Schede di riferimento
News Cinema

The Story of My Wife: un algido ed elegante mélo della gelosia in concorso al Festival di Cannes 2021

Léa Seydoux e Gijs Naber (ma c'è anche Louis Garrel) sono i protagonisti del film in lizza per la Palma d'oro scritto e diretto da Ildikó Enyedi a partire dal romanzo di Milán Füst "La storia di mia moglie".

The Story of My Wife: un algido ed elegante mélo della gelosia in concorso al Festival di Cannes 2021

In Corpo e anima Ildikó Enyedi ha raccontato, mescolando commedia, dramma psicologico e surrealismo, ha raccontato le possibilità dell'amore.
Ora invece in The Story of My Wife - melodramma asciuttissimo e di grande eleganza - sembra volerne evidenziare le ombre, i limiti, i lati oscuri.
Alla base un romanzo molto noto, "La storia di mia moglie" di Milán Füst (Adelphi in Italia), che valse al suo autore una candidatura al Nobel. Nel cast Léa Seydoux, l'olandese Gijs Naber, e un Louis Garrel sempre più specializzato in ruoli da antipatico (chissà come mai).
La storia è semplicissima, anche se Füst la raccontava in oltre 400 pagine, tradotte dalla Enyedi in film di quasi tre ore: quasi per scommessa, e perché sente mancargli qualcosa, un capitano di navi mercantili ruvido e solitario sposa una bella ragazza vivace e capricciosa appena conosciuta. Se ne innamora però profondamente, e con l'amore nasce in lui anche la gelosia che lo tormenta (anche perché c'è sempre di mezzo quella simpatia di Garrel). Lo fa inutilmente? Ha ragione? Rischia la profezia autoavverante?

Sette capitoli, i cui titoli sono sempre sospesi tra didascalismo e ironia, per raccontare la progressiva evoluzione (o involuzione, se volete) di una storia d'amore, della vita di una coppia, esposta alle intemperie della vita, che sa essere più complessa da navigare e più pericolosa da attraversare di un mare in tempesta.
Lo sguardo di Enyedi è lucido, nitidissimo, di estrema precisione e al tempo stesso di massimo rigore, nel racconto di una vicenda dolorosa e perfino straziante, ma in qualche modo sempre sempre implosa, come la recitazione imposta a Naber, che affida agli sguardi e ai muscoli del viso la sua sofferenza e la sua rabbia.

Anche attraverso alcune soluzioni visive affascinanti - su tutte, giocoforza, quelle che hanno come oggetto il mare, le navi e il mondo della navigazione - The Story of My Wife racconta dello scontro tra un maschile e un femminile che non sanno intendersi, che si irritano, provocano, ma anche attraggono a vicenda, incapaci di una soluzione stabile.
Racconta di quell'incrocio complicato tra fiducia reciproca, bisogno d'indipendenza, necessità affettive e certezze sentimentali che sta al centro di ogni rapporto.
Parla anche, con qualche piccolo compiacimento di troppo, e con un pessimismo piuttosto sfacciato, delle mille difficoltà e delle tante insensatezze dello stare al mondo.
Tutto è giusto, tutto è misurato, tutto è corretto. Anche troppo. Qualche rischio in più, qualche passione in più, non avrebbero stonato.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming