News Cinema

Nicole Kidman adesso: senza Tom Cruise, ma con grandi ricordi e un orizzonte

72

Nicole Kidman ha raccontato al New York Times della sua carriera e del periodo in cui girò Eyes Wide Shut con l'allora marito Tom Cruise, tra emozioni private e professionali indimenticabili.

Nicole Kidman adesso: senza Tom Cruise, ma con grandi ricordi e un orizzonte

Nicole Kidman, pur negli ultimi tempi tra qualche alto e basso, è una vera diva intramontabile, quasi come il suo immarcescibile ex-marito Tom Cruise, uno degli elementi in un'intervista approfondita su vita, carriera e filosofia dell'attrice, pubblicata sul New York Times di recente: la scintilla del colloquio è stata l'imminente messa in onda della miniserie The Undoing, di cui Nicole Kidman è protagonista. Gli anni sono 53, i ricordi ormai tanti, la visione della vita più chiara ("Il primo bacio l'avevo dato sul set a 14 anni"). Estrapoliamo qualche passaggio interessante.

Nicole Kidman e il rapporto con Tom Cruise durante Eyes Wide Shut

Sulla fine del matrimonio tra Nicole Kidman e Tom Cruise si è scritto e detto tanto, ma uno dei momenti più particolari fu senz'altro, verso la sua fine, l'interpretazione di una coppia sposata nel magistrale sipario Eyes Wide Shut (1999) di Stanley Kubrick. Per molti la crisi sullo schermo, così legata a un'introspezione, annunciava la rottura che ci sarebbe stata di lì a poco. Nicole non è per niente d'accordo.

Alla gente piace pensarlo, ma davvero io non la vedo così. Eravamo felicemente sposati mentre ci lavoravamo. Dopo quelle scene andavamo sui go-kart, affittavamo una pista e correvamo sui go-kart alle 3 del mattino. Non so cos'altro dire. Forse non sono in grado di guardarmi indietro e dissezionare tutto. O forse non me la sento.

Difficile per Nicole separare quegli anni con Tom dalla figura di Kubrick, che in una lavorazione interminabile, protrattasi per quasi due anni, divenne per loro uno di famiglia. "Facevamo gli spaghetti nella roulotte, a volte mangiava con noi. [...] Stanley non era uno tortuoso. Era uno difficile perché girava un sacco. Ma mi sedevo con lui nel suo ufficio a chiacchierare, guardavamo i documentari sugli animali".

Nicole Kidman e le scene di nudo, in Eyes Wide Shut ma anche La macchia umana

Eyes Wide Shut era famoso anche per scene di nudo integrale, che Nicole Kidman - racconta - accettò di fare solo dopo un accordo contrattuale ben preciso con Kubrick: avrebbe approvato personalmente ogni inquadratura di questo tipo nel montaggio finale, ma alla fine non ne rifiutò nemmeno una. Per l'attrice che in Ore 10: calma piatta (1989) già si mostrò in tutta la sua bellezza, il punto non è mai stato vergognarsi del corpo: per quanto banale suoni, conta il contesto, come spiega lei stessa.

La sessualità la teniamo in una scatola, per non averci niente a che fare. Io sono felice di averci a che fare, ma devo essere sicura di non essere sfruttata. Poi questa strada la facciamo insieme, mi piace il rapporto tra il regista e un attore. Quando è puro, è squisito.
Leggi anche Eyes Wide Shut, come Stanley Kubrick sfidò se stesso un'ultima volta

Nel 2003 Nicole fu un'altra sensuale presenza in La macchia umana (2003), dal romanzo di Philip Roth, ma di certo non perde tempo a ragionare sulle sue scene di nudo. L'incontro con lo scrittore per lei è molto più significativo ("Per me i legami sono la parte più profonda dell'essere umani, alla fine ti rimangono solo quelli"): con Roth discusse di ben altro, come racconta.

Odiava il senso di colpa. Diceva che era un'emozione completamente narcisistica, proprio egoismo. Non ci credeva. Un po' litigammo: "Sono cattolica, esiste di sicuro, Philip!" E lui: "No, è egoistico, narcisistico!"

Le prospettive di Nicole Kidman passati i cinquant'anni: il suo segreto

Anche Nicole Kidman come le sue colleghe ha dovuto affrontare le difficoltà del mondo di Hollywood nel reclutare un'attrice non più giovane ("un decennio fa la gente schioccava le dita: passata quest'età, cambia tutto!"). Ha risolto cominciando a prodursi da sè i progetti che le interessavano, partendo da Rabbit Hole (2010). All'intervistatore tuttavia Nicole spiega come abbia bilanciato la scelta dei ruoli con le aspettative del pubblico e dei suoi fan. Non ci ha mai pensato, ed è la migliore chiusa.

Forse non avrei mai fatto molte delle cose che ho fatto se ci avessi riflettuto troppo. Avrei temuto che la gente mi pensasse matta. E' terrificante impostare quello che fai su quello che la gente pensa. [...] Tante persone quando invecchiano si chiudono, hanno sempre più paura. Il mio desiderio è continuare a tuffarmi nelle cose. Essere genitore, la mia relazione [con Keith Urban, ndr], il mio lavoro: accetto i dolori, accetto le gioie. Perché provare sentimenti è quello che mi fa sentire viva.
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming