Schede di riferimento
News Cinema

Ready Player One, le prime reazioni della critica americana, mentre Spielberg pensa a un biopic

51

Il regista starebbe valutando una biografia di Leonard Bernstein, compositore di West Side Story.

Ready Player One, le prime reazioni della critica americana, mentre Spielberg pensa a un biopic

Arriverà in Italia il 28 marzo 2018 Ready Player One, ultima fatica di Steven Spielberg, adattamento del romanzo cult di Ernest Cline (anche coautore della sceneggiatura). Negli States la critica americana lo ha già visto, quindi siamo in grado di ponderare sulle loro recensioni e rilevare delle tendenze generalizzate nelle reazioni. Sconsigliamo di proseguire se non volete farvi influenzare, ma sappiamo che se avete amato quell'inno alla cultura nerd tra gli anni Settanta e Ottanta non potrete resistere. Se volete fermarvi qui, vi comunichiamo prima che, stando ad alcune voci, Spielberg avrebbe organizzato mercoledì la lettura di un copione insieme a "grandi nomi hollywoodiani": si tratterebbe di un biopic di Leonard Bernstein, coautore di West Side Story, sul cui remake come sappiamo Steven è al lavoro. Gay non dichiarato, simpatizzante delle Pantere Nere, interessato al tema delle disparità sociali: Bernstein senz'altro fornisce materiale per uno dei film politici ai quali Spielberg ci ha abituato negli ultimi anni (vedasi The Post). Qualsiasi progetto il regista decida di abbracciare, arriverà comunque dopo le riprese di Indiana Jones 5, previste nel 2019. Torniamo però al verdetto su Ready Player One.

Vi aspettereste un "ni"? Esaminando il pericoloso ma altrettanto amato Metacritic, non è tanto l'attuale media del "65" a farcelo pensare, quanto una lettura tra le righe anche dei commenti positivi. The Verge e Playlist per esempio, pur promuovendo il film, scrivono di un "dinamismo coinvolgente anche quando i personaggi non lo sono" e di un film che "non sa fermarsi un attimo, soffre della sindrome di una bassa soglia d'attenzione, con una tendenza alla dispersione narrativa."  Due commenti che fanno pensare, se li associamo a quel che dice Indiewire, pure il più entusiasta di Ready Player One: lo definisce "il più grande film per le masse che Spielberg abbia fatto negli ultimi anni", però leggiamo anche che "è un po' troppo lungo e si trascina un po' nel finale." Insomma, le recensioni positive sono concordi nel considerarlo un grande spettacolo di effetti visivi e computer grafica, ma non proprio dei più memorabili a livello narrativo.
Non a caso sono questi ultimi elementi a diventare il perno di chi il film l'ha demolito, come The Guardian e ScreenCrush: "personaggi fatti con lo stampino, trama vuota" e "un frullato di cultura pop che prende amate icone del cinema, ne ridipinge la scocca con una CGI abbagliante e le fa rozzamente cozzare una contro l'altra, come un bimbo che gioca con le action figure". Ouch.
E per quanto riguarda le temute e come sempre inevitabili modifiche al romanzo? The Hollywood Reporter, che promuove il film, le nota ma minimizza: "Ci sono grossi cambiamenti in caratteristiche e struttura, ma lo spirito e la suspense rimangono intatti".
Dovrete attendere ancora qualche giorno per conoscere il verdetto di ComingSoon.it.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming