John Carney si scusa con Keira Knightley dopo le critiche nell'intervista all'Independent

- Google+
70
John Carney si scusa con Keira Knightley  dopo le critiche nell'intervista all'Independent

"Keira ha un entourage che la segue ovunque e rende molto difficile riuscire a lavorare veramente. Per quanto ci abbia provato, non penso che alla fine lei sia risultata credibile come cantautrice/cantante capace di suonare la chitarra. Ho imparato che non farò mai più un film con delle supermodel..."

Con queste affermazioni tutt'altro che velate rilasciate all'Independent il regista irlandese John Carney aveva pochi giorni fa commentato la sua collaborazione con Keira Knightley in Tutto può cambiare (Begin Again) datato 2014. Oggi il regista dell'ultimo Sing Street ha fatto totale dietrofront, pubblicando su Twitter le sue scuse pubbliche. Eccone alcuni stralci tradotti: "Ho detto delle cose riguardo Keira che sono futili, cattive e offensive. Mi vergogno di me stesso, sono stato arrogante e irrispettoso. Keira è stata totalmente professionale e appassionata durante le riprese, e ha contribuito al suo successo. Le ho scritto personalmente per chiederle scusa, ma voglio farlo anche pubblicamente per scusarmi anche con i suoi amici, i suoi fan e tutti quelli che ho offeso. E' qualcosa che non posso comunque giustificare e che non ripeterò mai più."

Dopo la pubblicazione dell'intervista molti registi che hanno lavorato con la Knightley, tra cui Mark Romanek e Lynn Shelton, si sono espressi in favore della professionalità e della cortesia dell'attrice. 

Insomma, tutto risolto.

O quasi. Perché un dubbio rimane comunque da confutare: di quale successo parla John Carney a proposito di Begin Again



Adriano Ercolani
  • Critico cinematografico
  • Corrispondente dagli Stati Uniti
Lascia un Commento
Lascia un Commento