News Cinema

L’acchiappadenti: il film in cui Dwayne Johnson fa la Fatina dei denti invece di Schwarzenegger

Nel 2010 Dwayne Johnson si prende una pausa dagli action-movie e nella commedia fantastica L'acchiappadenti diventa la Fatina dei denti.

L’acchiappadenti: il film in cui Dwayne Johnson fa la Fatina dei denti invece di Schwarzenegger

Chissà se il nostro amato Dwayne Johnson, che sbanca i botteghini con i film di Jumanji e Fast and Furious, si rammenta di una commedia fantastica del 2010 per la quale ha dovuto indossare un'improbabile tutina celeste madreperlata e un paio di alucce da costume triste di carnevale? Certo che se lo ricorda, e di sicuro non rinnega quell'esperienza, che lo ha portato a lavorare con Billy Crystal e Julie Andrews e a interpretare un personaggio che è famoso almeno quanto Babbo Natale, la Befana e il Coniglietto pasquale. Parliamo della Fatina dei denti. E proprio la Fatina dei denti dà il titolo al nostro film (The Tooth Fairy), che in italiano è diventato L'acchiappadenti. I denti c'entrano anche con il lavoro che fa il protagonista della storia. Derek Thompson è infatti un famoso giocatore di hockey conosciuto anche per la sua propensione a colpire l'avversario in faccia durante le partite, facendogli perdere i denti. Ma non finisce qui, perché Derek ha perfino l’agghiacciante abitudine di "smontare" i sogni dei bambini, dicendo loro che tutte le creature in cui credono in realtà non esistono. Per fortuna nel Mondo della Magia qualcuno si vendica, e così l'aggressivo Thompson diventa improvvisamente, come già detto, la Fatina dei denti, una creatura in miniatura che per portare a termine le sue missioni si trova in mezzo a mille difficoltà

Dwayne Johnson e il fascino di una parte che doveva andare ad Arnold Schwarzenegger

Cosa ha spinto Dwayne Johnson ad abbandonare ruoli da action-hero per vestire i leziosi panni della Fatina dei denti? Tante cose. Innanzitutto allora come adesso l'ex wrestler amava cambiare genere, non tanto per noia quanto per la voglia di diventare un attore più esperto, e poi L'acchiappadenti (che porta la firma di Michael Lembeck) era un progetto di cui aveva sentito parlare da tempo e che gli era sfuggito di mano. A interpretare la Fatina dei denti in una versione basata su una diversa sceneggiatura doveva essere Arnold Schwarzenegger, che doveva impersonare un ufficiale costretto a diventare Fatina dei denti per una tradizione di famiglia. Ma Arnie rifiutò e quando, anni dopo, il ruolo venne proposto a The Rock, costui lo accettò all'istante.
Dovete sapere che Dwayne Johnson non è né vanitoso né cinico. Ben consapevole che "quando fai una commedia non puoi essere cool", l'attore ha adorato la tuta e le alucce che ha dovuto indossare per il film. Vestito da Fatina dei denti, Johnson era diverso dall'immagine che da bambino aveva della creatura magica che prendeva i denti da latte e in cambio donava soldini. Per lui la Fatina era rosa e piccolina. All'epoca la Fatina era solita lasciare uno o due dollari, a seconda della natura del dente in questione (un molare era certamente più prestigioso di un semplice incisivo), oppure un oggetto o un dolcetto.

A convincere infine l'attore a fare L'acchiappadenti è stato il messaggio di cui il film si fa portatore, e che suona più o meno così: credete nell’impossibile! L'impossibile è possibile! La commedia sottolinea anche l'importanza di una guida nella vita di un bambino. The Rock di guide ne ha avute diverse, sua mamma, per esempio, più un paio di figure paterne, che lo hanno aiutato a restare sulla retta via e a credere in se stesso. E poi c'era Billy Crystal, che da ragazzo Dwayne Johnson considerava il suo attore comico preferito. Come poteva rifiutare l'opportunità di dividere un set con lui?
La vera grande sfida, per Dwayne Johnson non è stata dunque fare la Fatina. Le difficoltà riguardavano l'hockey, sport che il nostro amava ma non sapeva praticare. In due settimane l'attore ha imparato a pattinare sul ghiaccio e ha capito che i giocatori sono più pazzi dei wrestler. Nella maggior parte delle scene , comunque, al posto suo c'era una controfigura.

La Fatina dei denti: chi è e quando nasce

La Fatina dei denti è una figura del folklore popolare occidentale. Ha l'abitudine di prendere i denti da latte che i bambini nascondono sotto il cuscino e sostituirli con una monetina. La Fatina dei denti non ha un aspetto canonico. In Lombardia si confonde con Sant'Apollonia, per esempio, mentre nei paesi anglosassoni ha un costume dai colori pastello, le ali e una bacchetta magica. La Fatina dei denti in altre tradizioni diventa il Topolino dei Denti da Latte. Il suo ruolo, in Catalogna, è svolto da piccoli angeli. Nella provincia di Venezia l’onere tocca invece a una formichina. Altrove si crede in una fatina-topo. La Fatina dei denti è una creatura antica, che viene già citata nel racconto del XVII° secolo della baronessa Marie-Catherine d'Aulnoy "La Bonne Petite Souris", in cui si parla di una fata che si trasforma in una topina per aiutare la Regina a sconfiggere un Re cattivissimo. Una leggenda spagnola, nata nel 1894 per opera di Padre Luis Coloma, narra invece del Ratón Perez (Il topo Perez), un topolino che faceva visita ai bambini portando doni in cambio dei loro denti da latte. Secondo alcuni, il dentino va celato non sotto il cuscino ma nella tana di un serpente o di un topo, per impedire che una strega lo trovi e lo rubi. Oppure va buttato in un fuoco, in modo da recuperare le monete che vengono a crearsi dalle ceneri raffreddate.



  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming