News Cinema

Valdagno, Arizona - la recensione del documentario

di

Firmato dal collettivo Pyoor, il documentario è centrato sulla prima autentica “città indiana” costruita nella riserva dei Navajo.

Valdagno, Arizona - la recensione del documentario

Valdagno, Arizona - la recensione del documentario

Firmato dal collettivo Pyoor, Valdagno, Arizona è centrato sulla prima autentica “città indiana” costruita nella riserva dei Navajo.
Utilizzata durante la Seconda Guerra Mondiale come campo di detenzione per gli americani di origine giapponese, Leupp è una cittadina nel deserto dell'Arizona, dove nulla si può si costruire, nulla piantare. Un luogo dove la gente canta "Madre Terra il mio cuore piange per te... il danno è stato fatto".

Il documentario nasce da un sogno di Umberto Marzotto, cantautore veneto dal cognome ingombrante (di Valdagno, appunto), che qualcuno ricorderà per il brano "Conta chi canta" (Festival Sanremo 1987). Un sogno vero il suo, di quelli che al risveglio non ti lasciano piu', durante il quale, al musicista, appaiono nel sonno i Nativi Americani.
Da quel momento Marzotto parte per l'Arizona e ci rimane parecchi mesi, coinvolgendo artisti internazionali e gente del posto in un progetto che ha dato vita al collettivo Pyoor, a questo documentario e
al disco “Native American”.

Settantacinque minuti in cui percorriamo con gli abitanti Navajo le tappe della loro utopia realizzata: la raccolta fondi per costruire le infrastrutture, l'utilizzo di energie rinnovabili grazie a pannelli solari e generatori eolitici (alternative non ne avevano), la prima fabbrica (la Navajo Nation), il primo supermercato, l'ufficio postale e la prima scuola pubblica (STAR School). Ascoltiamo le testimonianze di un popolo con una profonda visione spirituale della vita, con una consapevolezza della sacralità delle parole (nel loro vocabolario non esistono parolacce) e una forte capacità visionaria.
Un popolo il cui compito è proteggere Madre Terra, per il quale il canone della bellezza si stabilisce con criteri diversi (pazienza, comprensione, gentilezza d'animo, rispetto e dignità). Gente che lotta
contro il razzismo, contro la cultura dominante e definisce "guerriero" colui che agisce per mantenere la pace ed aiutare il prossimo.
 La posta in gioco è la sopravvivenza dell’identità culturale dei Nativi Americani stessi, preoccupati di non poter consegnare, alle loro future generazioni, le proprie tradizioni spirituali senza che queste siano ridicolizzate e peggio ancora annullate.

E' proprio questo lo scopo del collettivo Pyoor: aiutare e trasmettere interesse verso nuovi possibili modelli di sviluppo spesso ispirati a civiltà e tradizioni minoritarie.
Interessante la colonna sonora che racconta l'incontro con quest'universo. Scott Donaldson e Umberto Marzotto ne hanno eseguito le canzoni dal vivo in un concerto a Santa Fe che li ha visti dividere
il palcoscenico con gli amici Jonny Rosch, Susan C. Williams, Sammy Merendino e grandi talenti nativi americani, tra i quali l’ormai leggendaria Mary Youngblood, Tony Redhouse e la giovanissima e
talentuosa Jana Mashonee.
Anche se a tratti appare frammentario e manca di una solida regia (uniformata però da un montaggio libero e sperimentale) Valdagno, Arizona è comunque un bel viaggio o come direbbero gli aborigeni un “walkabout".
 



di Barbara Destro
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming