News Cinema

Oscar 2015: Bennett Miller, chi è il regista di Foxcatcher?

Ripercorriamo la carriera del regista candidato all'Oscar 2015

Oscar 2015: Bennett Miller, chi è il regista di Foxcatcher?

Bennett Miller - insieme a Alejandro G. Inarritu per Birdman, Richard Linklater per Boyhood, Morten Tyldum per The Imitation Game e Wes Anderson per Grand Budapest Hotel - è uno dei 5 registi candidati agli Oscar 2015.
In attesa di conoscere il verdetto che arriverà durante la cerimonia di premiazione nella notte di domenica 22 febbraio, ripercorriamo la carriera del regista di Foxcatcher.

Bennett Miller nasce il 30 dicembre del 1966 a New York. Suo padre fa l'imprenditore, mentre sua madre è pittrice. Da ragazzo studia teatro alla New York State Summer School of the Arts, dove conosce Dan Futterman e Philip Seymour Hoffmann, suo compagno di classe anche alla New York University e più tardi cofondatore, insieme all'attore Steven Schub, della compagnia Bullstoi Theater Ensemble. Per il futuro regista l'università non è che una breve parentesi e, prima della chiamata al cinema, arriva l'attività di manager e di regista di video musicali per i Fenwicks, la band di Schub.
Il 1998 è l'anno del primo film: un documentario intitolato The Cruise che esplora la vulcanica personalità di Timothy "Speed" Levitch, la guida turistica newyorchese dalla parlata veloce passata alla storia per le sue descrizioni filosofiche e appassionate della Grande Mela.
The Cruise ha successo e apre molte porte a Miller, che però aspetta fino al 2005 per esordire nella regia di un lungometraggio di finzione. Il progetto in cui si lancia e che sogna di poter realizzare da tempo è niente meno che la storia di Truman Capote - o meglio degli eventi che ispirarono il suo romanzo-verità A sangue freddo. La sceneggiatura del film, intitolato Truman Capote - A sangue freddo, la scrive Dan Futterman, mentre a calarsi nei panni dello scrittore è Philip Seymour Hoffmann, che vince l'Oscar come miglior attore protagonista.



Nel 2011 Bennett Miller dirige quel Moneyball inizialmente affidato a Soderbergh e poi rimasto senza regista per diverso tempo. Il film, da noi intitolato L'arte di vincere, appartiene al filone sportivo e segue le alterne vicende della squadra di baseball degli Oakland Athletics e del loro general manager Billy Beane. Quest'ultimo ha il volto di Brad Pitt, nominato all'Oscar come migliore attore protagonista e affiancato da Jonah Hill, che si fa notare anche lui dall'Academy. Al botteghino i risultati non sono però quelli sperati, anche se la critica elogia a più riprese regista e cast.



Nel 2014 Miller dirige Foxcatcher, storia vera del miliardario John DuPont, che nel 1996 uccise l'amico e campione di wrestling David Schultz. Per il copione il regista si avvale ancora del prezioso aiuto di Dan Futterman. Poi, per la parte del protagonista sceglie Steve Carell, che sorprende tutti con la sua interpretazione di un personaggio dolente e ai limiti della follia. Channing Tatum e Mark Ruffalo non sono da meno, ma al Festival di Cannes il film viene premiato solo per la migliore regia. Più tardi, la stampa estera lo candida a tre Golden Globe, mentre L'Academy lo nomina a ben cinque Oscar: miglior attore protagonista (Steve Carell), miglior attore non protagonista (Mark Ruffalo), miglior regista, migliore sceneggiatura originale e miglior trucco.





Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming