Il Labirinto del Silenzio

Il Labirinto del Silenzio

( Im Labyrinth des Schweigens )
Voto del pubblico
Voto Coming Soon
Valutazione
4.3 di 5 su 144 voti
Al cinema dal: 14 gennaio 2016
Genere: Drammatico
Anno: 2015
Paese: Germania
Durata: 124 min
Data di uscita: 14 gennaio 2016
Distribuzione: Good Films
Il Labirinto del Silenzio è un film di genere drammatico del 2015, diretto da Giulio Ricciarelli, con Alexander Fehling e André Szymanski. Uscita al cinema il 14 gennaio 2016. Durata 124 minuti. Distribuito da Good Films.
Data di uscita: 14 gennaio 2016
Genere: Drammatico
Anno: 2015
Paese: Germania
Durata: 124 min
Distribuzione: Good Films
Musiche: Niki Reiser
Produzione: Claussen Wöbke Putz Filmproduktion, Naked Eye Filmproduktion

TRAMA IL LABIRINTO DEL SILENZIO:

Il Labirinto del Silenzio, il film diretto da Giulio Ricciarelli, racconta la storia di un giovane pubblico ministero che decide di mettersi alla ricerca della verità alla fine degli anni 50. Combattendo contro ogni ostacolo immaginabile, supera i suoi limiti e quelli di un sistema, dove è più facile dimenticare che ricordare.
Sullo sfondo di eventi realmente accaduti, Il labirinto del silenzio getta uno sguardo molto personale e particolare sullo stile di vita degli anni del "miracolo economico", l'era delle sottogonne e del rock'n'roll, in cui le persone volevano solo dimenticare il passato e guardare avanti. Il film racconta un capitolo poco noto di quegli anni, che fondamentalmente hanno cambiato il modo in cui la Germania guardava al suo passato. Il film è una storia di coraggio, responsabilità e di lotta per la giustizia.

Germania 1958. Ricostruzione, miracolo economico. Johann Radmann (Alexander Fehling) è stato recentemente nominato Pubblico Ministero e, come tutti i novizi, si deve accontentare di occuparsi dei verbali automobilistici. Un giorno, il giornalista Thomas Gnielka (André Szymanski) causa un gran trambusto in tribunale, Radmann lo ascolta con interesse: un amico di Gnielka avrebbe riconosciuto un insegnante, che secondo lui sarebbe un'ex guardia di Auschwitz, ma nessuno è interessato a perseguirlo legalmente. Contro il volere del suo diretto superiore, Radmann inizia ad esaminare il caso, e così cade in una rete di repressione e negazione, ma anche di idealizzazione. In quegli anni, "Auschwitz" era una parola che alcune persone non avevano mai sentito pronunciare, mentre altri volevano solo dimenticarla il più presto possibile. Solamente il Pubblico Ministero Generale, Fritz Bauer (Gert Voss), incoraggia la curiosità di Radmann; lui stesso, da tutta la vita, spera di riportare all'attenzione pubblica i crimini commessi ad Auschwitz, ma gli mancano i mezzi legali per un’azione penale. Quando Johann Radmann e Thomas Gnielka trovano dei documenti che riconducono ai colpevoli, Bauer si rende conto immediatamente di quanto siano esplosivi e affida ufficialmente il caso a Radmann. Il giovane Pubblico Ministero si dedica anima e corpo al suo nuovo incarico ed è deciso a scoprire cosa sia davvero accaduto all’epoca. Interroga testimoni, passa al setaccio gli archivi, raccoglie le prove e si immerge talmente a fondo nel caso da dimenticarsi qualsiasi altra cosa, anche di Marlene Wondrak (Friederike Becht), della quale si è perdutamente innamorato. Radmann supera ogni confine, tralascia gli amici, i colleghi e i suoi alleati, e viene inghiottito in un labirinto di bugie e di sensi di colpa, alla disperata ricerca della verità. Quello che scoprirà alla fine, cambierà il paese per sempre.

CRITICA DI IL LABIRINTO DEL SILENZIO:

Il labirinto del silenzio non è un film per spettatori cervellotici, ma per chi desidera semplicemente imparare qualcosa, meglio se attraverso un processo di identificazione con un eroe che dubita ed entra in crisi, precipitando temporaneamente nel gorgo della rinuncia. (Carola Proto - Comingsoon.it)

Leggi la recensione completa di Il Labirinto del Silenzio

CURIOSITÀ SU IL LABIRINTO DEL SILENZIO:

Gli sceneggiatiori Elisabeth Bartel e Giulio Ricciarelli hanno deciso di raccontare una storia fittizia, sebbene incastonata sullo sfondo di eventi realmente accaduti e con l'inclusione di persone realmente esistenti. "Mentre il Pubblico Ministero Generale Fritz Bauer e il giornalista Thomas Gnielka esistono davvero, il protagonista, il giovane Pubblico Ministero Johann, era un personaggio inventato, un concentrato dei tre pubblici ministeri che condussero veramente le indagini all'epoca," spiega la produttrice Uli Putz. "La sfida più grande nello sviluppo della sceneggiatura era bilanciare al meglio gli elementi individuali: da un lato, volevamo conservare i fatti decisivi, e dall'altro aggiungere una componente emozionale all'azione." Inoltre, puntualizza Putz, c0era la necessità di inserire informazioni quanto più casualmente possibile sui tempi in cui la storia ha luogo. Ad esempio, il fatto che molti soldati non fossero ancora tornati dalla loro prigionia.

Allo scopo di descrivere gli eventi storici quanto più fedelmente possibile, gli sceneggiatori del film Il labirinto del silenzio hanno cercato sin dall'inizio un aiuto esperto: infatti, durante la fase di ricerche, Elisabeth Bartel ha contattato lo storico Werner Renz del Fritz Bauer Institute. "Nella primavera del 2010, la Bartel mi presentò il progetto per la prima volta," racconta Renz. Negli anni successivi, ho letto le varie versioni della sceneggiatura”. Gli autori avevano raccontato la storia dei processi di Auschwitz attenendosi il più possibile ai fatti essenziali della vicenda: "Secondo il mio punto di vista, la sceneggiatura è molto autentica. Non esagera né distorce niente, e racconta correttamente l'inchiesta giuridica."

FRASI CELEBRI:

Dal Trailer Ufficiale in Italiano del Film

- Se ne occuperà Adenauer, è lui che comanda

- C'è un assassino in libertà, un membro delle SS

- Dimenticheremo presto il più grande crimine contro l'umanità
- Di cosa sta parlando?
- Che un procuratore tedesco non sappia cosa è successo ad Aschwitz è vergognoso!

- Abbiamo un crimine rale? Delle vittime concrete?

- 10 milioni di nazisti e quegli idioti hanno annotato ogni cosa

- Procuratore Generale Bauer, questo è l'elenco ufficiale degli aiutanti di campo ad Aschwitz

- Questa è una prova, giusto?

- Voglio sapere cosa è successo lì

- Si rende conto di cosa sta facendo? Vuole che ogni ragazzo di questo paese si chieda se suo padre è un assassino?
- Voglio mettere fine a queste bugie e a questo silenzio
- Abbiamo ragione di credere che nel lager siano stati commessi dei crimini

- Ne hanno uccisi centinaia di migliaia

- Mengele è a Buenos Aires, ecco il mandato di cattura
- In Sud America, ma è così lontano

- I tedeschi dovrebbero vedere quali crimini siano stati commessi da persone perfettamente normali

- Sei diventato insopportabile, tu vedi soltanto il male, nient'altro!

- Dovrebbero gassare anche a te!

- Dite finalmente la verità.

INTERPRETI E PERSONAGGI DI IL LABIRINTO DEL SILENZIO:

Attore Ruolo
Alexander Fehling
Johann Radmann
André Szymanski
Thomas Gnielka
Friederike Becht
Marlene Wondrak
Johannes Krisch
Simon Kirsch
Hansi Jochmann
Erika Schmitt
Johann Von Bülow
Otto Haller
Robert Hunger-Bühler
Walter Friedberg
Lukas Miko
Hermann Langbein
Gert Voss
Fritz Bauer
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming