Chiamami col tuo nome

Titolo originale: Call Me by Your Name

share

Chiamami col tuo nome è un film di genere drammatico, sentimentale del 2017, diretto da Luca Guadagnino, con Armie Hammer e Timothée Chalamet. Uscita al cinema il 25 gennaio 2018. Durata 130 minuti. Distribuito da Warner Bros..

Poster
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VOTO COMINGSOON
VALUTAZIONE

4.7 di 5 su 64 voti


TRAMA CHIAMAMI COL TUO NOME:

Chiamami col tuo nome, il nuovo film di Luca Guadagnino basato sul famoso romanzo di André Aciman, è una struggente storia d'amore e amicizia, sullo sfondo della bassa padana durante la calda estate del 1983. Nonostante la sua giovane età, il diciassettenne americano Elio Perlman (Timothée Chalamet), si dimostra un musicista colto e sensibile, più maturo e preparato dei suoi coetanei. Passando, infatti, il suo tempo a trascrivere e suonare musica classica, leggere, e flirtare con la sua amica Marzia (Esther Garrel).
Figlio di un eminente professore universitario (Michael Stuhlbarg) specializzato nella cultura greco-romana che ogni anno ospita uno studente straniero impegnato nella stesura della tesi di post dottorato, Elio attende nella villa XVII secolo di famiglia l'arrivo di un nuovo allievo di suo padre. A risalire il vialetto per trascorrere le vacanze estive nella tenuta Perlman è il giovane Oliver (Armie Hammer) un ventiquattrenne statunitense bello e affascinante. I suoi modi disinvolti colpiscono immediatamente l'adolescente impacciato, che comincia ad affacciarsi all'amore. Gli incontri tra i due giovani sono permeati da un'intensità unica e palpabile: tra lunghe passeggiate, nuotate e discussioni, nel corso di un'estate che cambierà per sempre le loro vite, nasce tra loro un desiderio travolgente e irrefrenabile.


PANORAMICA SU CHIAMAMI COL TUO NOME:

Il regista Luca Guadagnino si sposta dalla provincia piemontese di Io sono l'amore a quella lombarda raccontata in Chiamami col tuo nome. Basato su una sceneggiatura di James Ivory, inizialmente in predicato di occuparsi anche della regia, è l'adattamento di un romanzo di André Aciman uscito dieci anni fa.
Animo nomade, Guadagnino è nato a Palermo, da padre siciliano e madre algerina, e ha vissuto i primi anni della sua vita, fino all'inizio della scuola, in Etiopia. Questa abitudine alla coesistenza di culture e lingue diverse, molto presente in Chiamami col tuo nome, lo avvicina proprio a Aciman, nato nel 1951 ad Alessandria d'Egitto in una famiglia di ebrei sefarditi, una delle comunità Mutamassirun (di stranieri) dell'allora cosmopolita città egiziana, come tali impossibilitati a ottenere la cittadinanza egiziana. In casa parlavano francese, oltre a italiano, greco, arabo e il ladino, dialetto spagnolo parlato dagli ebrei sefarditi, da non confondere con il ladino delle nostre Dolomiti. Il giovane André, che pensava erroneamente di essere cittadino della République, frequentò scuole britanniche, mentre si trasferì con la famiglia a Roma per sfuggire alla tensione fra Nasser e Israele, nel 1964, ottenendo la cittadinanza italiana.

Guadagnino è molto vicino a Tilda Swinton, fin dalla sua opera prima del 1999, The Protagonists, in cui è la narratrice del film; nel 2002 ha diretto un documentario su di lei, The Love Factory, mentre sono tornati spesso a collaborare, circostanza che ha aperto al regista la via per i recenti progetti internazionali. Io sono l’amore nel 2009 fu accolto con entusiasmo negli Stati Uniti (meno in Italia), ottenendo una nomination all’Oscar per i costumi di Antonella Cannarozzi e una ai Golden Globe Awards per il miglior film straniero. A Bigger Splash, presentato in concorso a Venezia, è stato girato nel 2015 con la musa Tilda Swinton protagonista, accanto a Ralph Fiennes, Matthias Schoenaerts e Dakota Johnson, girato in inglese, ma con un'ambientazione italiana, questa volta l'isola di Pantelleria. Chiamami col tuo nome è invece stato girato con un budget limitato, senza attori di grande richiamo, passando per Sundance, Berlinale e Toronto Film Festival. Subito amato dalla critica, che in qualche caso ha addirittura gridato al capolavoro, è fra i film più apprezzati finora nella stagione dei premi, con tre nomination ai Golden Globe, quattro ai BAFTA. Unanime è stato il trionfo personale, oltre che di Armie Hammer, del giovane e ora non più sconosciuto Timothée Chalamet, che interpreta il diciassettene protagonista che viene iniziato ai piaceri romantici e del sesso durante una calda estate. Nato e cresciuto a Manhattan, è perfettamente bilingue: il padre è francese, mentre la madre è americana. Qualcuno particolarmente attento può ricordare di averlo visto in Homeland e in Interstellar (nei panni del personaggio di Casey Affleck da ragazzo), mentre lo vedremo in questo 2018 in ruoli di contorno in due film importanti: Hostiles di Scott Cooper e Lady Bird di Greta Gerwig.

Armie Hammer si è fatto conoscere nel duplice ruolo dei gemelli Winklevoss in The Social Network di David Fincher. Ora il riconoscimento anche personale per il film di Guadagnino, suggello a una carriera non lunga, ma già solida.

Mentre il romanzo è ambientato sulla riviera ligure, la versione cinematografica è stata spostata negli anni 80 a Crema, dove Guadagnino risiede, non lontano da dove venne girato Novecento di Bernardo Bertolucci.
Il direttore della fotografia è il thailandese Sayombhu Mukdeeprom, collaboratore di Apichatpong Weerasethakul nel film vincitore della Palma d’oro a Cannes Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti. Walter Fasano è il montatore di questo, come di tutti i cinque lungometraggi diretti da Luca Guadagnino.

CRITICA DI CHIAMAMI COL TUO NOME:

Senza dubbio il miglior film fino a questo momento di un regista che non è affatto così male come lo si dipinge, anzi. Luca Guadagnino bravo lo è sempre stato, anche se con uno stile spesso irritante e respingente: quello spirito che nemmeno qui, nel contesto di una storia d'amore molto bella e raccontata molto bene, riesce a mettere del tutto da parte. Chimami col tuo nome è un film dolente, dalla blesa decadenza aristocratica, vagamente compiaciuto, ma dove tutti i dettagli parlano e raccontano qualcosa, e che è acceso di passione e mosso dal desiderio. La passione e un desiderio da un amore vero, profondo, carnale, tratteggiata con sincero candore e senza falsi pudori. (Federico Gironi)
Leggi la recensione completa di Chiamami col tuo nome.

CURIOSITÀ SU CHIAMAMI COL TUO NOME:

Il regista Luca Guadagnino sul suo nuovo film Chiamami col tuo nome:

Mi piace pensare che Chiamami col tuo nome chiuda una trilogia di film sul desiderio, con Io sono l'amore e A Bigger Splash.
Mentre nei precedenti il desiderio spingeva al possesso, al rimpianto, al disprezzo, al bisogno di liberazione, in Chiamami col tuo nome abbiamo voluto esplorare l'idillio della giovinezza. Elio, Oliver e Marzia sono irretiti in quella splendida confusione che una volta Truman Capote ha descritto affermando "l'amore, non avendo una mappa, non conosce confini".
Chiamami col tuo nome è anche il mio omaggio ai padri della mia vita: il mio vero padre e i miei padri cinematografici: Renoir, Rivette, Rohmer, Bertolucci...


  • PRODUZIONE: Frenesy Film, La Cinéfacture, RT Features, Water's End Productions

Lascia un Commento
Trailer italiano ufficiale - HD
2846
Lascia un Commento