A 30 secondi dalla fine

A 30 secondi dalla fine

( Runaway train )
Voto del pubblico
Valutazione
4.4 di 5 su 14 voti
Genere: Azione
Anno: 1985
Paese: USA
Durata: 107 min
Distribuzione: DLF (1986) - VIDEO: MULTIVISION ((COLLECTION) - LASERDISC: RCS FILMS & TV, PHILIPS VIDEO CLASSICS
A 30 secondi dalla fine è un film di genere azione del 1985, diretto da Andrei Konchalovsky, con Jon Voight e Eric Roberts. Durata 107 minuti. Distribuito da DLF (1986) - VIDEO: MULTIVISION ((COLLECTION) - LASERDISC: RCS FILMS & TV, PHILIPS VIDEO CLASSICS.
Genere: Azione
Anno: 1985
Paese: USA
Durata: 107 min
Formato: PANORAMICA
Distribuzione: DLF (1986) - VIDEO: MULTIVISION ((COLLECTION) - LASERDISC: RCS FILMS & TV, PHILIPS VIDEO CLASSICS
Fotografia: Alan Hume
Montaggio: Henry Richardson
Musiche: Trevor Jones
Produzione: GOLAN GLOBUS PER NORTHBROOK FILMS/CANNON

TRAMA A 30 SECONDI DALLA FINE

Dopo essere stato ingiustamente posto in segregazione per tre anni dal malvagio Danken, direttore del duro carcere di Stonehaven (Alaska), l'anziano Manny evade attraverso il liquame delle fogne. Con lui decide di fuggire Buck, un giovanotto che è in galera per scontare un reato di violenza carnale. Con trenta gradi sotto zero e a malapena coperti di stracci, i due riescono a salire su di un convoglio di quattro locomotori in trasferimento. Ma d'improvviso il macchinista muore d'infarto e Manny con il compagno si trovano lanciati verso l'ignoto su di un treno letteralmente impazzito...

CRITICA DI A 30 SECONDI DALLA FINE

"Confermando il suo ottimo professionismo dopo 'Maria's Lovers', Andrei Konchalovsky gioca insomma su due tastiere: quella della peripezia a più di cento all'ora, col treno portato al rango di fantomatico personaggio nelle luci fredde del trenta sottozero, e quella del duello fra i due protagonisti, interpretati efficacemente da Jon Voight ed Eric Roberts, accomunati nell'impresa temeraria ma di carattere assai diverso: l'uno un criminale degno del suo sadico inseguitore, e tuttavia alla fine capace d'un gesto d'umanità, l'altro un giovane ancora attaccato alla vita ma non disposto a passare per vigliacco. Su ambedue i versanti il regista si muove col gusto dello spettacolo mozzafiato, assicurando al film il ritmo dovuto a questa storia di disperati e lasciandovi intravedere una metafora della società, costretta nel carcere dell'odio mentre la natura magnifica si conserva nel più impassibile gelo." (Giovanni Grazzini, 'Il Corriere della Sera', 1 Settembre 1989)"Il meccanismo dell'azione, però, sottende un'intensa carica metaforica che lascia spazio alle più disparate interpretazioni simboliche: l'Alaska come la Siberia, il carcere come gulag; il treno sfrenato come il mondo impazzito in cui viviamo, o come il simbolo dell'intelligenza umana che irrompe in una natura ostile, la stazione di controllo; che smaschera il fallimento della moderna tecnologia; la corsa in treno come viaggio iniziatico nel rapporto tra Manny (J. Voight) e Buck (E. Roberts) che è anche una relazione tra padre e figlio; una riflessione sull'odio come fonte di umanità. Bisogna anche notare come Konchalovski si serve con intelligenza e libertà delle regole del cinema hollywoodiano d'azione: le accetta, ma non se ne fa schiavo. Bastano due esempi. Tutto il plot si fonda sull'antagonismo feroce tra Manny e Ranken, ma il regolamento finale dei conti è sbrigato con due colpi d'estintore. Tutto il film fa perno sull'attesa della collisione finale, ma, giuntovi dopo 110 minuti di tensione, Konchalovski lo risolve con un'immagine flou di un bianco che si dissolve nel bianco." (Morando Morandini, 'Il Giorno', 30 Agosto 1986)"Il risultato, invece, in tutto il resto, è già fissato in anticipo, ci debbono essere orrore, terrore, sussulti e fiati mozzi, e quelli si raggiungono: ma come si vedono spesso nella sale cinematografiche in città il sabato e la domenica, come i produttori astuti, dediti al successo solido, usano chiedere all'artigiano esperto che convocano nei loro uffici per un film destinato a battere certi precisi record di incassi. Una mentalità, un cinema che non ho mai pensato di discutere - hanno tutti i diritti di vivere e di proliferare, hanno tanto spazio nelle sale e nel costume - ma che discuto, sempre, quando li vedo accettati, e fatti addirittura propri, da autori che una volta ho stimato e quando li vedo tenere il cartellone ad un festival che vorrebbe anche far cultura." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 29 Agosto 1986)

SOGGETTO DI A 30 SECONDI DALLA FINE

DA UNA SCENEGGIATURA DI AKIRA KUROSAWA

INTERPRETI E PERSONAGGI DI A 30 SECONDI DALLA FINE

Attore Ruolo
Jon Voight
Manny
Eric Roberts
Buck
Rebecca De Mornay
Sara
John P. Ryan
Danken
Kyle T. Heffner
Frank Barstow
Kenneth McMillan
Eddie Mcdonald
T.K. Carter
Dave Prince
lascia un commento
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming