Schede di riferimento
News Cinema

NoirInFestival - Apertura sotto il segno di Diablo Cody

Inizio folgorante per il Courmayeur NoirInFestival, che in una giornata di vacanza come l’8 dicembre ha regalato al suo pubblico il nuovo film con Megan Fox Jennifer’s Body. A presentarlo è arrivata la sceneggiatrice Diablo Cody, con cui abbiamo parlato di cinema, donne e adolescenza. Abbiamo incontrato anche il regista esordiente Dani...


NoirInFestival - Apertura sotto il segno di Diablo Cody

Unico nel suo genere per la pluralità dei linguaggi esplorati (cinema, televisione, fumetto e letteratura), il Courmayeur NoirInFestival festeggia i suoi diciannove anni con un programma ricco di sorprese. La prima consiste nella varietà dei sottogeneri proposti, con uno sguardo rivolto alla cronaca e l’altro ai mostri vecchi e nuovi che da sempre popolano l’immaginario horror e fantasy: mutanti, Avatar, zombie, serial killer, vampiri, demoni che si nutrono di carne umana. A quest’ultima categoria appartiene la sensuale protagonista di Jennifer's Body, il film evento del festival che ha portato fra le nevi del Monte Bianco la sceneggiatrice e produttrice Diablo Cody.

Vincitrice dell’Oscar per la migliore sceneggiatura grazie a Juno e autrice dell’accattivante libro biografico "Candy Girl", la Cody ha molto da dire su un teen-horror che non è solamente un puro prodotto di intrattenimento, ma un’opera “politica” che riflette su cosa significhi essere donna oggi. “Jennifer’s Body è per me qualcosa di molto personale. Come Juno parla di una persona alla ricerca della propria identità – tema che per me è una vera ossessione perché mi riguarda da vicino. Inoltre il film sembra dare voce all’eterno dissidio che tormenta ogni giovane donna contemporanea: è meglio essere una brava ragazza o un cattiva ragazza? La società ci bombarda di messaggi contraddittori: devi cercare ad ogni costo di essere bella e sexy, ma - attenzione! - se sei troppo sexy, finisci per essere considerata una poco di buono”.

In Jennifer’s Body la cattiva ragazza ha il volto di una cheerleader mozzafiato interpretata dalla giovane attrice più sexy del momento, e cioè Megan Fox. La brava ragazza, che si chiama Needy, è invece la bionda e angelica Amanda Seyfried, già vista in Mamma mia! “Nel film Jennifer e Needy sono due personaggi distinti – continua la sceneggiatrice. - Nella realtà rappresentano le mie due anime. Una è la mia voglia di libertà, l’altra rappresenta il senso di colpa, il senso del dovere. Da produttrice ho potuto scegliere personalmente le attrici che le avrebbero interpretate e credo che Megan Fox non sia soltanto un bel corpo. E’ una ragazza che ha carisma e che possiede un po’ dell’ambiguità che caratterizza Jennifer”.

Anche se da adolescente Diablo Cody somigliava più a Juno che a Jennifer e a Needy, Jennifer’s Body è stato per lei anche un “esercizio di vendetta” nei confronti dei ragazzi incontrati al liceo. A morire dissanguati, nel racconto, sono infatti soltanto maschi adolescenti, divorati senza pietà da una ragazza insicura che si è stufata di essere un oggetto. “In fondo” – ha detto Diablo – “abbiamo voluto fare un film femminista, diretto da una donna (Karyn Kusama) e scritto da un’altra donna. Forse non ci avete mai pensato, ma l’horror è il genere cinematografico più femminista che ci sia, perché a salvarsi, alla fine, sono quasi sempre le donne”.

Uno dei punti di forza di Jennifer’s Body, che spesso sconfina nella favola gotica e nella commedia, è il linguaggio parlato dai protagonisti. “Non ho incontrato nessun adolescente, non ho fatto ricerca sul campo, ma adoro il modo in cui i teen-ager parlano. La nostra lingua è in continua evoluzione, e se i ragazzi inventano parole sempre nuove, perché non dovrei farlo anch’io?”. A proposito di invenzioni, Diablo ci ha rivelato l’origine del suo nome d’arte. “Quando ho cominciato a scrivere, ero molto giovane e non volevo che i miei genitori mi riconoscessero, così mi sono inventata questo nome davvero stupido. E’ ridicolo e adesso non riesco più a liberarmene. E me ne vergogno”.

Autrice della sceneggiatura della fortunata serie tv con Toni Collette The United States of Tara, Diablo Cody è convinta di avere ancora molto da imparare come scrittrice. Al lavoro di squadra che si fa in televisione preferisce la solitudine della scrittura per il cinema. La particolarità del suo stile sta nella freschezza e nella spontaneità. “Non ho seguito nessuno corso di scrittura creativa e questo per me è stato un vantaggio; però, con il passare degli anni mi accorgo di quanto stia diventando complesso mantenere questa naturalezza. Mi auguro di non perderla mai”.

 

La prima giornata del NoirInFest ha lasciato spazio anche a un altro vendicatore, che invece di mangiare i suoi nemici in una cittadina di provincia americana, ha voluto farsi giustizia da solo in un quartiere degradato di Londra. Parliamo del protagonista del film di apertura Harry Brown, che strizzando l’occhio a Gran Torino di Clint Eastwood e a Ken Loach, ha narrato la rivolta di uomo tranquillo contro gli assassini del suo unico amico. “Il film nasce da un terribile problema che affligge la Gran Bretagna” – ci ha raccontato il regista Daniel Barber”. – In Inghilterra si registra un progressivo scollamento dei giovani dalla società. Senza ambizioni, né interessi, i ragazzi si sentono importanti solo se fanno parte di bande criminali, e capita ogni giorno di leggere sui giornali di persone innocenti, magari anziane, uccise barbaramente senza alcun motivo”.

Mescolando un realismo che diventa quasi neo-realismo a un plot da thriller, Harry Brown insiste sui piccoli rituali quotidiani del personaggio che dà il titolo al film, senza però mai perdere di vista l’entertainment. Last but not least, punta su un protagonista d’eccezione, e cioè Michael Caine, sempre bravo e credibile, crudele e lucido quando deve sparare, tenero e malinconico quando piange la scomparsa di una persona cara. “Avevo in mente Michael Caine fin dal principio. Abbiamo parlato a lungo del ruolo e l’ultima versione della sceneggiatura è il frutto di queste nostre lunghe conversazioni. Michael è molto più scattante e giovanile di Harry, e più volte gli ho dovuto chiedere di sembrare davvero un uomo anziano”.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
Schede di riferimento
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per l'articolo