Attacco a Mumbai

Titolo originale: Hotel Mumbai

share

Attacco a Mumbai è un film di genere drammatico del 2018, diretto da Anthony Maras, con Dev Patel e Armie Hammer. Uscita al cinema il 30 aprile 2019. Durata 125 minuti. Distribuito da M2 Pictures in collaborazione con Italian International Film.

Attacco a Mumbai ora al cinema: 36 sale cinematografiche
VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VOTO COMINGSOON
VALUTAZIONE

4 di 5 su 46 voti


TRAMA ATTACCO A MUMBAI:

Attacco a Mumbai, il film diretto da Anthony Maras, è ambientato nel novembre 2008, quando alcuni jihadisti del Pakistan mettono in atto una serie di attacchi terroristici a Mumbai, facendo precipitare nel caos la città più popolosa dell’India. Durante i tre giorni dell’assedio, gli uomini armati sequestrano il leggendario Taj Mahal Palace Hotel, tenendo prigionieri all’interno oltre 500 ospiti e dipendenti.
Il film si concentra sugli eventi accaduti nel leggendario hotel, considerato l’emblema del progresso del paese e del suo variegato patrimonio culturale. Nel pieno dell’attacco, persone provenienti da diversi paesi, culture, religioni e classi sociali dovranno trovare il modo di reagire e far fronte ai continui pericoli.
Tra i membri dello staff dell’hotel, il rinomato chef Hemant Oberoi (Anupam Kher) e un amabile cameriere sikh (Dev Patel), rischieranno la vita per proteggere i loro ospiti. E mentre i media di tutto il mondo stanno a guardare, una coppia disperata (Armie Hammer, Nazanin Boniadi) dovrà compiere sforzi inimmaginabili per difendere il loro bambino appena nato, mentre uno spietato milionario russo (Jason Isaacs) sembra interessato solo a salvarsi la pelle.


PANORAMICA SU ATTACCO A MUMBAI:

Scritto e diretto dall'esordiente Anthony Maras, e presentato in prima mondiale al Festival di Toronto del 2018, il film Attacco a Mumbai ricostruisce e drammatizza gli eventi realmente accaduti il 26 novembre del 2008, quando a partire dalle 22:30 la metropoli indiana di Mumbai fu oggetto di dodici simultanei attacchi terroristici, rivendicati poi da un'organizzazione islamica che si è chiamata Deccan Mujahideen, anche se gli esperti considerano anche la presenza della mano di Al Qaeda.
Tra i punti nevralgici scelti dai terroristi, due hotel di lusso della città: l'Oberoi Trident e il Taj Mahal Palace & Tower. Gli eventi del film si concentrano su quest'ultimo, che venne liberato dalle forze speciali indiane dopo quasi sessanta ore di assedio, iniziato alle 3:30 del mattino del 27 novembre e teminato alle 09:05 del 28 con l'uccisione degli ultimi tre terroristi presenti e la liberazione di tutti gli ostaggi. Gli attentati, nel loro complesso, provocarono 195 vittime e circa 300 feriti; 15 terroristi vennero uccisi nel corso delle operazioni e uno venne catturato vivo.
Aperto per la prima volta il 16 dicembre del 1903, il Taj è uno splendido esempio di architettura indo-saracena, tanto che la sua immagine è un marchio registrato, rappresentando il primo edificio in India a rivendicare proprietà intellettuale per il suo design. Si narra sia stato voluto dal ricchissimo uomo d'affari Jamsetji Tata dopo che gli venne rifiutato l'ingresso in uno dei più importanti alberghi dell'epoca, il Watson, che era riservato a una clientela bianca. Oggi è l'hotel ammiraglio della catena di lusso Taj Hotels Resorts and Palaces. È composto da 560 stanze e 44 suite, e il suo staff è composto da oltre 1600 persone.
Agli attentati del 26 novembre e all'assedio del Taj sono stati dedicati numerosi film, oltre a questo. Per la sceneggiatura, Maras ha avuto accesso alle trascrizioni delle conversazioni telefoniche effettuate via cellulare dagli ospiti e dal personale dell'hotel durante le lunghe ore dell'assedio, e buona parte dei dialoghi del film riprendono fedelmente quelle trascrizioni.

CRITICA DI ATTACCO A MUMBAI:

L'ospite è Dio. Lo slogan dell'Hotel Taj di Mumbai è molto chiaro. Si tratta del simbolo stesso dell'ospitalità dell'india fin dall'epoca coloniale, nonché la culla del suo multiculturalismo. Obiettivo simbolico perfetto, quindi, insieme ad altri nove, per un gruppo di terroristi pakistani che attaccarono nel novembre 2008 la capitale economica del subcontinente. L'esordiente australiano Anthony Maras racconta l'assedio dell'hotel, durato tre giorni e più, con ben in mente la lezione di un maestro dell'action recente come Paul Greengrass. Pelle d'oca e tensione non mancano, pochi fronzoli, un messaggio di fratellanza fra ospiti e dipendenti dell'hotel. Un thriller che cattura. (Mauro Donzelli - Comingsoon.it)
Leggi la recensione completa del film Attacco a Mumbai.

FRASI CELEBRI:

Dal Trailer Italiano del Film:

Hemant Oberoi (Anupam Kher): Ricordatevi sempre che qui al Taj l'ospite è... sacro!

Zahra (Nazanin Boniadi): Sembra che ci sia stato un attento alla stazione ferroviaria
Arjun (Dev Patel): Madame, questo è il Taj Hotel, siamo al sicuro qui!
Voce off: I terroristi hanno messo sotto assedio il Taj Hotel, circa mille ospiti e più di cinquecento persone dello staff sono rimnasti intrappolati all'interno

Hemant: Dobbiamo radunare tutti quelli che possiamo. Molti di voi hanno una famiglia a casa, non è una vergogna andarsene!
Jamon (Alex Pinder): Lavoro qui da trentacinque anni, è questa la mia casa!

David (Armie Hammer): Tu hai una famiglia?
Arjun: Sì e spero di restare vivo per loro

Zahra: Nessuno verrà a salvarci!
Arjun: Prendiamo le scale sul retro e usciamo dalle porte di servizio
Hemant: Se ci sentono, moriremo!
Vasili (Jason Isaacs): correremo il rischio!

IL CAST DI ATTACCO A MUMBAI:


  • MONTAGGIO:
  • MUSICHE:
  • PRODUZIONE: A Hamilton and Electric Pictures Production, American Entertainment Investors, Double Guess

Lascia un Commento
Il Trailer Ufficiale Italiano del Film - HD
7054
Lascia un Commento