News Cinema

Quest'anno, a Cannes, il bianco e nero patinato si porta tantissimo

36

Da Federico Gironi, nostro inviato al Festival di Cannes 2018, un breve appunto trans-filmico

Quest'anno, a Cannes, il bianco e nero patinato si porta tantissimo

Cos'hanno in comune due film apparentemente diversissimi come Leto e Cold War, visti al Festival di Cannes in questi ultimi due giorni?
Sicuramente la provenienza da paesi dell'ex blocco comunista e il tratteggiarne, più o meno tangenzialmente, la storia.

Poi il ruolo importante, centrale, che la musica ricopre.
E, infine, quello di raccontare - con le debite differenze - storie d'amore più o meno appassionate e maledette che vedono la donna alle prese con le difficoltà legate alle scelte da fare nella loro vita, e con la loro più o meno legittima e giustificata volubilità (non me ne vogliano hashtaggatrici varie).

Più di tutto questo, però, hanno in comune l'utilizzo di un bianco e nero nitidissimo e patinatissimo, che non solo serve ai loro registi a storicizzare il racconto, ma anche a regalargli un'allure estetica che, alla fine dei conti, è più ruffiana che altro, e che applica un velo pubblicitario da profumo griffato ai volti delle loro due belle protagoniste, Irina Starshenbaum e Joanna Kulig.
Merito - o colpa, a seconda delle opinioni - dei direttori della fotografia Vladislav Opeliants e Lukasz Zal.
Sia come sia, quest'anno, a Cannes, il bianco e nero patinato si porta tantissimo.

Una scena tratta dal film Cold War:

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming