Nick Hornby al cinema: quali sono i film tratti dai romanzi dello scrittore inglese, e dove vederli

-
37
Nick Hornby al cinema: quali sono i film tratti dai romanzi dello scrittore inglese, e dove vederli

Come ogni volta che vedo giocare o sento nominare l'Arsenal, anche in occasione della finale di Europa League vinta dal Chelsea di Sarri, oltre che a un caro amico che a un certo punto ha rinnegato la fede giallorossa per diventare un Gunner, esattamente come poi ha rinnegato il cinema per abbracciare l'enologia, ho pensato - inevitabilmente, ineluttabilmente - a Nick Hornby.
Perché non è solo la vita dello scrittore inglese a essere legata alla squadra di calcio di cui - con buona pace del mio amico - è il più celebre tifoso, ma anche la sua carriera. Il suo primo libro, infatti, è quel "Febbre a 90°" che racconta del suo rapporto col calcio e con l'Arsenal, e che è stato un best seller di enorme successo in tutto il mondo, capace anche di cambiare il modo in cui il calcio veniva raccontato, e considerato dal mondo della cultura cosiddetta "alta".

A dispetto del suo successo, però, ci vollero cinque anni - dal 1992 al 1997 - perché il primo libro di Nick Hornby divenisse il primo film a essere tratto da una delle sue opere: il titolo rimane ovviamente uguale, Febbre a 90°, il regista è David Evans (uno che poi si è dato alla tv, lasciando il cinema) mentre lo sceneggiatore non poteva essere altri che lo stesso Hornby, che per ovvie ragioni di cinema s'inventa per il film protagonista di nome Paul Ashworth, interpretato nel film da Colin Firth.
Febbre a 90° (il film) è disponibile in streaming su Chili, Google Play e Apple iTunes, mentre solo sulle prime due piattaforme è disponibile L'amore in gioco, che è il film del 2005 dei fratelli Farrelly che trasportava le vicende del libro di Hornby negli Stati Uniti, facendo di Jimmy Fallon uno sfegatato tifoso della squadra di baseball dei Boston Red Sox e di Drew Barrymore la sua fidanzata.

Aspettando che il cinema si accorgesse di lui, Hornby non era comunque rimasto con le mani in mano, e nel 1995 aveva pubblicato il romanzo "Alta fedeltà", che spostava l'ossessione del protagonista dal calcio alla musica e alla redazione di liste e classifiche, raccontando di Rob Fleming, trentacinquenne proprietario di un negozio di dischi non esattamente di successo e alle prese con sfighe sentimentali di vario genere. Anche in questo caso, cinque anni di intervallo e "Alta fedeltà" arriva al cinema, senza il contributo diretto dello scrittore e con una produzione hollywoodiana, che sposta il setting da Londra a Chicago e dona a Rob il volto di John Cusack, che nel film offre una delle interpretazioni più iconiche della sua carriera. Diretto da Stephen Frears, Alta fedeltà è anche il film che ha lanciato la carriera di Jack Black, che nel film è Barry, l'irascibile commesso del negozio di dischi di Rob; in streaming lo trovate su Chili.

Nel 1998, Hornby pubblica "Un ragazzo", che è il terzo best seller di fila e che diventa anche lui, per la terza volta di fila, un film: diretto nel 2002 dai fratelli Paul e Chris Weitz, che lo sceneggiano assieme a Peter Hedges. "Un ragazzo" racconta la storia dell'improbabile amicizia tra Will, un trentenne ricco, annoiato e viziato, che vive di rendita grazie ai diritti d'autore di una canzone di Natale scritta dal padre, e Marcus, un ragazzino timido e insicuro che vive con una mamma depressa e dalle tendenze suicide. Nel film, che s'intitola About a Boy e che in streaming è disponibile su Google Play e Apple iTunes, i due sono interpretati da Hugh Grant e da un giovanissimo Nicholas Hoult, che stava muovendo i suoi primi passi nel mondo del cinema.



Altro romanzo di Hornby diventato un film (che nel cast ha Pierce Brosnan, Imogen Poots, Aaron Paul e la Toni Collette che in About a Boy era la mamma di Marcus) è "Non buttiamoci giù", pubblicato nel 2005, che racconta di quattro sconosciuti che, la notte di Capodanno, si ritrovano sul tetto dello stesso palazzo londinese con la medesima intenzione, quella di buttarsi di sotto. L'adattamento si chiama appunto Non buttiamoci giù, è diretto da Pascal Chaumeil e lo trovate in streaming su Chili, Rakuten TV, Google Play e Apple iTunes.

"Non buttiamoci giù" ci ha messo però quasi dieci anni ad arrivare al cinema: dopo il successo di About a Boy, infatti, né il cinema americano né quello inglese si sono dedicati più di tanto agli adattamenti delle opere di Hornby, perlomeno fino al film di Chaumeil e al Juliet, Naked che arriva nei cinema italiani dal 6 giugno che è la versione cinematografica di "Tutta un'altra musica", pubblicato nel 2009.
A rimediare, per una volta, è stato il cinema italiano.
Già, perché nel 2012 Lucio Pellegrini gira con Luciana Littizzetto, Rocco Papaleo e Pietro Castellitto È nata una star?, che è basato sull'omonimo racconto pubblicato dall'inglese nel 2010; mentre nel 2016 Andrea Molaioli dirige Ludovico Tersigni, Jasmine Trinca, Luca Marinelli e Barbara Ramella in Slam - Tutto per una ragazza, storia d'amore e gravidanza tra due giovanissimi basata sul romanzo omonimo di Hornby del 2007.  
Il film di Pellegrini è in streaming su Chili, Google Play, Apple iTunes e TimVision; quello di Molaioli solo su Google Play a noleggio, ma in vendita anche su Rakuten, Chili e TimVision.

Per i completisti di Hornby, infine, sono da segnalare anche i film in cui l'inglese ha lavorato come sceneggiatore a partire da soggetti non suoi: da An Education di Lone Scherfig (in streaming su Rakuten Tv, Chili, Google Play e Apple iTunes) a Brooklyn di John Crowley (che si trova sulle stesse piattaforme ma anche su TimVision). Passando per Wild, il film di Jean Marc Vallée con Reese Witherspoon che è in streaming su Rakuten tv, Chili, Google Play e TimVision.
Ma, in tutta sincerità, l'Hornby sceneggiatore non mi pare all'altezza dell'Hornby scrittore. Così come non tutti gli adattamenti dei suoi romanzi sono all'altezza dell'originale.



Federico Gironi
  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Lascia un Commento
Lascia un Commento