News Cinema

Oscar 2020: Laura Dern fa centro alla terza nomination e festeggia il miglior regalo di compleanno di sempre

72

Un anno felice per la bravissima attrice, premiata per Storia di un matrimonio, che ringrazia i suoi eroi, mamma Diane Ladd e papà Bruce Dern. Agli Spirit Awards il giorno precedente agli Oscar, era stata festeggiata con un coro in suo onore.

Oscar 2020: Laura Dern fa centro alla terza nomination e festeggia il miglior regalo di compleanno di sempre

Che Laura Dern a Hollywood sia un'attrice molto amata è stato evidente vedendo la reazione dei presenti all'annuncio del suo nome come vincitrice dell'Oscar 2020 come miglior attrice non protagonista, per il ruolo dell'agguerrita avvocata di Scarlett Johansson in Storia di un matrimonio. Non solo: il giorno prima, quando ha vinto lo Spirit Independent Award per lo stesso film, le è stata dedicata una canzone col suo nome, eseguita da un coro gay (la trovate più sotto).

Alla sua terza candidatura agli Oscar, dopo quella del 1992 per Rosa Scompiglio e i suoi amanti, e quella del 2015 per Wild, Laura Dern ha stretto tra le mani la statuetta alla vigilia del 10 febbraio, giorno in cui compie 53 anni, e l'ha definita "il miglior regalo di compleanno di sempre". Nel suo emozionato discorso, ha ringraziato i compagni di scena di Storia di un matrimonio, Adam Driver e Scarlett Johansson, il regista Noah Baumbach e la sua compagna Greta Gerwig per la loro amicizia e per un film che parla di trovare una conciliazione e superare le rotture.

E dopo aver ringraziato i figli e i figliastri ha aggiunto:

Si dice sempre che non bisogna incontrare i propri eroi, ma se sei molto fortunato questi sono i tuoi genitori, condivido questo premio coi miei eroi attori, le mie leggende, Diane Ladd e Bruce Dern. 

La telecamera ha indugiato su Diane Ladd, molto commossa, mentre Dern, più anziano, sembra non fosse presente. Laura Dern è la prima della sua famiglia a vincere l'Oscar: Diane Ladd è stata tre volte candidata: nel 1974 per Alice non abita più qui di Martin Scorsese e per due film interpretati con la figlia, il citato Rosa Scompiglio e nel 1990 Cuore selvaggio di David Lynch. Bruce Dern ha avuto due nomination, nel 1978 per Tornando a casa e nel 2013 per Nebraska. Quest'anno era il vecchio proprietario dello Spahn Ranch in C'era una volta... a Hollywood.

Alcuni hanno criticato la vittoria di questa figlia d'arte per un piccolo ruolo come quello che ha ricoperto in Storia di un matrimonio, e che ricorda la Renata che ha interpretato - benissimo - in Big Little Lies. Noi crediamo che il suo Oscar sia insieme un riconoscimento per una dinastia di attori e per una carriera esemplare, che l'ha vista in età giovanile musa di David Lynch, per cui ha interpretato i seminali Velluto blu e Cuore selvaggio, e maturare nel tempo con performance sempre migliori. Per quel che ci riguarda dunque, well done and congratulations, Laura! 



  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming