News Cinema

Sindrome cinese: Jane Fonda, Jack Lemmon e Michael Douglas contro il nucleare

1

Tutto quello che c'è da sapere su Sindrome cinese, il film del 1979 di cui Fonda e Douglas furono anche produttori e che valse a Lemmon il premio come miglior attore a Cannes nel 1979.

Sindrome cinese: Jane Fonda, Jack Lemmon e Michael Douglas contro il nucleare

Jane Fonda, Michael Douglas e Jack Lemmon sono i protagonisti di Sindrome cinese, il film del 1979 presentato in concorso al Festival di Cannes e candidato a quattro premi Oscar.

Sindrome cinese: la trama

La giornalista televisiva Kimberly Wells (Jane Fonda) e il suo amico e cameraman Richard Adams (Michael Douglas) stanno realizzando un servizio sulla centrale nucleare di Ventana, in California, e nel corso della loro visita alla struttura sono testimoni di un incidente dalle drammatiche conseguenze evitato per poco. Il servizio sull'accaduto viene però bloccato dai responsabili dei loro canale. Ad aiutarli contro chi vuole mantenere il silenzio su certe verità sarà proprio il responsabile della centrale, Jack Godell (Jack Lemmon): iniziando a temere che ci sia qualcosa che non va nella gestione dell'impianto, chiederà l'aiuto di Kimberly e Richard per fare chiarezza sull'accaduto.

Sindrome cinese: il trailer del film

L'uscita, le polemiche, il vero incidente

Sindrome cinese, uscito nelle sale americane il 16 marzo del 1979 e presentato al Festival di Cannes nel successivo mese di maggio, dove Jack Lemmon venne meritatamente premiato come miglior attore, è stato il primo grande film proveniente da Hollywood che metteva l'opionione pubblica americana in guardia nei confronti dei rischi del nucleare.
Le reazioni dell'industria del settore, come facilmente immaginabile, non furono buone, e il film venne accusato di eccessivo allarmismo a fini spettacolari. Ironia della sorte, dopo soli dodici giorni dal debutto del film nei cinema, avvenne un vero incidente nella centrale nucleare situata sull'isola di Three Mile Island, nella Contea di Dauphin, in Pennsylvania, dove ci fu una parziale fusione del nocciolo. A tutt'oggi, è il più grave incidente nucleare avvenuto negli Stati Uniti d'America.
Nonostante i social ancora non esistessero, ma complottismo e qualunquismo sì, venne ipotizzato da alcune parti che l'incidente di Three Mile Island fosse una trovata promozionale per sostenere il film, che comunque si era già affermato come un successo di pubblico e critica. Per tutta risposta la Columbia Pictures, che distribuiva il film negli USA, decise di ritirare il film da un certo numero di sale.

Jane Fonda e Michael Douglas: interpreti e produttori

Sindrome cinese venne prodotto dalla IPC Film di Jane Fonda e Bruce Gilbert, e Michael Douglas assunse il ruolo di produttore prima ancora di decidere di recitare lui stesso nel film, nel ruolo che era stato inizialmente destinato a Richard Dreyfuss, che abbandonò il progetto poco prima dell'inizio delle riprese.
Douglas aveva già prodotto Qualcuno volò sul nido del cuculo, e pur avendo alle spalle il successo televisivo di Le strade di San Francisco, aveva da poco iniziato la sua carriera d'attore cinematografico interpretando film come Coma profondo e Running - Il vincitore.
L'impegno politico di Jane Fonda era ed è ben noto, e l'opposizione al nucleare era uno dei punti centrali del programma della Campagna per l'economia democratica fondato da Tom Hayden, uno dei Chigago 7, gli attivisti che verranno presto raccontati in un film di Aaron Sorkin. Hayden era in quegli anni il marito di Jane Fonda.

Il copione di Mike Gray

Il copione del film è stato scritto in origine da Mike Gray, che nel 1971 aveva diretto un controverso documentario sulle Black Panthers dal titolo L'assassino di Fred Hampton (tanto che in un primo momento si era pensato di farlo dirigere a lui). Successivamente la sceneggiatura, cui il background da ingegnere e autore di manuali tecnici di Gray aveva dato una solida base di realismo, fu rivista da T.S. Cook e dal regista incaricato di dirigere il film, James Bridges.
Sindrome cinese fu il primo successo di Bridges, che poi diresse anche film come Urban Cowboy, Perfect e Le mille luci di New York.

Jack Lemmon, una determinazione (quasi) da Oscar

Michael Douglas s'imbatté nella sceneggiatura di Gray subito dopo aver realizzato Qualcuno volò sul nido del cuculo, ed era alla ricerca di nuove storie da portare al cinema. Riuscì ad assicurarsi la partecipazione di Jack Lemmon già nel 1976, e nonostante i tempi della pre-produzione si allungarono più del previsto, di oltre un anno, l'attore rimase sempre legato al film e pronto a iniziare le riprese anche con un breve preavviso. Anche per questo il calendario delle riprese fu strutturato per permettere a Lemmon di partecipare alle prove di "Tribute", lo spettacolo di Broadway poi portato al cinema nel 1980 col titolo Serata d'onore.
Oltre a vincere il premio come miglior attore, Lemmon fu anche nominato all'Oscar come miglior attore protagonista (le altre nomination andarono a Jane Fonda, alla sceneggiatura e alla scenografia) ma venne battuto dal Dustin Hoffman di Kramer contro Kramer



  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming