News Cinema

Speciale Indiana Jones - un eroe multimediale

Per molti il personaggio di Indiana Jones si identifica con la prima trilogia cinematografica a lui dedicata. Il buon Indy è tuttavia nel corso degli anni anche uscito dalla celluloide, con numerose incarnazioni: fumettistiche, videoludiche, televisive, letterarie. Ripercorriamo la sua carriera e la sua evoluzione.

Speciale Indiana Jones - un eroe multimediale

Speciale: Indiana Jones, un eroe multimediale


L'idea che all'inizio degli anni Settanta balenò in testa a George Lucas, quella di omaggiare i serial cinematografici di avventura anni Trenta-Quaranta, era una scommessa, non diversa dalla riproposizione della fantascienza alla Flash Gordon con Guerre Stellari.
Quando, dopo American Graffiti (1973), Lucas riuscì ad ottenere i finanziamenti per Star Wars, l'idea di quell'altro omaggio fu momentaneamente accantonata, per venire poi ripresa alla fine del decennio. Originariamente I predatori dell'arca perduta doveva essere diretto da Philip Kaufman (L'insostenibile leggerezza dell'essere), che ne aveva concepito il soggetto con Lucas e aveva suggerito l'idea dell'Arca dell'Alleanza. Ben sapendo che l'amico Steven Spielberg desiderava ardentemente dirigere un James Bond, quando Kaufman si tirò indietro, Lucas propose questo progetto simile all'entusiasta Spielberg, reduce dal fiasco di 1941.Il film che il pubblico nel 1981 si trovò davanti, pur diretto con virtuosismo ed inventiva da Steven, era il prosieguo logico di un cinema che bilanciava nostaglie personali con professionalità spettacolari: l'essenza dell'entertainment, da molti punti di vista del tutto indipendente, di George Lucas.

