News Cinema

Italiano medio: Maccio Capatonda presenta il suo esordio al cinema

138

Per l'attore e regista "in Italia vale tutto, puoi essere vegano o mangiare il pollo fritto"

Italiano medio: Maccio Capatonda presenta il suo esordio al cinema

"La media dell"italiano medio si sta alzando" e se a dirlo è Maccio Capatonda bisogna credergli. Essendosi fatto un nome con i finti trailer e le serie nonsense che esasperavano alcune derive della società, Marcello Macchia (il suo vero nome) ha voce in capitolo quando si esprime sull'oggetto del suo debutto cinematografico, l' Italiano medio. "Il film racconta due estremi dell'italiano, l'impegnato e il menefreghista che a un certo punto si fondono nell'italiano furbo, perché alla fine in Italia vale tutto, puoi fare quello che ti pare, essere vegano o mangiare il pollo fritto".

In conferenza stampa ci sono anche Herbert Ballerina (vero nome Luigi Luciano) e Ivo Avido (vero nome Enrico Venti), quest'ultimo collaboratore di lunga data di Capatonda che si concede saltuariamente alcune apparizioni. "Io normalmente faccio il produttore esecutivo. Poi prendo la pillola e quando arrivo sul set riesco a fare anche alcuni personaggi. Citarmi come attore però è un po' troppo, mi piace, mi diverto, ma il mio vero ruolo è dietro le quinte", spiega Avido. Il film prende spunto da uno dei finti trailer di qualche anno fa in cui una pillola produce la riduzione delle facoltà cerebrali fino al 2 %. L'idea di espandere questa storia portandola al cinema è del produttore Marco Belardi. "Quando ho incontrato Marcello e Enrico gli ho proposto di fare un film su quel trailer che mi piaceva molto. Poi c'è stata la serie su MTV che ha avuto molto successo. Quando sono andato da Medusa hanno capito che c'era intelligenza dietro questa comicità e sono entrati in coproduzione".

Ballerina è attore e sceneggiatore ed è l'unico all'incontro a non uscire dall'idiozia del suo personaggio: "Prima è un film un po' così, poi quando arrivo io e diventa bellissimo. Sono contento di essere il protagonista, anche se non sono il protagonista. Io sono un attore mi hanno chiesto di fare uno un po' stupido e l'ho fatto. Se mi dicessero di fare parti intelligenti le farei... forse". E in effetti il protagonista è proprio lui, Maccio Capatonda che in Italiano medio si trasforma in Giulio Verme, un integralista della vita eco sostenibile. "Il mio personaggio diventa in parte un eroe medio e in parte una scarto della società" racconta Capatonda. "Di questi due Giulio sta meglio quello che se ne sbatte, perché non si rende conto di niente. Ma è un bene momentaneo, subentrano subito dopo le paure e i sensi di colpa".

Maccio spiega di aver cercato di scrivere una storia intorno all’idea di partenza, evitando il film a episodi, una storia che potesse anche riflettere su quella che è la società attuale in Italia usando i personaggi ispirati agl'idoli della sua infanzia. "Io sono cresciuto con Verdone, tantissimo, poi con Troisi, Benigni e Frassica che ha fatto anche una parte nel film. Tutti i personaggi dei media che ho assimilato negli anni 80 li sto risputando ora". Riguardo ai riferimenti cinematografici, l'attore cita Ritorno al futuro ("il mio imprinting"), Fight Club, Arancia Meccanica, Ciprì e Maresco in Italia e la comicità dei Simpson e dei Griffin.

Italiano medio arriva nelle sale in 400 copie dal 29 gennaio.

Ecco le immagini del photocall di oggi durante la presentazione del film alla sampa:











  • Giornalista cinematografico
  • Copywriter e autore di format TV/Web
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming