA JADE:

A San Francisco, Medford, un ricchissimo collezionista, viene trovato ucciso con un'ascia orientale. Sul delitto indaga il sostituto procuratore distrettuale David Corelli, che trova in casa del morto foto sconce del governatore Lew Edwards con una sconosciuta, il quale lo diffida dal tentare di incastrarlo. Inoltre la moglie del famoso avvocato suo amico Matt Gavin, Trina, nota psicologa, compare in una videocassetta hard recuperata semibruciata nel camino della villa di Medford. Un vicino di casa con telescopio riconosce sia l'amica di Edwards, che in realtà è una prostituta, Patrice Jacinto, sia Trina, che per le sue apprezzate imprese assumeva il nome d'arte di Jade. Quindi un'automobile investe appositamente Patrice mentre si reca ad un appuntamento con Corelli per fornire rivelazioni su Jade; inseguendo l'automobile investitrice, i cui vetri fumò impediscono di vedere chi guida, David viene attirato sul molo e fatto cadere in mare. L'automobile, identica a quella di Trina, risulta però rubata. Poi costei invita Corelli a casa e, mentre tenta di sedurlo, gli confida che teme per la sua vita. Ma Corelli la respinge e lei va a consolarsi con uno dei numerosi amanti, mentre a casa sua due individui frugano tra le carte di Matt, che intanto va da Corelli convinto che la moglie lo abbia tradito anche con lui. Ma il detective lo convince ad andare da Trina che, rientrata, è stata frattanto braccata da uno dei due killer mascherati, mentre l'altro affronta l'avvocato e il poliziotto sopraggiunti.

CRITICA DI JADE:

Jade, ovvero "Giada" (dal soprannome della "bella di giorno" richiesta nei piani alti), si srotola con moderata fantasia sui binari della convenzione. L'unghiata di Friedkin, a un passo dall'autocitazione, si avverte nell'elaborato inseguimento automobilistico tra le ripide vie di San Francisco o dentro l'affollata Chinatown; oppure nella scansione rapida degli eventi criminosi al cospetto di un Corelli sempre più turbato. Ma bisogna riconoscere che, nel suo genere, Basic Instinct era riuscito meglio: più audace sessualmente o forse meno timoroso di maneggiare le pulsioni proibite. Naturalmente Jade si vede volentieri, specialmente quando il versante erotico-proibito lascia il campo alla fase investigativa, girata senza fronzoli, aggiornando quel tanto che basta la tradizione poliziesca. Nei panni di Corelli, il rosso David Caruso si conferma uno dei volti più interessanti della nuova Hollywood, mentre Linda Fiorentino parla, si spoglia e allude all'impero dei sensi con elegante svogliatezza. Del tutto spaesato, invece. Chazz Palminteri, già travolgente gangster drammaturgo in Pallottole su Broadway: bisognerebbe dirgli che con quella faccia non può fare ciò che vuole. (L'Unità, Michele Anselmi, 15/11/95) Friedkin si sbizzarrisce nel dare sfoggio alla sua grande sapienza registica: "antologizzando", ad esempio, la prima sequenza notturna, interamente in steadycam, tra i meandri principeschi della ricca vittima. David Caruso e Chazz Palminteri sono i protagonisti maschili, ben in parte ed efficaci; Linda Fiorentino è la splendida, inquietante dark lady, un ruolo che le si addice perfettamente. (Il Resto del Carlino, Vittorio Spiga, 11/11/95) Il regista non nasconde l'aspirazione a fare di Jade un prodotto di successo, e fin qui nulla di cui scandalizzarsi. Basta vedere come chiama a raccolta il meglio del proprio repertorio, dal gotico al poliziesco d'azione, e la cura che mette nella scelta del cast. Tre star emergenti dal nome italiano: l'ultimo grido della tipologia "dark lady" Linda Fiorentino, in mitica sottoveste nera, David Caruso (eroe della serie televisiva "Nypd") e Chazz Palminteri. Con la decorativa partecipazione di Angie Everhart, modella alla ricerca di un posto al cinema. Ma, dopo un inizio che sembra autorizzare le speranze, tutto si risolve in una compilazione di cose più o meno viste. (La Repubblica, Roberto Nepoti, 12 /11/95)

CURIOSITÀ SU JADE:

REVISIONE MINISTERO APRILE 1999 (SECONDA EDIZIONE)

IL CAST DI JADE:


  • MONTAGGIO:
  • MUSICHE:
  • PRODUZIONE: ROBERT EVANS, CRAIG BAUMGARTEN & GARY ADELSON PER R. E. PRODUCTION

Lascia un Commento
Lascia un Commento