News Cinema

I classici Disney in live action: una guida ai remake

99

Siccome da Alice in Wonderland stiamo perdendo il conto, abbiamo pensato di venire incontro a voi e a noi con questo articolo.

I classici Disney in live action: una guida ai remake

Il trailer del remake dal vero di La bella e la bestia ha fatto impazzire la rete, e si preannuncia un bis del grande successo di altre operazioni Disney di questo tipo, sulla scia di Alice in Wonderland e Il libro della giungla, rifacimenti dei classici d'animazione. Tra i titoli già usciti e la gran quantità di progetti in gestazione, abbiamo pensato di stilare una guida per orientarsi in quello che è uscito e in quello che succederà.

L'esperimento degli anni Novanta

Anche se tendiamo ad associare queste operazioni agli ultimi anni, c'è un precedente molto illustre al botteghino di una ventina d'anni prima. Si tratta di La carica dei 101 - Questa volta la magia è vera (1996), diretto da Stephen Herek, con una temibile Glenn Close nei panni di Crudelia. Contrariamente a ogni previsione, il film incassò nel mondo 320 milioni di dollari (all'epoca erano tanti), ma non generò una tendenza, soltanto un mediocre sequel. Forse perché la Hollywood di allora poteva permettersi di rischiare di più, senza dipendere disperatamente dalle mode? O forse perché la nostalgia, a differenza di quel che succede adesso, pagava in generale meno?

La carica dei 101 live-action

I remake già usciti 

Ad ogni modo, la tendenza "remake dei vecchi cartoon" è definitivamente esplosa col successo planetario dell'Alice in Wonderland (2010) di Tim Burton: costato 200 milioni di dollari, ne incassò 1 miliardo, generando questa volta non solo il sequel Alice attraverso lo specchio (2016), ma una sequenza di epigoni che potrebbe diventare infinita, incassi permettendo. Forse nessuno si era accorto del flop dell'improbabile L'apprendista stregone dello stesso anno, con Nicolas Cage.
Maleficent (180 milioni di costo, 758 d'incasso), dedicato alla Malefica di La bella addormentata nel bosco, interpretata da Angelina Jolie, nel 2014 ha confermato che la strada di Alice in Wonderland si poteva percorrere ancora, con grande soddisfazione di pubblico e amministratori delegati; nei contenuti, c'è un pizzico del revisionismo fiabesco che ha reso Frozen il successo che è stato. Un po' meno bene è andata al classicheggiante Cenerentola di Kenneth Branagh, ma relativamente: 95 milioni di budget per 543 di ricavi.

Il libro della giungla in live-action

Non si può parlare solo di soldi con lo spiazzante Il libro della giungla (2016) di Jon Favreau, che ha miscelato il cartoon del 1967 con temi reali di Kipling: 175 il costo, addirittura 966 l'incasso. Meritati: a parere di chi scrive è stata la riproposta Disney più motivata e sensata.
Le battute di arresto di quest'anno sono tuttavia state due: Alice attraverso lo specchio, costato 170 milioni, non è riuscito ad andare oltre i 300, mentre Il drago invisibile, con 130 milioni per 65 di costo, sembra essere andato appena in pari.

I remake in arrivo

Il 2017 ci accoglierà a marzo con La bella e la bestia interpretato da Emma Watson e diretto da Bill Condon: a giudicare dal maremoto che ha provocato in rete il teaser trailer, è prevedibile che si possano toccare i numeri almeno di Maleficent. Nel 2018, scelta curiosa, sarà Mulan a essere riletto in live-action (l'originale apparteneva già alla fase calante del Rinascimento Disney dei '90). Toccherà poi anche a Dumbo, al momento sottoposto a una misteriosa cura Tim Burton che dobbiamo ancora saggiare.

La bella e la bestia 2017

Proseguiamo veloci sugli altri film annunciati, in stato di preproduzione e non necessariamente confermati negli anni a venire: Cruella (biopic su Crudelia De Mon!), Tink (dedicato a Trilli / Campanellino), Winnie the Pooh (sì, in "live-action" che con ogni probabilità diverrà un ibrido tra riprese dal vero e CGI), Pinocchio, Genies (prequel di Aladdin), Aladdin stesso, La spada nella roccia, Rose Red (sulla sorella di Biancaneve), Peter Pan, La sirenetta, Il re leone, un sequel per Maleficent, un sequel per Il libro della giungla e una nuova versione di James e la pesca gigante (stranissimo: il film del 1996 era già ibrido di live action e stop-motion).
Spicca in questo fermento l'idea di The Chronicles of Prydain, che non sarà - come il titolo lascia pensare - un pedissequo remake di Taron e la pentola magica, ma un nuovo adattamento dei romanzi originali di Lloyd Alexander, pesantemente tagliati e rimaneggiati nel cartoon di trent'anni fa.



  • Giornalista specializzato in audiovisivi
  • Autore di "La stirpe di Topolino"
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming