News Cinema

Marighella: recensione dell'esordio alla regia dell'Escobar di Narcos Wagner Moura visto alla Berlinale 2019

14

Interprete reso molto conosciuto dalla serie Netflix passa alla regia con una storia di fine anni Sessanta.

Marighella: recensione dell'esordio alla regia dell'Escobar di Narcos Wagner Moura visto alla Berlinale 2019

Quella di Marighella è una storia vera.
Una serie di informazioni ci vengono date all’inizio del film per contestualizzare la figura di questo politico, militante, intellettuale, uno “di quelli che rispose con la lotta armata” alla dittatura militare instaurata in Brasile nel 1964, in seguito a un golpe. Un colpo di stato in piena guerra fredda, portato avanti con la complicità degli Stati Uniti, terrorizzati dall’avanzata del ‘comunismo’ non troppo lontano dai propri confini. Il titolo ci anticipa come sia lui l’eroe e l’anima pulsante di questo film, che si concentra negli ultimi anni della vita del nemico pubblico numero 1 del paese sudamericano, quelli della lotta in clandestinità, dal fatidico 1964 fino alla morte violenta avvenuta nel novembre 1969.

Carlos Marighella era un simbolo del multiculturalismo del Brasile, figlio di un operaio dell’Emilia e nipote di un immigrato venuto dal Sudan da una famiglia di schiavi. Nato nel 1911, militante del Partito Comunista Brasiliano, è stato negli anni della lotta armata una guida matura e autorevole per tanti giovani idealisti che si ribellarono alle torture e alla soppressione di ogni dissenso con l’omicidio. Fu una guida anche per altre future formazioni insurrezionaliste (o per alcuni terroriste) grazie al suo Piccolo manuale della guerriglia urbana, adottato poi dall’I.R.A., dalla Rote Armee Fraktion, dall’ETA e dalle Brigate Rosse.

L’esordio alla regia dell’attore Wagner Moura, ormai diventato celebre anche da noi per l’interpretazione di Pablo Escobar nella serie Netflix Narcos, si concentra sulla doppia dinamica in cui si è sviluppata la vita in cattività di Marighella: da una parte il suo ruolo pubblico, pur in segreto, in cui guidò e addestrò dinamici compagni di battaglia, più giovani di lui di anche trent’anni; e dall’altra la sua vita privata, fatta di privazioni, come l’allontanamento dal figlio per il suo bene, pur con la promessa di riunirsi prima o poi. Un percorso classico del genere, così come la costruzione di un altro dualismo, quello del guerrigliero contrapposto all’antagonista, il poliziotto Lucio, che diventa ossessionato dalla sua cattura.

Moura sembra mettere a frutto la sua esperienza di interprete di un film come Tropa de elite, la cui muscolarità certo non troppo concentrata sulle sfumature sembra ispirare MarighellaSoprattutto l’ultima parte delle oltre due ore e mezza del film, quella in cui la pressione si fa sempre più stringente e la paura inizia a serpeggiare anche fra i guerriglieri, il film si fa il racconto di un martirio ripetuto, con una retorica lasciata troppe volte a briglia sciolte, come con l’inno brasiliano urlato a squarciagola da alcuni personaggi mentre scorrono i titoli di coda. Soffiate e tradimenti, complicità estorte con la tortura, sono questi gli ingredienti di un film che si allinea ad altri lavori del genere, mantenendo un discreto ritmo nonostante il rischio di ripetersi di tanto in tanto, specie nella sua parte centrale.

Quello di Moura è un film politico e militante, il ricordo di una figura che ha significato molto allora, nonostante la dittatura militare sarebbe poi proseguita per altri 17 anni, ma che può valere anche come monito per il Brasile di oggi, troppe volte pronto a cedere qualche libertà per una la tentazione della bonifica violenta di alcune parti del paese. Se pensiamo, poi, che il neo eletto presidente Bolsonaro, nato mediaticamente come presenza fissa caricaturale nei talk show, sia un nostalgico degli anni della dittatura, possiamo ancora meglio comprendere l’esigenza e l’urgenza per Moura di raccontare Carlos Marighella (Seu Jorge). “È un film sulla resistenza, sul dare la propria vita per una causa”, così precisa ulteriormente la sua idea il regista.



  • giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming