News Cinema

Prime: la commedia con Uma Thurman cougar e Meryl Streep strizzacervelli

Notizie e curiosità sul film di Ben Younger che nasce da un pregiudizio molto comune e che vede le due protagoniste femminili contendersi un ragazzo di 23 anni.

Prime: la commedia con Uma Thurman cougar e Meryl Streep strizzacervelli

Prime è un feel-good movie che le donne dai 35 anni in su apprezzeranno particolarmente, per non dire i ventenni che sognano una passione con la sorella grande se non la mamma dei propri amici del cuore. La rom-com di Ben Younger uscita nel 2006 racconta infatti l'amore fra una donna di 37 anni di nome Rafi e un uomo di 23 chiamato David. Rafi ne parla con la sua psicoterapeuta Lisa Metzger, una dottoressa di larghe vedute che la incoraggia a proseguire la relazione fino al momento in cui si accorge che il David di cui Rafi le racconta è suo figlio. Questa sopraffina premessa consente al film di beneficiare di una certa leggerezza, permettendo a Meryl Streep di prendersi una pausa dai tanti ruoli seri interpretati nel corso di una lunghissima carriera. Fra un equivoco, una gaffe e un pizzico di romanticismo, Prime è anche un invito alla riflessione, perché spinge a considerare i pro e i contro di una tipologia di coppia che al momento va per la maggiore, e che alla fine "scoppia" proprio per la grande differenza di età. Nel nostro caso, i due innamorati hanno anche un diverso background culturale e religioso, e siccome chi fa fatica ad accettare la relazione fra Rafi e Davis è è proprio la mamma di quest'ultimo, il film può essere considerato anche un romanzo di formazione di una donna di 50 anni, il che allarga il bacino d'utenza della commedia, che però, arrivata a un certo punto, tanto commedia non è. A duettare con la Streep in Prime è Uma Thurman, che ha sostituito poco prima dell'inizio delle riprese Sandra Bullock, scontenta del copione. Il terzo protagonista (David) è Bryan Greenberg.

Dieci cose che non sapete su Prime

Cosa ha spinto il timido Ben Younger, già regista del thriller con Ben Affleck e Vin Diesel 1 km da Wall Street a dirigere Prime? E cosa si nasconde dietro il titolo? Le risposte le trovate qui sotto, insieme ad altre preziose informazioni e curiosità sul film.

Il personaggio di David

Come il suo personaggio David Bloomberg, anche Bryan Greenberg è figlio di una psicologa (anzi di uno psicologo e una psicologa), ha una sorella minore e ha avuto un'educazione religiosa ebraica. Inoltre ha vissuto a New York per 5 anni. Tutto questo lo ha fatto entrare con facilità e disinvoltura nel ruolo.

Perché Prime

In Prime, come già detto, Rafi ha 37 anni e David 23. In matematica, sia il 37 che il 23 sono numeri primi, il che spiega il titolo del film.

L'idea del film

"Volevo raccontare questa storia" - ha spiegato Ben Younger - "per via di un pregiudizio diffuso non soltanto negli Stati Uniti, ma anche nel resto del mondo. La gente pensa che le relazioni che non culminano in un matrimonio e nell’arrivo di uno o più figli siano da considerarsi un fallimento. Secondo me, invece, perfino le relazioni che durano solo tre o quattro mesi hanno qualcosa da insegnare. Personalmente ho imparato tanto anche da rapporti sentimentali di breve durata, e quelle lezioni ancora mi sono utili".

Uma dice sì - 1

La prima ragione per cui Uma Thurman ha accettato il ruolo di Rafi è stata la possibilità di poter finalmente recitare con Meryl Streep. E’ per merito della Streep che Uma ha cominciato a sognare di fare l'attrice. "Meryl Streep è generosa, empatica e alla mano" - ha dichiarato: "E’ stata una delle mie eroine d'infanzia, per questo, quando sono arrivata sul set il primo giorno, ero agitatissima".

Uma dice sì - 2

Il secondo motivo che ha spinto Uma Thurman a dire di sì a Prime sono stati i personaggi del film. Le ricordavano persone che conosceva e che aveva conosciuto, che parlavano esattamente come Rafi, David e la dottoressa Lisa Metzger.

Studiare

Per interpretare una psicoterapeuta, Meryl Streep si è documentata. Ha parlato con una vera psicologa e ha chiesto consigli alle sue due room-mate del college, con cui è tuttora in contatto e che sono entrambe strizzacervelli.

Pugni e calci o sentimenti?

Durante la promozione di Prime, qualcuno ha chiesto a Uma Thurman se preferisse l'azione (di Kill Bill) alle commedie romantiche o comunque ai film nei quali ci si sofferma sui sentimenti dei personaggi. La Thurman ha risposto che, siccome è stata la possibilità di esplorare l’animo umano a indurla a scegliere il mestiere di attrice, sul grande schermo preferisce l’innamoramento alle botte e agli spargimenti di sangue.

Bryan Greenberg

Parlando di Bryan Greenberg, Meryl Streep ha detto: "Ha una bellissima voce". L'attrice aveva ragione. L'attore, come alcuni sanno, è anche un musicista e ha realizzato un extended play intitolato "Someday" che contiene i tre brani eseguiti nella serie One Tree Hill, di cui è stato uno degli interpreti. Inoltre ha realizzato un album con 11 brani intitolato "Waiting For Now".

Complimenti reciproci

Meryl Streep ha detto di Uma Thurman: "La divina Uma Thurman! E’ stata la rivelazione di Prime. Avendola vista in film più stilizzati, non credevo che potesse essere così sottile e profonda". Ben Younger ha detto invece di Meryl Streep: "Con lei è buona la prima. Fa la scena esattamente come l'avevi sognata. Ti dà, in un ciak solo, quello che le altre attrici ti danno in dieci".

Far ridere

Meryl Streep in Prime fa ridere, ma non si comporta da comico. Insomma non fa battute, non scivola su bucce di banana né colleziona una serie di brutte figure. Sono i suoi impercettibili mutamenti di espressione di fronte ad alcune scoperte che la rendono buffa. Noi ridiamo, mentre il suo personaggio dentro "muore".

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per l'articolo