News Cinema

Toby Kebbell: alla scoperta di Victor von Doom, il Dottor Destino di Fantastic 4

24

Dal cinema indipendente inglese ai Fantastici Quattro passando per Rocknrolla ed Apes Revolution

Toby Kebbell: alla scoperta di Victor von Doom, il Dottor Destino di Fantastic 4

Fra i villain più intriganti e torbidi dell’intero universo dei cinecomic, il Doctor Doom (o Dottor Destino) – alias Victor von Doom ­- è la nemesi di Mr. Fantastic nel Fantastic 4 di Josh Trank, reinterpretazione in chiave dark delle avventure dei marveliani Fantastici Quattro.

A indossare l’armatura e la maschera dell’ex compagno di università di Reed Richards sfigurato nel corpo e nel volto a seguito di un esperimento andato male, stavolta è il britannico Toby Kebbell, che non ha certo l’aria da bravo ragazzo di un Jamie Bell o di un Michael B. Jordan.
Nel film lo vedremo con il viso coperto, ma l’atteggiamento e la voce tradiscono comunque un’aria appena maudit che amplifica il fascino inquietante del personaggio.
Sappiamo che questa sua versione è leggermente diversa dalle precedenti e che Kebbell definisce Victor un’anima guasta, un ex ragazzino problematico, un giovane uomo molto intelligente ma poco tollerante.

Per l’attore la vera sfida è stata renderlo malvagio e misterioso senza scivolare nello stereotipo. Secondo i produttori, la missione è stata portata a termine felicemente, forse perché Kebbell veniva da un altro cattivo, lo scimpanzè Koba che in Apes Revolution dava del filo da torcere al protagonista Cesare.
Il sequel de L’alba del pianeta delle scimmie, tuttavia, non è l’unica esperienza importante di Toby. La sua è una carriera ricca di soddisfazioni, come stiamo per scoprire nelle prossime righe.

Tobias Alistair Patrick Kebbell – e non semplicemente Toby Kebbell – nasce il 9 luglio del 1982 a Pontefract, nello Yorkshire, in Inghilterra. La sua è una famiglia piuttosto benestante, con una madre architetto di giardini e un padre ingegnere, e ciò gli permette di seguire liberamente la propria vocazione artistica, lasciando la scuola per fare il pittore e decoratore, per poi dedicarsi alla recitazione.
L'esordio davanti alla macchina da presa avviene nel 2004, quando il regista indipendente Shane Meadows lo chiama a recitare al fianco di Paddy Considine in Dead Man's Shoes – Cinque giorni di vendetta, affidandogli il ruolo di un ragazzo semi ritardato. La performance di Toby – frutto di un lavoro di soli tre giorni – è straordinaria e gli frutta una candidatura come miglior esordiente ai British Independent Film Awards.

A notare Toby Kebbell in Dead Man's Shoes è Woody Allen, che nel 2005 lo chiama a interpretare un piccolo ruolo in Match Point.
Forte anche dell'esperienza di Alexander – in cui appare brevemente – l'attore comincia così a crescere professionalmente, trovando la sua seconda grande occasione in Control, il film di Anton Corbijn dedicato a Ian Curtis, cantante e paroliere dei Joy Division. In questo discreto biopic il nostro fa la parte del manager della band Rob Gretton e si rivela talmente bravo da vincere il BAFTA come miglior attore non protagonista.
Nel 2008 Kebbell flirta nuovamente con la scena musicale britannica (anche se nella più pura invenzione) in Rocknrolla, in cui è la rock star drogata Johnny Quid. Anche stavolta il risultato è ottimo e la posterità potrà godere di un suo splendido monologo sul senso della vita accompagnato dal suono di un pianoforte.

Da persona intelligente che sa di dover flirtare di tanto in tanto con Hollywood, Toby non ha mai disdegnato il puro intrattenimento: così, a cominciare dal 2010, eccolo cimentarsi nei family movie Prince of Persia, L'apprendista stregone e La furia dei titani. Da ricordare soprattutto il primo, in cui l'attore impersona uno dei fratellastri del personaggio di Jake Gyllenhaal.

Frequentatore saltuario dei set televisivi – lo rammentiamo in una versione moderna di "Macbeth" al fianco di James McAvoyKebbell ha di recente avuto il privilegio di essere diretto da tre pezzi grossi del cinema americano: Robert Redford, Steven Spielberg e Ridley Scott. Il primo lo ha voluto in The Conspirator, il secondo in War Horse e il terzo in The Counselor. Certo... potevano pure affidargli ruoli più significativi... ma Toby è pronto a rifarsi proprio a partire da questo 2015: non solamente con Fantastic 4, ma anche con una serie di progetti di portata non indifferente. Qualche esempio? Il mix di dramma, fantasy e horror A Monster Calls e il reboot di Ben Hur, nel quale l'attore sarà Massala. In gamba, allora, brit boy!

 



  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming