News Cinema

The Prestige, il film in cui Nolan tira fuori il libro dei trucchi

La magia e l’illusionismo, insomma un po’ anche il cinema di Christopher Nolan al centro di uno dei migliori film del regista inglese.

The Prestige, il film in cui Nolan tira fuori il libro dei trucchi

Cosa c’è di reale e cosa di inventato o di magico? Il cinema di Christopher Nolan si muove lungo un binario in equilibrio sul niente, sul tempo che scorre indietro o in avanti, ma anche sulla percezione che noi spettatori abbiamo di quello che vediamo. Un cinema che sfida, sempre in movimento, negli ultimi film sempre più concentrato sullo spazio tempo, dall'andamento narrativo non lineare di Memento fino ad arrivare alla guerra scadenzata dal ticchettio di un orologio analogico implacabile in Dunkirk, passando per il più complesso, filosofico, ma in fondo lineare dei film che affrontano questa tematica: Interstellar.

The Prestige, l'illusionista di fronte al suo pubblico

Nel 2000 una produttrice diede da leggere il romanzo The Prestige di Chrtistopher Priest al giovane regista britannico Christopher Nolan, che aveva appena diretto il suo primo successo di culto, Memento, il secondo film in assoluto dopo l’opera prima Following. Due protagonisti, due maghi illusionisti alle prese più con un rapporto fuori dal palco che con la messa in scena davanti a un pubblico. Una lunga fase per decidere come approcciare la storia, in cui Jonathan Nolan, fratello e co-sceneggiatore del fratello, ha frequentato degli illusionisti professionisti dietro le quinte dei loro spettacoli. 

La fase di scrittura ha richiesto ben cinque anni, durante i quali hanno lavorato a Insomnia e Batman Begins, prima di portare al cinema nel 2006 The Prestige. Decisero alla fine di raccontarlo suddividendo in tre atti la vicenda, i tre elementi principali dell’illusione nel film: la promessa, la svolta e il prestigio. Come ha detto lo stesso Nolan, “Il regista, ancora più che il romanziere è molto simile ad un mago nel modo in cui scegliamo di rivelare le informazioni, cosa dire al pubblico e quando il punto di vista in cui trasciniamo la platea. Usiamo queste tecniche per ingannare il pubblico, per trascinarlo in vari vicoli ciechi e false piste e via dicendo, e infine speriamo a una conclusione narrativa soddisfacente”.

Siamo nella Londra vittoriana di fine ‘800 mentre si esibiscono due illusionisti di grande talento: Alfred Borden (Christian Bale) e Robert Angier (Hugh Jackman), amici oltre che e colleghi, accompagnati anche da Julia, la moglie di Angier. Quando quest’ultima muore sul palco durante uno spettacolo Robert, disperato, dà la colpa a Alfred per il dramma e i due diventa presto nemici e rivali. Del resto, ogni grande inimicizia parte da un’amicizia andata a male. I due diventano dei grandi illusionisti in quanto a successo, non solo a talento, in un gioco al massacro in cui cercano di sabotare uno lo spettacolo dell’altro; non così complicato, specie se c’è di mezzo un’arma da fuoco.

Il film presenta una continua serie di salti indietro e avanti nel tempo, tanto che Nolan si è aiutato con un diario per capire in ogni momento dove si trovasse, se nel passato, nel presente o nel futuro. Il film ha incassato 110 milioni di dollari nel mondo, di cui poco meno della metà negli Stati Uniti. Ha ottenuto due candidature all’Oscar, per la fotografia e per la scenografia. Nel sontuoso cast del film, oltre ai due protagonisti, ci sono Scarlett Johansson, Rebecca Hall, Piper Perabo, Michael Caine, Andy Serkis oltre a una rara apparizione di David Bowie.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming