News Cinema

La giusta causa: il film thriller dove Sean Connery è il papà di Scarlett Johansson

27

Nel film del 1995 di Arne Glimcher La giusta causa, Scarlett Johansson ha 10 anni, ha debuttato l'anno precedente nel cinema e interpreta la figlia in pericolo dell'ex avvocato e professore interpretato da Sean Connery.

La giusta causa: il film thriller dove Sean Connery è il papà di Scarlett Johansson

Nel 1995 Sean Connery è il protagonista del thriller La giusta causa. L'attore scozzese ha all'epoca 64 anni ed è amico del regista Arne Glimcher, tanto che per poter lavorare con lui rifiuta l'offerta di Mel Gibson di interpretare re Edward I in Braveheart (ruolo che va a Patrick McGoohan, famoso interprete della serie britannica Il prigioniero negli anni Sessanta). Nel film, Connery è affiancato nel ruolo della moglie da Kate Capshaw in uno dei suoi ultimi film, prima di abbandonare il cinema per occuparsi della numerosa famiglia che ha messo su col marito Steven Spielberg e, nella parte della figlia, la piccola Scarlett Johansson alla sua seconda apparizione sul grande schermo. Gli altri protagonisti sono Blair Underwood, all'epoca famoso per la serie Avvocati a Los Angeles, Laurence Fishburne e Ed Harris, che l'anno successivo otterrà la sua prima candidatura all'Oscar per Apollo 13.

La trama di La giusta causa

Nel film Sean Connery è Paul Armstrong, un ex avvocato e professore di Harvard, tenacemente contrario alla pena di morte, che viene convinto ad andare in Florida dalla zia di un ragazzo di colore (Underwood) che si trova nel braccio della morte, con l'accusa di aver stuprato e ucciso otto anni prima una bambina bianca. Dopo averlo incontrato, convinto della sua innocenza e del fatto che la sua confessione gli sia stata estorta con la violenza, inizia ad indagare, contrariando il detective che si è occupato del caso (Fisher). Gli indizi punterebbero su un carcerato psicopatico (Harris) che a un certo punto fa ritrovare l'arma del delitto. Ma le cose sono molto più complicate di quanto creda Armstrong, che a un certo punto si troverà a difendere la sua famiglia da un pericolo mortale.

Arne Glimcher, da celebre gallerista a regista di (moderato) successo

Prima di entrare nel mondo del cinema, Arne Glimcher negli anni Sessanta è un noto gallerista, fondatore della prestigiosa Pace Gallery prima a Boston, poi a New York. Nel 1980 vende per un milioni di dollari al Whitney Museum of American Art il quadro di Jasper John "Three Flags": era la prima volta che il lavoro di un artista vivente veniva venduto a una cifra così alta. Tra gli artisti con cui Glimcher ha lavorato a stretto contatto ci sono nomi celebri come Robert Rauschenberg e Jean Dubuffet. Nel 1982 comincia a fare cinema e ha una piccola parte (che resterà unica) in Una lama nel buio di Robert Benton e passa subito dopo alla produzione. Tra i film firmati in questa veste ci sono successi del periodo come Pericolosamente insieme, Gorilla nella nebbia e Diritto d'amare. Nel 1992 produce e dirige il suo primo film, I re del mambo, con Armand Assante e Antonio Banderas, che viene ben accolto da critica e pubblico, un successo che non si ripeterà con La giusta causa, di cui i recensori americani criticheranno soprattutto il finale che scivola nel kitsch e la regia patinata, considerata non adatta a una storia così cruda. Nel 1999 Glimcher realizza il suo terzo film, The White River Kid, con Bob Hoskins e di nuovo Antonio Banderas e firma l'ultimo nel 2004: col documentario Picasso and Braque Go to The Movies, unisce le sue due grandi passioni, l'arte e il cinema.

Scarlett Johansson, la nascita di una futura diva

Ci piacerebbe dire che il talento di Scarlett Johansson era già visibile ne La giusta causa ma diremmo una bugia. La piccola Scarlett ha infatti qua un ruolo molto piccolo, e anche se è un'adorabile bambina non ha molto da fare. Nel 1994 era stata la figlia di un altro carismatico attore, John Ritter, in Genitori cercasi. Debutta direttamente a teatro all'età di 8 anni, con due battute in un allestimento off-Broadway della pièce di Jonathan Marc Sherman, Sophistry, dove recitava, pensate un po', Kevin Bacon. Si presenta a diverse audizioni per spot pubblicitari, ma reagisce così male ai rifiuti che la madre decide di limitarsi ai provini per il cinema. E così facendo, come oggi sappiamo, fa la sua fortuna e quella di tutti i suoi fan, che avranno modo di vederla prima che diventasse la star premio Oscar che tutti conosciamo e apprezziamo.



  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming