Zero Days, il trailer del documentario di Alex Gibney in concorso al Festival di Berlino 2016

- Google+
20
Zero Days, il trailer del documentario di Alex Gibney in concorso al Festival di Berlino 2016

Presentato ieri in concorso al Festival di Berlino 2016, Zero Days è il documentario nel quale Alex Gibney (premio Oscar per Taxi to the Dark Side) racconta la storia del virus informatico Stuxnet. E da stamane è dispobile online il primo trailer del film.

Perché dedicare un documentario a un virus informatico? Perché Stuxnet (sviluppato dai servizi segreti statunitensi in collaborazione con quelli israeliani, sebbene nessuno abbia mai ufficialmente confermato la cosa) è stato il primo virus a essere creato da uno Stato sovrano e con lo scopo esplicito di essere non un porta d'accesso a informazioni riservate ma una vera e propria arma: fu Stuxnet, infatti sabotare e creare danni fisici alla centrale nucleare di Natans, in Iran, negli anni del governo di Ahmadinejad.

In Zero Days, Gibney ne ricostruisce la scoperta, per poi raccontarne la genesi, lo scopo e le conseguenze con l'aiuto di testimonianze di rappresentati governativi, esperti di intelligence, di sicurezza informatica, e con la testimonianza di un'agente della NSA che rivela dettagli inediti sull'operazione.

Con un tema interessante e controverso, specie per quello che significa e che preconizza riguardo al territorio nuovo e inesplorato di una guerra condotta attraverso strumenti digitali, il film si pone a cavallo tra giornalismo investigativo, spionaggio e hacker-movie.
In attesa di sapere se lo vedremo in Italia, ecco il trailer di Zero Days.



Federico Gironi
  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Lascia un Commento
Schede di riferimento
Lascia un Commento