Il nuovo film di Alfonso Cuarón si intitola Roma e si svolge negli anni ’70

- Google+
15
 Il nuovo film di Alfonso Cuarón si intitola Roma e si svolge negli anni ’70

Come già sappiamo dalla fine dell’estate, l’ubriacatura di Gravity non ha messo per sempre Alfonso Cuarón sulla strada delle mega produzioni o comunque dei film di grandi attori, finanziati dagli Studios e destinati al grosso pubblico. No, l’intelligente e bravo messicano ha deciso fin da subito di far seguire al film di fantascienza con Sandra Bullock e George Clooney una piccola produzione indipendente ambientata nella sua terra negli anni Settanta e incentrata sulle vicende di una famiglia.

Oggi ci arriva qualche informazione supplementare su questo progetto grazie a una conferenza stampa nella quale il regista avrebbe annunciato che il film si intitola Roma e parla anche del Massacro del Corpus Christi: l’uccisione, a Città del Messico e da parte dei paramilitari, di un gruppo di studenti che, il 10 giugno del 1971, avevano organizzato una manifestazione per protestare contro la privatizzazione dell’istruzione universitaria e battersi a favore di una maggiore democratizzazione del sistema educativo.

Cuarón ha annunciato di aver girato (in 70mm) già diverse sequenze, per le strade della città messicana e in vecchie stazioni della metropolitana. Sembra che a curare la fotografia del film non sia stato e sarà Emmanuel Lubezki (suo collaboratore per Gravity e I figli degli uomini), ma un certo Galo Olivares. A recitare in Roma non sarà probabilmente nessun volto noto.



Carola Proto
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Lascia un Commento
Schede di riferimento
Lascia un Commento