Tully: le prime immagini del film che riunisce Charlize Theron e Jason Reitman

- Google+
8
Tully: le prime immagini del film che riunisce Charlize Theron e Jason Reitman

Se Jason Reitman e Diablo Cody avevano già collaborato nel 2007 per Juno, nel 2011 i due avevano unito le forze con Charlize Theron per il discreto Young Adult, storia di una donna quasi quarantenne mai cresciuta che decide di tornare nella sua cittadina d'origine per riconquistare il ragazzo che amava al liceo.
La nostalgia, forse, di quest'ultimo film o magari l'amicizia che li aveva legati all'epoca ha spinto regista, sceneggiatrice e attrice a ritrovarsi ancora una volta per un film intitolato Tully, descritto come "una commedia sulla maternità" e incentrato sul rapporto di amicizia che si instaura tra una mamma di nome Mario e una tata notturna chiamata Tully.
In attesa del trailer, sono state diffuse le prime immagini ufficiali e, guardandole, si ha l’impressione che il film abbia un coté, se non horror, comunque inquietante. Insomma, non è da escludere che la giovane baby-sitter, che in una delle due foto guada intensamente la donna per cui lavora allattare amorevolmente il suo bambino, abbia cattive intenzioni.

Illuminato dalla fotografia di Eric Steelberg (al quale dobbiamo 500 giorni insieme, Tra le nuvole e gli stessi Juno e Young Adult), Tully vede duettare con la Theron Mackenzie Davis, che ricordiamo nelle serie Black Mirror e Halt and Catch Fire e in Blade Runner 2049.
In uscita nelle sale americane il 20 aprile, il film ha strappato immediatamente un sì a Charlize, che a proposito del nuovo sodalizio con Reitman ha dichiarato: "Lavorare ancora una volta con lui è stato come ricominciare dall'ultimo giorno di riprese di Young Adult, solo che questa volta c'erano un nuovo film e un nuovo personaggio. Per tutti questi anni la nostra amicizia si è mantenuta solida e importante. Lui non ha paura di raccontare storie di donne vere con debolezze vere - cose di cui qualche volta è scomodo prendere coscienza". 



Lascia un Commento
Schede di riferimento
Lascia un Commento