I vincitori della dodicesima edizione del The 48th Hour Film Project

- Google+
290
I vincitori della dodicesima edizione del The 48th Hour Film Project

Domenica 28 ottobre presso il Teatro Brancaccio grande successo per la cerimonia di premiazione dei cortometraggi in concorso per la XII edizione del The 48 Hour Film Project Italia. L’entusiasmo dei partecipanti è stato incontenibile, grandi la sorpresa e la soddisfazione degli ospiti e dei professionisti del cinema internazionale presenti in sala. Una serata di festa per celebrare il talento e la voglia di mettersi in gioco di centinaia di filmmaker, che in sole 48 ore hanno scritto e girato un corto, nel weekend dal 19 al 21 ottobre, a Roma.

Il team ZERO con La Guerra Fredda, si è aggiudicato il premio Miglior Film, oltre al premio Miglior Montaggio e due biglietti per Orlando (USA) dove si svolgerà il Filmpalooza 2019, la finale mondiale in cui gareggeranno 140 squadre da tutto il mondo ed avere la possibilità di essere selezionati per il Festival di Cannes 2019. La prestigiosa onorificenza è stata consegnata da Tomaso Radaelli, direttore artistico di Videocittà, la rassegna al cui interno è inserito il contest. Il team Zero si aggiudica anche il prestigioso premio Cortinametraggio, grazie al quale da anni un cortometraggio tra quelli in concorso viene selezionato per partecipare al noto festival.

Grazie alla partnership con RAI, il corto Ciao Bianca del team Madman per la regia di Andrea Baroni verrà proiettato in cinque sale cinematografiche del circuito Rai; inoltre, i migliori corti realizzati durante il concorso verranno trasmessi su Rai Movie e su raimovie.it.

Tra i premi più prestigiosi, il premio RUFA - Rome University of fine Arts, che anche quest'anno si conferma partner del concorso selezionando quale corto vincitore, Il bambino polifonico del team Comme tu Veux.

Numerosi gli ospiti che hanno preso parte alla serata, a cominciare dalle autorità come Francesco Rutelli, ideatore di Videocittà, il Vicesindaco di Roma Capitale Luca Bergamo, la Vice Direttrice di Rai Movie Cecilia Valmarana, il Direttore Artistico del Teatro Brancaccio, partner dell’iniziativa, Alessandro Longobardi.

I vincitori: per Miglior Trucco e Acconciatura il premio è andato a Clara Lorusso e Valeria Iovino del team Bakul con il corto Niente di male, Red Ronin con Black Days si è aggiudicato Migliori Costumi (Daiana Biondo) e il premio Miglior Attore (Federico Antonucci). I Red Penguins hanno vinto Miglior Scenografia e Miglior Regia (Ludovico Purgatori). Il premio Miglior Fotografia va a Giovanni Malafronte per Alice. Vincono il Miglior Suono gli LSVG Productions con Steel Dreaming, Il team La Strada si aggiudica il premio per la Miglior Colonna Sonora (Andrea Guzzo) con Codice Gatto, la Migliore Attrice gli Incognito Ergo Sum (Francesca Agostini) con Alice, e poi la Miglior Sceneggiatura gli Strazete con Trustfall.

A decretare i vincitori, la giuria composta dalla regista Cristina Comencini, il casting director Pino Pellegrino (U.I.C.D), lo scenografo Dimitri Capuani, il direttore della fotografia José Luis Alcaine, l’hair stylist Aldo Signoretti, e la costumista Jany Temime, che hanno personalmente consegnato i premi nelle mani dei vincitori. Hanno invece espresso il loro giudizio a distanza il sound editor Premio Oscar Mark Mangini, lo sceneggiatore Francesco Bruni, il montatore Walter Fasano, il make up artist Maurizio Silvi, e il leader dei Jethro Tull Ian Anderson.



Lascia un Commento
Lascia un Commento