Jon Hamm e Rosamund Pike s'incontrano a Beirut, nel primo trailer dello spy-thriller intitolato alla capitale libanese

- Google+
21
Jon Hamm e Rosamund Pike s'incontrano a Beirut, nel primo trailer dello spy-thriller intitolato alla capitale libanese

S'intitola Beirut: come la capitale libanese, non come il gruppo indie di Zachary Francis Condon. E si chiama Beirut perché lì, a Beirut, è ambientato.
Un thriller/dramma politico e spionistico, che vede protagonisti Jon "Mad Man" Hamm, Rosamund "Gone Girl" Pike, che è scritto dal Tony Gilroy di Michael Clayton e della trilogia di Bourne, e che vede dietro la macchina da presa un regista per cui abbiamo un debole vagamente irrazionale (ma non troppo) dai tempi di Session 9 e di Transsiberian: Brad Anderson.
Come la situazione politica da quelle parti (in Medio Oriente, intendiamo), anche il trailer di questo film, che debutterà tra pochi giorni al Sundance 2018, è piuttosto ingarbugliato. In sintesi estrema, la storia del film è quella di un diplomatico americano che ha lasciato Beirut nel 1972 dopo la morte della sua famiglia, e che dieci anni dopo torna in Libano per mettere in salvo un collega in difficoltà, aiutato da un'agente della CIA sotto copertura.

Beirut debutterà nelle sale americane il 13 aprile, e nel cast ci sono anche Dean Norris, Shea Whigham, Larry Pine e Mark Pellegrino.
Questa la sinossi ufficiale:

Mason Skiles (Jon Hamm), un importante diplomatico americano, lascia il Libano negli anni Settanta dopo un tragico incidente. Dieci anni dopo, la CIA lo richiama in una Beirut devastata dalla guerra per una missione che solo lui può portare a termine. Nel frattempo, un'agente della CIA che lavora sotto copertura all'Ambasciata americana viene incaricata di proteggere Skiles e di assicurare che la sua missione sia un successo. Senza sapere chi è dalla sua parte e con delle vite in gicoo, Skiles deve smascherare tutti per arrivare alla verità.


Schede di riferimento
Lascia un Commento