News Cinema

Mila e Shiro: due cuori nella pallavolo da 30 anni

928

Riflettiamo sullo storico anime, realizzato nel lontano 1984

Mila e Shiro: due cuori nella pallavolo da 30 anni

Occuparmi di Mila e Shiro: due cuori nella pallavolo, anime della Knack Productions che spegne proprio quest'anno 30 candeline, significa per me, ancora oggi, affacciarmi sull'universo femminile.
Un maschietto come me, alla fine degli anni Ottanta, proprio per principio non poteva guardare un cartoon simile. Scherziamo? “Due cuori nella pallavolo”, una premessa per una vagonata di roba da femmine, tale da stendere anche il bimbetto più romantico.


D'altronde, la distribuzione italiana nel 1986 ci mise del suo con quel titolo, spacciando la serie come una sequenza di smielati sbaciucchiamenti con sfondo sportivo. In realtà è il contrario. L'amore conta tanto quanto altri elementi di un io forte, cesellato dallo sport.
Se si pensa ad antesignani, il cartoon sembra un incrocio tra la coralità del martirico Mimì e la nazionale di pallavolo della TMS (1969-1971) e l'affine Jenny la tennista di Osamu Dezaki (1973-74). Insomma, parlandoci tecnicamente, è uno spokon shōjo, cioè un manga/anime nel mondo dello sport (spokon) con target di ragazzine (shōjo). Autori del fumetto sono Jun Makimura per i testi e Shizuo Koizumi per i disegni. Al loro lavoro si è ispirata anche la serie-sequel del 2008, Mila e Shiro – Il sogno continua, meno amata dell'originale.



Il titolo giapponese di Mila e Shiro – Due cuori nella pallavolo è Atakka You!, Attacker You! in inglese: si rifà insomma solo al ruolo e alla tenacia della protagonista, Mila Hazuki, che scopre alle scuole medie lo sport della pallavolo e vi consacra l'esistenza. La regia in ogni puntata enfatizza la potenza della sua schiacciata, suo cavallo di battaglia, mostrando un'elevazione sovrumana che sfida la forza di gravità: è un'iperbole visiva retorica, negli stessi anni evidente per esempio nei campi di lunghezza infinita in Holly & Benji. Come lì, anche qui la palla si deforma per i colpi guidati dalla potenza dell'orgoglio.


Il fantomatico Shiro, guardando gli episodi, è importante come riflesso del mondo difficile eppure ideale, teatro del romanzo di formazione della ragazza. La ama, le è amico, ma non vuole dichiararsi per “non distrarla” dalla sua missione. Persino quando pensa a lei da lontano, spettatore delle sue evoluzioni, si frena con un “Ripongo in te un'enorme fiducia, e come me tanti altri.” Insomma, Shiro è speciale ma non troppo. Lo sa anche lui, è un maschio che rispetta ma non distrae.



L'anima vera e portante, quella concreta e spietata, è nella competizione: infortuni, allenamenti durissimi, concentrazione, sfida, rispetto, sacrificio. Altro che “cartoni giapponesi che traviano i bambini”, il tormentone di qualche anno prima: semmai esisteva la felice possibilità che le bambine e le ragazze ne potessero ricavare un modello di comportamento serio, motivato e assolutamente non vittimistico. Fiero: “Era senz'altro una battuta superiore a quella di tanti uomini!”, esclama un radiocronista.
Elaborata la dinamica con gli altri due personaggi femminili perno della serie: l'amica Nami e soprattutto l'amica-rivale Kaori. E' un'amicizia fatta di equilibrio tra legame e libertà di autoaffermazione. Il loro rapporto è ben espresso dall'episodio che qui vi propongo.


La sottotrama della ricerca della madre Kyushi, che ha abbandonato Mila per concentrarsi sullo stesso sport, è emancipazione pura, perché alla donna fu imposto dal marito di scegliere tra famiglia e vocazione sportiva. Non viene mai detto che Kyushi abbia compiuto la scelta giusta, ma il suo esempio negativo e sofferto restituisce alla figura femminile un percorso problematico di scoperta del sé, indipendente dal maschio: un problema che c'è e va affrontato, magari con uomini come Shiro, che condividono un sogno e sanno rinunciare a improbabili redini.





  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming