News Cinema

Giornate degli Autori - Venice Days: il programma completo

Presentato il programma dell'ottava edizione delle Giornate degli Autori, sezione collaterale del Festival di Venezia.

Giornate degli Autori - Venice Days: il programma completo

Vai allo speciale Festival di Venezia 2011


Giornate degli Autori - Venice Days: il programma dell'ottava edizione


 

La selezione:


Another Silence di Santiago Amigorena
con Marie-Josée Croze, Benz Antoine, Ignacio Rogers
Francia/Canada/Brasile/Argentina, prima mondiale
Due colpi di pistola sconvolgono nel cuore della notte la vita di Mary: killer senza volto le uccidono il marito e il figlio. Poliziotta del distretto di Toronto, la donna sceglie la via della vendetta, a caccia degli assassini e dei mandanti. Come in un western contemporaneo il suo viaggio la porterà fino al confine tra Argentina e Bolivia, in un “altro mondo” dove forse sopravvive la sua umanità. Ritorna l’autore di Quelques jours en Septembre e con lui la più famosa attrice del Québec.

Ki (My Name is Ki) di Ladzek Dawid (opera prima)
con Roma Gasiorowska, Adam Woronowicz, Kamil Malecki, Krzysztof Ogłoza
Polonia, prima internazionale
Ki è una ragazza madre, una giovane donna sola. Ha trovato casa, sbarca il lunario, tiene a bada l’ex compagno, sogna di fare l’artista… ma ha bisogno di complicità e fiducia. Eppure il suo vitalismo selvaggio allontana e spaventa. E il rischio di restare davvero sola è dietro l’angolo. Una commedia sulla solitudine, un indimenticabile ritratto di donna, un esordio di classe, quasi un emblema per quest’edizione delle Giornate.

Ruggine di Daniele Gaglianone
con Filippo Timi, Stefano Accorsi, Valerio Mastandrea, Valeria Solarino
Italia, prima mondiale
Un castello fatato all’estrema periferia della città. Un orco in agguato. Un ricordo e un rimorso per tre adulti. Daniele Gaglianone ritorna alle Giornate dopo Nemmeno il destino e il suo film rimarrà nella memoria per il coraggio e la poesia con cui affronta un dramma lancinante e un tema costantemente rimosso.


Presume Coupable (Guilty) di Vincent Garenq
con Philippe Torreton, Noémie Lvovsky, Wladimir Yordanoff
Francia, prima mondiale
Uno dei più clamorosi casi della giustizia francese (l’Affaire d’Outreau che nel 2003 portò in carcere 18 persone per abuso su minori) raccontato dal punto di vista di uno dei “presunti colpevoli” che rischiò la morte per difendere la sua innocenza. Uomo solo contro tutto e tutti, Alain Marécaux, combatte per sé e perché la giustizia sia, prima di tutto, ricerca della verità.
Nove anni dopo, la sua storia è ancora sulle prime pagine dei giornali francesi.


Toutes nos envies (All Our Desires) di Philippe Lioret
con Vincent Lindon, Marie Gillain, Amandine Dewasmes, Yannick Rénier
Francia, prima mondiale
Nell’Occidente ai tempi della crisi è facile trovarsi stritolati dal meccanismo implacabile del mercato: si cerca un prestito per uscire dalla povertà e si può finire in tribunale senza via di scampo. Una donna e un uomo, due amici, due giudici che credono nella legge ma anche nell’umanità, provano a opporsi alla ferrea logica dei potenti. I loro destini e la loro vita si intersecano a quella delle vittime...

Love and Bruises di Lou Ye
con Tahar Rahim, Corinne Yam, Jalil Lespert, Lika Minamoto
Francia, prima mondiale
Hua è una ricercatrice universitaria cinese. Arrivata a Parigi scopre l’”amour fou” in Mathieu, operaio ai mercati generali. Due mondi si sfiorano e si cercano senza trovarsi in una straziante storia d’amore, anzi un racconto sull’”illusione dell’amore”. Il nuovo film dell’autore di Sozhou River e Summer Palace, con il “profeta” Tahar Rahim.

Historias… que so existem quando lembradas di Julia Murat (opera prima)
con Sônia Guedes, Lisa Fávero, Luis Serra, Ricardo Merkin, Antônio dos Santos
Brasile/Francia, prima mondiale
Il tempo si è fermato molti anni fa per Madalena e per lo sperduto villaggio di Joutuomba dove la donna vive nel ricordo del marito scomparso. L’arrivo di una giovane fotografa, Rita, modifica i ritmi del cuore e della memoria. Il folgorante esordio di una video-artista e figlia d’arte (sua madre Lucia Murat è stata tra le protagoniste del cinema brasiliano e della lotta contro la dittatura) che fissa con la macchina fotografica e la cinepresa i segni di un mondo perduto.

Twilight Portrait (Portret v Sumerkakh)
di Angelina Nikonova (opera prima)
con Olga Dihovichnaya, Sergey Borisov, Sergei Goludov, Galina Koren
Russia, prima internazionale
La violenza sessuale, il gioco sottile della vendetta, l’inquietudine del sentimento e l’imprevedibilità della vita nel confronto serrato tra una assistente sociale e un miliziano. Sullo sfondo di una Russia attraversata dallo scontro sociale, tra nuovi ricchi, vittime, corrotti e piccoli potenti, l’esordiente Angelina Nikonova si fa largo nella schiera dei nuovi registi russi con il passo sicuro del thriller e la sensibilità della grande narrazione al femminile.

Io sono lì di Andrea Segre (opera prima)
con Zhao Tao, Rade Sherbedgia, Marco Paolini, Roberto Citran, Giuseppe Battiston
Italia/Francia, prima mondiale
Ai margini della laguna veneta si pesca come sul Fiume Giallo. A Chioggia ormai si parla il dialetto anche se si è poeti dalmati o lavoranti cinesi, si provano sentimenti, coltivano sogni e si conoscono sconfitte come in ogni angolo della terra. Ma la storia di Shun Li e Bepi è diversa da tutte le altre. La protagonista di Still Life e il “poeta” Rade Sherbedgia accompagnano al debutto uno dei migliori documentaristi italiani, nel 2010 alle Giornate con Sangue verde.

Hiver dernier (Last Winter) di John Shank (opera prima)
con Vincent Rottiers, Anais Demoustier, Florence Loiret Caille, Michel Subor, Aurore Clément
Belgio/Francia, prima mondiale
Johann è un eroe dei nostri tempi: condannato dalla tradizione di famiglia a una vita da cow boy delle Ardenne, il ragazzo scopre il suo attaccamento alle radici proprio nell’istante in cui capisce che sta per perdere tutto. Ai tempi dell’economia globale il fascino ancestrale della terra è ancora fatica, dolore, speranza. Opera prima di un americano trapiantato nel cuore dell’Europa, il film conferma il talento di una vera star dei prossimi anni: Vincent Rottiers.

Cafe de Flore di Jean-Marc Vallée
con Vanessa Paradis, Kevin Parent, Hélène Florent
Canada/Francia, prima mondiale
Oltre il tempo, oltre la logica, alla ricerca di sé e dei fili misteriosi che collegano l’esistenza. Sei anni dopo C.R.A.Z.Y ritorna Jean-Marc Vallée con il suo cinema fatto di musica, emozioni, spettacolo. Questa volta ci porta in viaggio tra la Parigi degli anni ’60 dove vive Jacqueline, madre coraggio di un bambino Down e il Canada d’oggi dove si muove Antoine, DJ di successo, reduce da un doloroso divorzio. Come in un puzzle le loro vite si richiamano…

Habibi (Habibi Rasak Kharban) di Susan Youssef (opera prima)
con Maisa Abd Elhadi, Kais Nashif, Yosef Abu Wardeh
Palestina/EmiratiArabi/Olanda – prima mondiale
Viveva nell’Arabia del VII secolo il grande poeta d’amore Qays. Oggi i muri di Gaza si coprono delle sue liriche: a trascriverle è un giovane palestinese che racconta così il suo amore impossibile per la donna che vorrebbe sposare. Prigionieri a cielo aperto, sequestrati dalla logica di convenzioni sociali e politiche che li ignorano, i due ragazzi cercano la libertà.
Opera prima interamente girata nei Territori e finanziata solo con donazioni e premi.


Eventi speciali:

Di là dal vetro (Beyond the Glass) di Andrea Di Bari (cortometraggio d’apertura)
con Isa Danieli, Erri De Luca
Italia, prima mondiale
Un dialogo notturno tra un uomo e sua madre; un viaggio nella memoria attraverso i fantasmi della vita. Erri De Luca (all’esordio da protagonista al cinema) apre la porta della sua casa e ci accompagna nel mondo del ricordo.

Testimony (Edut) di Shlomi Elkabetz
con Ronit Elkabetz, Zohar Liba, Ofer Hayun
Israele/Francia, prima internazionale
Un ufficiale israeliano racconta.... una donna palestinese risponde... un coro di voci testimonia di due popoli che non sanno liberarsi dalla paura dell’altro. Il film – dice l’autore – è un viaggio nella memoria collettiva; un viaggio le cui radici sono nella vita di ogni giorno.

Cuba nell'epoca di Obama (Cuba in the age of Obama) di Gianni Minà
Italia, prima mondiale
Da L’Avana a Guantanamo, oltre 1000 chilometri nel cuore dell’isola proprio mentre si aspetta un cambio di politica degli Stati Uniti e della Rivoluzione stessa. Un percorso dentro il corpo di Cuba, dentro il suo modo di essere e di vivere, dentro le sue fatali contraddizioni.

Crazy Horse di Frederick Wiseman
Francia/ Stati Uniti, Prima mondiale
Il mito del tempio dello spettacolo parigino, il luogo dell’illusione e del peccato, della bellezza e della fatica quotidiana. La cinepresa di uno dei più grandi documentaristi di sempre spalanca la scena e i camerini, racconta le speranze e le sconfitte di chi vive al Crazy Horse.


In collaborazione con SIC – Settimana Internazionale della Critica:

Voi siete qui di Francesco Matera
con Alberto Crespi, Angelina Chavez
Italia, prima mondiale
Alberto è un giornalista di cinema alla ricerca dei veri luoghi di Roma in cui il cinema italiano ha costruito la sua leggenda e la sua attualità. Angelina è una fotografa che fissa spazi e figure di questo sopralluogo. Un film-simbolo per il progetto speciale “100+1: Cento film e un paese, l’Italia” realizzato dalle Giornate insieme a Provincia di Roma e Cinecittà Luce.


In collaborazione con BLS Südtirol – Alto Adige:


Der Kaiser von Kalifornien (L’imperatore della California) di Luis Trenker
con Luis Trenker, Viktoria von Ballasko, Werner Kunig
Germania, 1936
Premiato alla Mostra di Venezia del 1936, a lungo dimenticato nonostante la recente riscoperta del suo autore, sorprendente western europeo in larga parte girato tra le montagne del Tirolo, il film viene presentato in occasione della giornata su “Creatività e territorio” promossa da BLS insieme alle Giornate degli Autori.
 

Spazio Aperto:

La penna di Hemingway di Renzo Carbonera
con Christiane Filangieri, Sergio Rubini e Cosimo Cinieri
Italia, prima mondiale
Due ragazzini, una penna e uno scrittore famoso. Dal fondo della memoria, l’ombra di Ernest Hemingway sembra accompagnare la ricerca di Claudia che torna a Lignano sulle tracce del padre, tanto amato quanto misterioso…

Hit the Road, Nonna di Duccio Chiarini
con Delia Ubaldi, Alberto Chiarini, Duccio Chiarini, Gioietta Di Prete, Klaus Voit
Italia, prima mondiale
Raccontami una storia… Così potrebbe cominciare il viaggio di Duccio Chiarini alla ricerca della nonna: donna volitiva, emigrata da bambina in Francia, regina del pret-à-porter negli anni ’60 da Prato all’Europa, figura lontana da cui oggi il ragazzo, diventato uomo, cerca una verità che lo coinvolge.

Mundial Olvidado (Il Mondiale dimenticato) di Lorenzo Garzella e Filippo Macelloni
Italia/Argentina, prima mondiale
Nei racconti di Osvaldo Soriano c’è il primo indizio; nelle testimonianze di molti (da Baggio a Lineker, da Havelange a Pastorin) ci sono possibili conferme; nel viaggio fino in Patagonia c’è la ricerca dei riscontri. E se fosse proprio vero che laggiù, in fondo alle Americhe, nel 1942 si disputò un Campionato Mondiale di Football?
   
Radici all'inferno e rami nel cielo di Carlo Luglio
con Enzo Gragnaniello
Italia, prima mondiale
La Napoli di Enzo Gragnaniello, la Napoli dei Bassi del dopo-guerra e quella segreta della Sibilla, la Napoli della musica e dei poeti di strada. Un ritratto d’artista che per Carlo Luglio diviene un affresco misterioso e intriso di complicità.

Dietro il buio di Giorgio Pressburger
con Sarah Maestri, Gabriele Geri
Italia, prima internazionale
Tratto dal monologo teatrale di Claudio Magris “Lei dunque capirà” e sceneggiato dal figlio Paolo, il film nasce da un’antica complicità tra lo scrittore ed il regista. Nel testo si affacciano il mito di Orfeo, la lezione di Freud, le ombre della Mitteleuropa, la voce di una donna amata. Il film è parte della mostra “La Trieste di Magris” allestita nel 2011 a Barcellona.

Più come un artista di Elisabetta Pandimiglio
con Gennaro Esposito e i cuochi della “Torre del Saracino”
Italia, prima mondiale
Una brigata di cucina, un ristorante sospeso tra il mare e il cielo, un giovane chef che fa della cucina un’arte senza dimenticare le sue origini e quelle del cibo che prepara e trasforma ogni giorno. L’autrice de I mille giorni di Vito (Giornate 2009) costruisce con i volti e le voci di Gennaro Esposito e dei suoi aiutanti alla Torre del Saracino un documento unico e solare.

Valdagno, Arizona di Pyoor
Italia /Stati Uniti, prima mondiale
All’alba dei cinquant’anni, Umberto Marzotto si risveglia da un sogno che descrive così: “Vedo colori, vedo tutti gli animali con le ali, prendo un treno che porta al mare e poi incontro case, grattacieli, foreste, il deserto. I Navajo e gli Apache sono lontani nel deserto”. Parte da qui il progetto collettivo di Pyoor, esplorazione di una cultura e una musica che avvicina la cittadina di Valdagno (dove Marzotto è nato) e l’Arizona dei Native Americans.

 


  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming