News Cinema

Oliver Stone ricorda Nato il quattro luglio nel Giorno dell'Indipendenza

Nell'anno del trentennale del film con Tom Cruise il Presidente della giuria del Taormina Film Fest 2019 ne parla così.

Oliver Stone ricorda Nato il quattro luglio nel Giorno dell'Indipendenza

Negli Stati Uniti il 4 luglio è il Giorno dell'Indipendenza, in cui si festeggia la separazione, avvenuta nel 1776, di tredici colonie americane del Regno di Gran Bretagna dalla madre patria. La data ci ricorda anche un importante film di Oliver Stone con Tom Cruise: Nato il quattro luglio, che racconta la vera storia di Ron Kovich sia in Vietnam - dove combatté e venne gravemente ferito alla spina dorsale perdendo l'uso delle gambe - che negli Stati Uniti, dove riuscì a fare i conti con il proprio passato, a pubblicare la propria autobiografia e a parlare alla nazione durante la convention del partito democratico a New York nel 1976. Uscito nell'89, Nato il quattro luglio ha ottenuto 8 candidature all'Oscar. Ad aggiudicarsi la statuetta dorata è stato però solo Oliver Stone, che al momento è al Taormina Film Fest nelle vesti di Presidente della Giuria. E proprio nella pittoresca cittadina siciliana, il regista ha detto qualcosa sul film, che stasera andrà in onda su Iris alle 21:00 e che a dicembre compie 30 anni esatti.

Ecco la dichiarazione del regista: "Innanzitutto ci tengo a dirvi che Ron Kovic è vivo e sta bene, l'ho visto di recente e l'ho trovato in splendida forma, è uno degli uomini più forti che abbia mai conosciuto. Nato il quattro luglio è un film di cui vado molto fiero. L'ho scritto nel 1979 per un altro regista. L'ironia della sorte ha voluto che lo girassimo 10 anni dopo e che la regia toccasse a me, cosa che all'epoca era piuttosto rara. Si decise di rimandarlo perché nel frattempo era arrivato Apocalypse Now e l'argomento sembrava un po’ abusato, inflazionato, però credo che il ritardo sia stato provvidenziale, perché l'America aveva quasi dimenticato la guerra del Vietnam. Per ironia della sorte, nell'89 Gorbačëv era diventato una figura molto importante, e la Guerra Fredda stava finendo. L'Unione Sovietica tramontò nel '91. Nell'89, nel weekend in cui il film uscì, gli Stati Uniti invasero Panama: rimasi disgustato, il film passò in secondo piano. La guerra del Vietnam fu terribile, molti vennero gravemente feriti, molti persero la sensibilità di parte del corpo, proprio come Ron, che rimase anche impotente. E’ dura passare la vita sulla sedia a rotelle, Ron è sopravvissuto, al contrario di molti che hanno preso a drogarsi e sono morti per overdose. Le guerre sono tutte disastrose, ora la gente sopravvive di più perché viene curata meglio, ma la violenza subita e a cui si è assistito lascia comunque segni indelebili. E l'America se ne infischia, e le cose non cambiano. L'America cerca di evitare che ci siano vittime, perché teme la condanna da parte dell'opinione pubblica, così usa i droni , ma non per questo è meno colpevole".

 Oliver Stone è già stato al Tarormina Film Fest, la prima volta nel 2005, quando ha presentato Alexander. La sera della proiezione, ha ricordato, faceva un freddo terribile al Teatro Antico, e dopo un'ora non c‘era più nessuno a seguire le gesta di Alessandro Magno. Il regista è tornato nel 2011, presentando una nuova versione del film, e nel 2016, accompagnando, da produttore, il documentario Ukraine on fire.



  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming