Kim Ki-Duk accusato di molestie e violenza sessuale da tre attrici

- Google+
19
Kim Ki-Duk  accusato di molestie e violenza sessuale da tre attrici

Il controverso regista sud-coreano Kim Ki-Duk, vincitore del Leone d'Oro a Venezia con Pietà, è stato accusato di molestie e violenza sessuale da tre attrici, le quali in maniera anonima hanno parlato alla TV coreana. Ieri era il programma di giornalismo investigativo PD Notebook ha mandato in onda una puntata interamente incentrata sul movimento del #MeToo, riportando anche le accuse nei confronti del cineasta.

 

Una delle tre donne ha raccontato come Kim Ki-Duk l'abbia licenziata da suo film Moebius (2013) perché si era rifiutata di avere rapporti sessuali con lui. In quel frangente il regista avrebbe colpito l'attrice schiaffeggiandola. Una corte locale infatti lo costrinse a pagare una somma di 5.000 dollari per l'assalto fisico, ma le accuse di molestie sessuali vennero accantonate per mancanza di prove. la stessa attrice recentemente ha criticato il Festival di Berlino per aver inserito l'ultimo lavoro del regista, The Time Of Humans, nel cartellone dell'edizione 2018.

Un'altra attrice ha accusato Kim Ki-Duk e uno dei suoi attori-feticcio Cho Jae-hyun di violenza sessuale. L'interprete ha dichiarato agli intervistatori del programma PD Notebook che parlerà della vicenda soltanto dopo che le investigazioni ufficiali saranno cominciate.

La terza donna ha invece raccontato di essere stata costretta ad abbandonare una proiezione a causa delle attenzioni inappropriate e volgari che il cineasta le stata rivolgendo in sala. Molti membri dei vari cast che hanno lavorato con Kim Ki-Duk hanno anche confermato numerosi incidenti imbarazzanti avvenuti durante la lavorazione dei suoi film. 

La riposta di Kim Ki-Duk a tali accuse è stato un messaggio spedito alla produzione di PD Notebook in cui nega i fatti riportati: "Non ho mai provato a soddisfare i miei desideri personali adoperando il mio stato di regista di film."

 



Lascia un Commento
Lascia un Commento