Will Smith: in principio era il principe

-
Share

Si è trovato nel posto giusto al momento giusto e, complice una buona dose di fortuna, oggi è uno degli attori più importanti di Hollywood. Will Smith è uno che sembra nutrirsi di divertimento, è impossibile pensare a lui se non con un sorriso stampato sulla faccia. Nato a Philadelphia 44 anni fa e cresciuto in una famiglia della media borghesia, a scuola viene soprannominato dalla maestra "Prince", per il modo elegante con cui riesce sempre a tirarsi fuori dai guai. A soli dodici anni si avvicina al mondo della musica ed aggiunge l’aggettivo "Fresh" (una parola molto in voga tra i rapper dell'epoca) al suo soprannome. Dall’incontro con il rapper Jeff Towns, nasce il duo DJ Jazzy Jeff and The Fresh Prince che, nel giro di poco tempo, riesce ad ottenere un buon successo, grazie anche al canale televisivo MTV che rende molte delle loro canzoni dei veri e propri tormentoni.

The Fresh Prince diventa milionario prima ancora di aver compiuto vent’anni, ma il successo gli dà alla testa e comincia a sperperare il suo patrimonio comprando case, auto e gioielli e finendo presto in bancarotta. Ma la fortuna aiuta gli audaci e per caso incontra un produttore esecutivo della Warner Bros., un certo Benny Medina, che ha in mente un’idea originale per una sitcom. Senza pensarci troppo Smith accetta e nasce così, nel 1990, Willy, il principe di Bel Air, in cui l’attore non deve far altro che interpretare il ruolo di se stesso, un ragazzo di Philadelphia trapiantato a Bel Air. La serie ottiene un successo strepitoso raggiungendo sei stagioni di vita.

Grazie alla popolarità ottenuta con il rap e grazie alla sua interpretazione sul piccolo schermo, finalmente anche il cinema si accorge di Will Smith e, dopo due piccole apparizioni, ecco arrivare, nel 1993, il primo ruolo importante, nel film Sei gradi di separazione di Fred Schepisi, dove interpreta un giovane omosessuale che sconvolge la vita di cinque coppie della New York bene.

Il film che lo lancia per sempre nello star system arriva due anni più tardi: è Bad Boys, action movie diretto da Michael Bay, in cui recita al fianco dell’attore comico Martin Lawrence e che, rompendo lo schema poliziotto nero/poliziotto bianco di Beverly Hills Cop e Arma letale, racconta le avventure di due poliziotti neri dal carattere molto diverso. La consacrazione definitiva arriva, però, con il blockbuster Independece Day di Roland Emmerich, dove è un marine che combatte per salvare il mondo da un’invasione aliena.

Dopo un matrimonio fallito con l’attrice Sheree Fletcher (1992 – 1995), con cui ha avuto il suo primogenito Trey (1992), Smith si sposa nuovamente, nel 1997, con l’attrice Jada Pinkett. Dalla loro unione sono nati Jaden (1998), che ha già all'attivo tre film importanti, e Willow (2000), che a soli dieci anni ha debuttato come cantante. Ma il 1997 è stato l’anno di un altro grande successo cinematografico, quello ottenuto con Men In Black dove, in coppia con Tommy Lee Jones, Smith deve vedersela ancora con degli extraterrestri. L’attore ha curato la colonna sonora di questo film e la canzone principale è stata poi inclusa nel suo album da solista, "Big Willie Style".

Segue l’action thriller Nemico pubblico di Tony Scott, fino ad arrivare al 1999, anno in cui The Fresh Prince fa un passo falso scegliendo di recitare in Wild Wild West, rinunciando al ruolo da protagonista nel fantascientifico Matrix dei fratelli Wachowsky. Matrix otterrà un successo strepitoso, entrando a far parte della storia del cinema, mentre Wild Wild West si rivelerà un vero flop, come anche la sua successiva scelta: La leggenda di Bagger Vance. Ma il tenace Will è pronto a riemergere dalle ceneri con una delle sue migliori interpretazioni, quella del famoso pugile Muhammad Alì nel biopic Alì, che gli vale una candidatura al premio Oscar e torna a far brillare il suo nome nel firmamento di Hollywood.

Gli anni seguenti sono quelli dei sequel di Men in Black (che nel 2012 ha avuto anche un terzo capitolo) e Bad Boys, entrambi andati discretamente al botteghino, ma che non sono riusciti ad eguagliare il successo dei primi. Ancora fantascienza con Io, Robot e una commedia, Hitch – Lui si che capisce le donne, dove al fianco di Eva Mendes interpreta il ruolo di un vero e proprio Casanova. Ma, dopo tante commedie, fantascienza ed alieni, per l’attore è arrivato il momento di mettere in mostra anche le sue doti drammatiche. L’occasione gliela dà l’italiano Gabriele Muccino con La ricerca della felicità, dove Smith dà grande dimostrazione delle sue doti recitative e duetta con il figlio Jaden, in un film che commuove il mondo intero. Arriva così la seconda candidatura agli Oscar.

Con Muccino tornerà a lavorare due anni più tardi nel drammatico Sette Anime. Intanto Smith veste i panni dell’antieroe alcolizzato Hancock e combatte, ultimo uomo sulla Terra, contro degli spietati vampiri in Io sono leggenda. Anche nel suo ultimo film, After Earth – Dopo la fine del mondo, Smith si ritrova su una Terra ormai abbandonata dall’umanità a causa di eventi catastrofici. Ma questa volta non è solo, con lui c’è il figlio, Jaden. Sarà proprio quest’ultimo ad affrontare mille difficoltà per salvargli la vita.

Con una carriera iniziata in età precoce e costellata da tantissimi successi, oggi Will Smith è considerato uno degli uomini più ricchi e potenti di Hollywood. In principio era un principe che, partito dalla strada grazie alla sua bravura, simpatia e con una buona dose di audacia, è riuscito in poco tempo ad entrare nei cuori di tutti noi, dove, come nelle migliori favole, si è trasformato in The Fresh King. Oggi Will Smith è maturo e consapevole delle proprie doti recitative, e, pur rimanendo attivo sulla scena, è pronto a passare il testimone al figlio Jaden che, per il momento, sembra molto intenzionato a ricalcare le fortunate orme del padre. La cosa certa è che nelle vene di entrambi scorre una buona dose di entertainment, così come testimonia questo divertente filmato.


Iscriviti alla nostra newsletter:

Lascia un Commento
Lascia un Commento