Nella storia dell'archeologo-avventuriero Indiana Jones, che nel 1936 cerca di sottrarre ai Nazisti il ritrovamento dell'Arca dell'Alleanza con l'aiuto del fidato Sallah e della ribelle Marion Ravenwood, confluì di tutto: scenografie ed esotismo old-style, tecnologie moderne, ingenuità d'altri tempi e magico equilibrio tra autoironia e sincero trasporto, anche grazie alla sceneggiatura di Lawrence Kasdan, che aveva già scritto L'impero colpisce ancora e che sarebbe stato in futuro autore de Il Grande Freddo. I fan discutono ancora sulla dipendenza del personaggio di “Indy” dal suo interprete Harrison Ford, che lo soffiò per un colpo di fortuna al selezionato Tom Selleck, che dovette rinunciare per non pagare una forte penale sullo stop di “Magnum P.I.”. Anche se la vulnerabilità del personaggio, suo punto di credibilità e simpatia, deve molto alla recitazione naturale e non gigionesca di Ford, Lucas non ha mai pensato al cinema come centro focale della sua imprenditorialità creativa. Un accenno a ciò che sarebbe stato Indiana lo si ebbe già nello stesso 1981, quando la Marvel Comics pubblicò in edicola un adattamento del film sotto forma di fumetto, contemporaneamente alla prima “novelization” della sceneggiatura.
Il successo al di là delle aspettative dei Predatori, prodotto con la Paramount con un budget relativamente basso di 20 milioni di dollari, non poteva non richiamare un prosieguo della serie. Indiana Jones e il Tempio Maledetto, uscito nel 1984, diretto sempre da Spielberg e scritto dai co-autori di American Graffiti, Willard Huyck & Gloria Katz, era un prequel che vedeva Indy affrontare in India nel 1935 un pericoloso culto di Shiva, accompagnato dalla recalcitrante cantante Willie Scott e dallo scatenato cinesino Short Round. Nonostante un'ultima memorabile mezz'ora che ridefinì il concetto di “action-movie” con riprese spettacolari, i fan generalmente considerano il secondo film della saga come il meno convincente.
In realtà Lucas aveva già cominciato il suo processo di esplorazione del personaggio: dal 1983 la Marvel aveva iniziato la pubblicazione di un comic-book mensile (poi bimestrale), che fino al 1986 narrò imprese originali dell'archeologo, The Further Adventures of Indiana Jones, parzialmente pubblicato in Italia da Bonelli. Il debito con la narrativa di massa, nel caso specifico col fumetto pre-Marvel, vicino al “Tyler's Luck” del 1928 (“Cino e Franco” in Italia) si dimostrava in questi fumetti più forte che ne I predatori: gag spaccone in gran quantità, un Indiana super-eroe strafottente, situazioni che oscillavano tra il sovrannaturale e il poliziesco, didascalie enfatiche di un narratore onniscente. Nessuna sorpresa se Il tempio maledetto è quindi il più volutamente kitsch della saga: la sua cupezza grottesca poggia su una storia che non deve pagare debiti di rispetto alla tradizione cristiana, ed è stato probabilmente il gioco dell'autoironia, sin troppo scoperto, ad aver allontanato chi di Indiana aveva apprezzato il lato “serio”.
Fu forse per questa ragione che Lucas, quando alla fine degli anni Ottanta volle concludere la trilogia, decise di tornare all'impostazione più nobile e relativamente più plausibile de I predatori. Questa volta Indy sarebbe andato alla ricerca del Santo Graal, di nuovo contendendosi la reliquia con i Nazisti, nel 1938. Una battuta d'arresto arrivò però da Spielberg, che nicchiò davanti a quello che si prospettava come un semplice remake del primo film. Le scelte che seguirono a queste obiezioni non solo partorirono nel 1989 Indiana Jones e l'Ultima Crociata, a detta dei fan la pellicola migliore della serie, ma diedero definitivamente a Lucas la convinzione che Indy potesse espandersi al di là della dimensione cinematografica. Il prologo che raccontava come Indy da ragazzino (il compianto River Phoenix) nel 1912 avesse ottenuto cappello e frusta e avesse “scoperto” l'archeologia, unito al rapporto che per tutto il film Indiana aveva con suo padre, interpretato da un sornione Sean Connery, donò al personaggio una dimensione nuova: una vera continuity seriale. Dopo il successo ancora una volta mirabolante del film, che offriva la scioltezza registica del secondo film sorretta dalla grandeur del primo, grazie anche al perfetto copione di Jeffrey Boam (Salto nel buio), Indy forse poteva vivere senza Harrison e Spielberg.

Indiana, oltre il grande schermo

Henry Jones Jr. detto “Indiana” (in realtà il nome del suo cane, nonché del cane di Lucas) non è stato assente dagli anni Novanta, anzi. Lucas mette presto in cantiere quattro nuove incarnazioni del suo beniamino. La prima è una serie televisiva, Le avventure del giovane Indiana Jones (1992-96), in cui si segue Indiana dalla tenera età (1908) all'adolescenza (1920), in compagnia di due attori, Corey Carrier, che lo interpreta da bambino, e Sean Patrick Flanery, che lo interpreta da giovane. Questa serie ha nettamente diviso gli appassionati: di fatto è differente dai film per la quasi totale assenza dell'elemento sovrannaturale, sostituito da un'impostazione “educational” che vede Indy interagire con grandi avvenimenti storici come la I Guerra Mondiale e grandi personaggi come Lawrence d'Arabia, Albert Schweitzer, Tolstoj, Edison e Pancho Villa. Frusta e fedora non mancano, ma la dimensione amabilmente cialtrona latita e la cornice con un Indy ottuagenario che ricorda il passato (interpretato da George Hall) si rivelò così pateticamente buonista da essere eliminata dallo stesso Lucas nelle riedizioni home-video della serie. Chiuso alla seconda stagione per mancanza d'interesse da parte del grande pubblico, il ricco telefilm, elegante nelle ricostruzioni e a suo modo pur sempre unico nel panorama televisivo, vide un cammeo di Ford nei panni di un Indy cinquantenne nella cornice dell'episodio “Il mistero del Blues” (1992). Tra i nomi illustri alla regia, Nicolas Roeg, Mike Newell, Joe Johnston; tra gli sceneggiatori, Frank Darabont e Jonathan Hales, che avrebbe poi scritto con Lucas Episodio II: Attacco dei cloni.
Mentre i telespettatori cercavano di entrare in sintonia con un Indy così diverso, i videogiocatori dotati di PC si godevano un Indy classico in piena forma, impegnato nel 1939 a scoprire il continente perduto di Atlantide prima degli onnipresenti Nazisti, interessati al potente metallo/carburante dell'oricalco. Il videogame, intitolato “Indiana Jones and the Fate of Atlantis” (1992), era un'avventura grafica, il genere videoludico più narrativo, costituito da dialoghi interattivi, esplorazione e risoluzione di enigmi. Sceneggiatura e direzione del progetto erano a cura di un ex-cineasta: quell'Hal Barwood che collaborò al copione dell'esordio cinematografico di Spielberg, Sugarland Express (1974). Il gioco rimase tanto radicato in chi lo provò, da essere considerato per anni l'ufficiale quarto capitolo delle avventure di Indy, subito dopo L'ultima crociata, anche se non vi era alcuna somiglianza tra lo striminzito omino sullo schermo e Harrison Ford. La scommessa era vinta.
Sulla scia del gioco, Lucas avviò una partnership con la Dark Horse Comics, che iniziò nel 1991 proprio con un adattamento a fumetti di “Fate of Atlantis”, proseguendo per tutto il decennio con pubblicazioni sporadiche di pregevoli graphic novel di quattro albi ciascuna, dedicate all'Indy maturo, più rifinite graficamente, meno pulp e in generale meno retro. Quarto tassello dell'Indy dei Novanta è la serie di romanzi ufficiale patrocinata da Lucas e scritti, nell'ordine, da Rob MacGregor, Martin Caidin e Max McCoy. I libri coprono il personaggio dalla fine della serie tv (1920) agli anni Trenta, a ridosso dei film. L'alta plausibilità storica e il maggiore realismo dei telefilm incontrano sulla pagina scritta il tono scanzonato e il sovrannaturale della trilogia cinematografica. Solo i primi tre volumi sono stati editi in Italia nel '92 dalla Granata Press: “Pericolo a Delfi”, “La danza dei giganti” e “I sette veli”. Un'altra serie di romanzi, solo in lingua tedesca, scritti da Wolfang Hohlbein e senza la supervisione diretta della Lucasfilm, hanno invece negli stessi anni coperto l'Indy post-trilogia.
Spentasi la frequenza degli albi Dark Horse, chiusa la serie tv ed esauritasi la vena romanziera, Indiana è stato presente nel 2000 solo in ambito videoludico. Alla fine del 1999 è stato pubblicato dalla LucasArts per PC “Indiana Jones e la Macchina Infernale”, ragionata interessante imitazione di “Tomb Raider”, sempre scritto e diretto da Hal Barwood. Nella Guerra Fredda nel 1947, Indy si contende con uno scienziato stalinista il ritrovamento di una misteriosa macchina un tempo custodita nella mitica Torre di Babele: l'ambientazione e l'ammiccamento fantascientifico del gioco anticipano in modo evidente la direzione intrapresa dal franchise in Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo. Più debole si è invece rivelato nel 2003 il ripetitivo gioco d'azione “Indiana Jones e la tomba dell'imperatore” per PC e console, con un Indiana che nel 1935 cerca di anticipare i Nazisti nel ritrovamento del Cuore del Drago, appartenuto al primo Imperatore della Cina.
All'uscita del quarto film, proposto da Lucas a Spielberg e Ford già nel 1992 e da allora trascinatosi in innumerevoli riscritture e diversi ripensamenti, il mito di Indiana Jones si scopre quindi modificato non solo dai tempi mutati, ma anche da tutti gli esperimenti di espansione che il suo creatore ha portato avanti negli ultimi quindici anni. George Lucas continua a piazzare scommesse sulle sue creazioni. I fan lo seguiranno?



  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming