Schede di riferimento
News Cinema

Michael Moore "minaccia" Trump e Roseanne Barr col suo nuovo documentario

53

Il regista prepara da un anno il suo film dedicato all'attuale presidente degli Stati Uniti, che potrebbe aver ripreso nuovo slancio dopo gli ultimi fatti.

Michael Moore "minaccia" Trump e Roseanne Barr col suo nuovo documentario

"Conosco Roseanne. Conosco Trump. E loro stanno per rimpiangere il giorno in cui mi hanno conosciuto...". Con questo Tweet Michael Moore si è fatto sentire dopo il licenziamento e la cancellazione del revival di Pappa e ciccia di Roseanne Barr da parte della ABC per le sue dichiarazioni dal sapore razzista sulla consigliera di Barak Obama, Valerie Jarrett. Nel tweet è inserito un video che vede Moore in compagnia di Barr e Donald Trump in tempi non sospetti. Si tratta infatti di una clip del 1998 tratta dal talk show dell'attrice, in cui lui e il futuro presidente degli Stati Uniti erano ospiti. E all'epoca, udite udite, Trump lodava il documentario di Moore sulla General Motors, Roger & Me.

Questo Tweet è seguito a un precedente in cui Moore aveva scritto "Allora @therealrosanne si è svegliata stamani e ha postato dei tweet diffamatori e odiosi su me, Valerie Jarrett, George Soros & Chelsea Clinton, e la ABC l'ha lincenziata. Se solo la NBC avesse licenziato Trump quando ha iniziato la sua campagna razzista contro Obama nel 2011, adesso lui non sarebbe alla Casa Bianca".

Questo ha riportato all'attenzione generale il fatto che il regista premio Oscar sta lavorando da un anno a un nuovo documentario su Donald Trump (e il materiale certo non gli manca), il cui titolo dovrebbe essere Fahrenheit 11/9, riferimento al suo Fahrenheit 9/11 del 2004 su George W. Bush e la guerra in Iraq e in Afghanistan, e che è la data in cui Trump è diventato presidente. Il film era stato acquistato a Cannes per la distribuzione dai Weinstein, prima dei noti scandali.

Le schermaglie tra Moore e Trump proseguono da un bel pezzo. Prima delle elezioni, il regista aveva portato in giro per l'America, proprio negli Stati in cui si supponeva che il futuro presidente avrebbe vinto a man bassa, lo spettacolo/talk show  Michael Moore in TrumpLand. L'anno scorso, quando ha rappresentato a Broadway lo spettacolo The Terms of My Surrender per 12 settimane, non appena le repliche sono terminate il Presidente ha twittato: "Anche se non è presidenziale, devo far notare che lo show del trasandato Michael Moore a Broadway è stato un FIASCO TOTALE ed è stato costretto a chiudere. TRISTE!", ignorando ovviamente il fatto che la durata era stabilita fin dal principio. Tanto che Moore gli ha risposto: "Devi aver confuso il mio enorme successo a Broadway con la tua presidenza, che E' un fallimento totale e CHIUDERA' davvero presto. NON TRISTE".

A questo punto aspettiamo di saperne di più sulla nuova vita del documentario, di cui anche Roseanne Barr potrebbe diventare, suo malgrado, una protagonista.



  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming