News Cinema

Miss Marx è "più vicina a noi di quanto pensiamo": al Festival di Venezia parla Susanna Nicchiarelli

Già protagonista della Mostra in passato, con Cosmonauta prima e Nico, 1988 poi, Susanna Nicchiarelli è per la prima volta in corsa per il Leone d'oro con un biopic dedicato a Eleanor Marx, la figlia del Karl de "Il Capitale", al cinema dal 17 settembre con 01 Distribution.

Miss Marx è "più vicina a noi di quanto pensiamo": al Festival di Venezia parla Susanna Nicchiarelli

A Venezia Susanna Nicchiarelli, aveva esordito nel 2009 con la sua opera prima, Cosmonauta. Nel 2017 ci è tornata con Nico, 1988, vincendo il Leone nella sezione Orizzonti. In questo bizzarro 2020, la regista romana è per la prima volta in Concorso al Festival di Venezia con il suo nuovo film, Miss Marx: una nuova biografia al femminile questa volta dedicata a Eleanor Marx, la figlia minore di Karl, l'autore di "Il Capitale". Una donna brillante, colta, libera e appassionata, che portò avanti le lotte politiche di suo padre avvicinando i temi del femminismo a quelli del socialismo, partecipando alle lotte operaie, e combattendo per i i diritti delle donne e l’abolizione del lavoro minorile. Ma anche una donna che, incontrato un uomo di nome Edward Aveling, si legò a lui in maniera forte e ossessiva, a dispetto dei tradimenti e dell'egoismo, travolta da un amore appassionato ma dal destino tragico.

"Eleanor Marx è un personaggio realmente esistito che è molto più vicino a me, e a noi tutti, di quanto pensiamo, a dispetto dei tanti anni che ci separano da lei," ha detto la regista, "e questo rendeva per me la sfida di racontarla molto interessante."
Una delle otto regista in corsa per il Leone d'Oro nel concorso di Venezia 77, Susanna Nicchiarelli ha parlato in maniera molto chiara riguardo il suo pensiero sulla gender equality: "Sogno il giorno in cui non ci sarà più bisogno parlare di quante donne ci sono in un festival," ha spiegato. "Vorrei che il mio film fosse giudicato per quello che è, e non in base a classificazioni di genere. Capisco che la situazione è tale per cui è ancora necessario fare certi conti e certe attenzioni, ma io, ad esempio, sono molto diversa come regista da altre mie colleghe, e lo stesso vale per gli uomini: credo che siamo tutti degli individui, tutti diversi fra noi, e su questo bisognerebbe mettere l'accento."
Allo stesso modo, Nicchiarelli ha proseguito dicendo che "sicuramente Eleanor è stata importante anche per il suo femminismo, ma lottava per tutti gli sfruttati della società e per i più deboli, e non solo per le donne. Non penso che il mio sia un film femminista. Parla piuttosto di una contraddizione propria dell'essere umano in generale: essere in conflitto tra la propria parte razionale e quella emotiva. Prima di tutto, per me era importante raccontare l'umanità di questi personaggi."

Dei personaggi, quelli di Miss Marx, che essendo realmente esistiti ed avendo avuto un ruolo pubblico importante, la regista ha potuto esplorare accedendo agli archivi che ne conservano i documenti pubblici come quelli private: "Di Eleanor sono conservate tutte le carte," ha raccontato, "ci sono perfino i suoi quaderni di bambina, e tutte le lettere scambiate con il padre e con le sue sorelle. È da lì che vengono molti dei dialoghi del film, e quei monologhi in cui la protagonista si rivolge direttamente allo spettatore: le lettere e le parole di Eleanor sono così meravigliose che mi piaceva proporle allo spettatore anche in questa forma."

Come sempre, nei film di Susanna Nicchiarelli, anche in Miss Marx la musica ricopre un ruolo di grande importanza: "Ho scelto la musica già mentre scrivevo," ha detto la regista.
Torna in questo film la collaborazione con i Gatto Ciliegia contro il grande freddo, che hanno rielaborato brani classici di Chopin e Listz, mentre il resto della colonna sonora è composta da brani di un gruppo americano, i Downtown Boys: "Li ho scoperti grazie al consiglio di un amico," ha spiegato Nicchiarelli. "Sono giovani, sono contemporanei, pieni di energia. E comunisti. Fanno una musica molto trasgressiva e l'energia della loro musica è passata attraverso le immagini. Suonavamo la loro musica anche sul set, per ricordarci di certe cose e rendere attuali le battaglie di Eleanor Marx. Perché io non volevo fare un film nostalgico, non parlo mai in maniera nostalgica del passato: volevo fare un film sull'oggi."
Miss Marx debutterà nei cinema italiani il 17 settembre con 01 Distribution.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming