Amnèsia

share

Amnèsia è un film di genere commedia, drammatico, poliziesco del 2002, diretto da Gabriele Salvatores, con Diego Abatantuono e Sergio Rubini. Uscita al cinema il 08 marzo 2002. Durata 120 minuti. Distribuito da MEDUSA FILM.

VOTO DEL PUBBLICO
Grazie del tuo voto
VALUTAZIONE

3.9 di 5 su 14 voti


TRAMA AMNÈSIA:

TRAMA BREVEAd Ibiza, nella mitica discoteca 'Amnèsia', si incontrano i destini di quattro personaggi dalle storie diverse. Cinquantenne produttore e regista di film pornografici, Sandro ha una figlia, Luce, cui per pudore non ha mai rivelato la sua vera professione. Nata da un amore finito in fretta, infatti, la ragazza è cresciuta in collegio ed ha visto il padre solo in occasione di feste comandate. Luce, che ha diciassette anni, si presenta a sopresa in casa del padre proprio mentre stanno per iniziare le riprese di un nuovo film. Il ventenne Jorge è il figlio di Xavier, il capo della polizia. Questi è un uomo all'antica, che nella vita ha deciso di anteporre il dovere alla serenità. Suo figlio, invece, la pensa in maniera esattamente contraria. Le tensioni fra i due si sono acuite dopo la morte della moglie di Xavier, che in casa fungeva da parafulmine. Angelino, che gestisce un bar sulla spiaggia, vive di piccoli espedienti coltivando il sogno di avere una casa con giardino per lui e la fidanzata. L'occasione per vedere esaudito il suo sogno arriva quando trova per caso una valigetta con quattro chili di cocaina. TRAMA LUNGAIsola di Ibiza. Un vecchio hippy muore per colpa di una macchia d'olio sulla quale slitta la sua vecchia motocicletta. Al suo funerale si ritrovano alcune persone: Sandro, cinquantenne affermato regista di film porno, che si vede piombare in casa Luce, la figlia diciassettenne di cui non si è mai occupato e che è all'oscuro della sua vera professione; Angelino, che gestisce un bar assieme alla moglie Alicia, ed è sconvolto dal ritrovamento casuale di una valigetta con quattro chili di cocaina; Virginie, proprietaria di un ristorante, che soffre per la lontananza del suo uomo detenuto in galera; Jorge, un giovane drogato in forte conflitto col padre Xavier, capo della polizia locale. I destini di questi personaggi si incrociano attraverso salti nel tempo, mentre scorrono i giorni. Sandro e Luce scoprono le carte e la ragazza confida al padre di aspettare un bambino. Angelino cerca l'aiuto di Sandro e poi di Virginie per piazzare la droga e per fuggire da uno spacciatore americano. Xavier mette alle strette il figlio, ma quest'ultimo lo ricatta con delle foto compromettenti che lo ritraggono in compagnia di un ragazzo. Alla fine tutti si ritrovano nella discoteca Amnèsia e le vicende dei personaggi vanno incontro ad una nuova strada. Luce tiene il bambino e decide di offrire a Sandro una seconda occasione per fare il padre. Lo spacciatore americano e gli acquirenti della droga si sparano a vicenda, mentre la cocaina si perde nel vento di una salina. Angelino e Alicia, che aspetta il tanto desiderato figlio, gestiscono ora anche il ristorante di Virginie, partita per Parigi insieme al suo uomo liberato dal carcere. Jorge accudisce il padre, costretto da un ictus a stare su una sedia a rotelle.

CRITICA DI AMNÈSIA:

"Tra memorie spazianti da Tarantino allo Huston del 'Tesoro della Sierra Madre', il cineasta dà prova d'inventiva e conferma le proprie capacità registiche, piuttosto rare in un panorama poco visionario come quello italiano. Sceglie di raccontare una storia in due tranche successive e complementari, ripetendo i medesimi avvenimenti ma focalizzati attraverso personaggi diversi e arricchiti di dettagli-chiave (...) Peccato che il lavoro di casting non sia per nulla equilibrato e che alla regia capiti di lasciarsi prendere la mano dall'esuberanza invadente di Abatantuono o dalla compulsività di Rubini. Così che a momenti, di fronte a sequenze omogenee per stile visivo ma troppo diverse nel 'tono', provi la strana sensazione che appartengano a due film distinti". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 17 marzo 2002)"(...) In 'Amnèsia' pure la narrazione è destrutturata, rimescolata: la storia divisa in due storie contemporanee ma raccontate successivamente; lo schermo spesso diviso verticalmente o orizzontalmente in due o più spazi nei quali si svolgono azioni parallele; padri e figli che sembrano alludere simultaneamente all'autore da ragazzo e all'autore cinquantenne; Ibiza quasi irriconoscibile rispetto al suo stereotipo turistico, emblema delle isole mediterranee predilette da Salvatores. Al film impressionante, caotico, divertente, dinamico, malinconico, Abatantuono presta il suo calmo anticonformismo, Rubini presta il suo perenne isterismo; specialmente notevoli sono il giovane attore spagnolo Ruben Ochandiano, violento e furente come un interprete di Carax, e Alessandra Martines finalmente liberata da vezzi e graziette, triste e brava". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 9 marzo 2002)"Il divertente, intelligente film di Salvatores 'Amnèsia', girato con maestrìa, vive nell'incastro temporale di storie che si ripetono pirandellianamente, su tre sgangherati gruppi di famiglia in un esterno, quello di Ibiza, sempre Mediterraneo, rifugio di discotecari coatti, fricchettoni e di quei ragazzi, oggi ammaccati, del Marrakech express. Se la sceneggiatura ogni tanto ha buchi e stereotipi, la tecnica è la star: il medium finalmente è il messaggio, la realtà vive nel puzzle del cinema. Il gioco della dark comedy è più convincente quando parla di segreti e bugie di ciascuno che non quando arriva alla resa finale. In cui si tiene conto, oltre che di Kurosawa, Tarantino, Kubrick, anche del teatro di Salvatores, dato che il film è davvero un trapianto dei temi preferiti del regista, che a volte eccede in didascalie devianti modaiole. Ma dentro, suddivisa in vari spazi con la tecnica dello split screen, così il pubblico sceglie, gira l'aria scanzonata della malinconia goliardica con lieto fine di gruppo: Abatantuono al meglio, Rubini inguaia tutti con un sorriso, attori spagnoli bravissimi, Bebo Storti è impagabile, la Stella migliorerà presto e la colonna sonora si festeggia da sola". (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 9 marzo 2002)"'Amnèsia', il nuovo film di Gabriele Salvatores, è una commistione curiosa dei suoi 'due cinema': il cinema di isole e fughe mediterranee, di ormai cinquantenni che si sono solo un po' imbolsiti e 'sistemati', che hanno accantonato le utopie ma non le hanno dimenticate; e il cinema dell'incubo scomodo e battente, che scompagina la narrazione sul ritmo e sulle durezze degli incomprensibili ventenni. Un incontro a tratti faticoso, dove la linearità della prima parte si spezza in un piglio narrativo alla Tarantino che rischia di ammorbidire piuttosto che accentuare i contrasti. Gli anziani sono incasinati e irrisolti; i giovani sono irritanti e sgradevoli: ma forse è racchiuso proprio in questa sgradevolezza il senso più inquieto del film. Salvatores, almeno, è un autore che continua a interrogarsi sui percorsi e sulle 'eredità' umane". (Manuela Martini, 'Film Tv', 12 marzo 2002)"Perché Gabriele Salvatores non si gode i risparmi? O perché non li usa per aprire un ristorante a Marrakech o a Trani, a Ca

CURIOSITÀ SU AMNÈSIA:

- CANDIDATO AI NASTRI D'ARGENTO 2002 PER IL MIGLIOR SOGGETTO.

IL CAST DI AMNÈSIA:


  • MONTAGGIO:
  • PRODUZIONE: MEDUSA PRODUZIONE - COLORADO FILM PRODUCTION - ALQUIMIA CINEMA S.A.

Lascia un Commento
Lascia un Commento