News Cinema

Saoirse Ronan: filmografia della candidata all'Oscar per Brooklyn

2

L'attrice cominciò da giovanissima con Espiazione, ora è una delle star più richieste a Hollywood.

Saoirse Ronan: filmografia della candidata all'Oscar per Brooklyn

Saoirse Ronan è nominata al premio Oscar 2016 come miglior attrice non protagonista in Brooklyn, la storia di una ragazza irlandese che emigra in America negli anni Cinquanta: trova l'amore, ma il passato la segue dalla sua terra.

Una storia molto vicina al trascorso reale di Saoirse Úna Ronan, che nasce nel 1994 a New York, da genitori attori irlandesi, tornati in patria quando lei ha solo tre anni (tuttora Saoirse mantiene una doppia cittadinanza, irlandese e americana). Inizia a recitare sin da piccolissima, con ruoli minori per la tv irlandese: nel 2003 il medical drama The Clinic, tra il 2004 e il 2005 è nel cast della fiction d'inchiesta politica Proof.

Anche se perde il ruolo di Luna Lovegood in Harry Potter e l'Ordine della Fenice, sta per incontrare il successo: con un provino convince il regista Joe Wright ad affidarle il ruolo della giovanissima Briony Tallis, nell'adattamento di Espiazione (2007), dal romanzo di Ian McEwan. A 13 anni è investita da una doppia nomination, al Golden Globe e all'Oscar come migliore non protagonista. Ricambierà il favore interpretando ancora con la regia di Wright l'action- thriller Hanna nel 2011. Ad ogni modo, dopo Espiazione la strada della sua carriera è spianata, e nel frattempo esce, dopo due anni di vicissitudini distributive, Houdini – L'ultimo mago (2005-2007), dove recita al fianco di Catherine Zeta-Jones.

Dopo la breve parentesi fantasy di Ember – Il mistero della città di luce (2008), un altro grande regista le offre una preziosa opportunità: è Peter Jackson, con il suo criticato Amabili resti (2009), adattamento del libro omonimo di Alice Sebold. Il film non riscuote il successo sperato, ma Saoirse porta a casa una nomination ai BAFTA. Prima di levarsi una soddisfazione con il riscontro di pubblico solido per Grand Budapest Hotel di Wes Anderson (2014), dove ad ogni modo fa parte di un vero ensemble, incrocia il drammatico The Way Back (2009) di Peter Weir e Byzantium (2012) di Neil Jordan, che magari non ne alimentano la fama al boxoffice, ma la nobilitano con set gestiti da mostri sacri del cinema contemporaneo.

Non le vanno troppo bene gli excursus in territorio distopico, che ha portato più fortuna ad alcune sue colleghe: The Host (2013) da Stephenie Meyer cade nel vuoto, così come How I Live Now (2013) di Kevin Macdonald. La sua consacrazione con Brooklyn di John Crowley (2015), per il quale riceve le nomination a Oscar e Golden Globe, arriva nello stesso anno in cui si cimenta col cinema indipendente, nello strano Stockholm, Pennsylvania, al fianco di Cynthia Nixon.



  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming