Oscar 2019: un emozionatissimo Spike Lee salta in braccio a Samuel L. Jackson e legge un discorso politico

-
179
Oscar 2019: un emozionatissimo Spike Lee salta in braccio a Samuel L. Jackson e legge un discorso politico

Sicuramente Spike Lee si aspettava (legittimamente) qualcosa in più da questi Oscar 2019, o comunque non ha gradito la scelta dell'Academy per il miglior film, visto che la vittoria di Green Book l'ha innervosito al punto che è stato visto agitare le braccia in segno di dissenso e dirigersi verso l'uscita, dove è stato fermato, ed è tornato al suo posto solo dopo la fine dei discorsi di accettazione. Però ha approfittato al meglio del suo discorso di ringraziamento per l'Oscar alla sceneggiatura non originale ricevuto da BlacKkKlansman, dopo essere saltato in braccio sul palco a Samuel L. Jackson, che con lui ha iniziato la sua lunga carriera, e che ha consegnato la statuetta a lui e ai co-sceneggiatori Charlie Watchel, David Rabinowitz e Kevin Willmott.

Spike Lee, interamente vestito di viola, ha letto, con qualche inciampo (non sappiamo se per un problema di occhiali, luci o emozione?) un discorso che - dopo una lunga e un po' confusa digressione sulle date - è continuato con "Per 400 anni, i nostri antenati vennero rubati dall'Africa e portati a Jamestown, in Virginia, e resi schiavi. Lavoravano la terra dal buio del mattino al buio della notte. Mia nonna, che ha vissuto fino alla giovane età di 100 anni, diplomata anche se sua madre era ina schiava, ha risparmiato 50 anni della sua pensione per fare  frequentare al suo primo nipote - che chiamava Spike-poo - il college e la scuola di cinema della New York University".

Lee ha poi concluso il suo discorso con questo inequivocabile appello: "Davanti al mondo stasera, rendo omaggio ai miai antenati che hanno costruito questo paese, e al genocidio dei nostri nativi. Quando riguadagneremo la nostra umanità sarà un momento molto potente. Le elezioni del 2020 sono dietro l'angolo: mobilitiamoci e stiamo dalla parte giusta della storia. Facciamo una scelta morale d'amore invece che di odio: Facciamo la cosa giusta!".

via GIPHY

via GIPHY

via GIPHY

via GIPHY

Qua tutti i vincitori degli Oscar 2019.



Daniela Catelli
  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Lascia un Commento
Lascia un Commento