News Cinema

Ellen Page, talento e carattere

Un profilo dedicato all'attrice del momento e - siamo sicuri - ad una delle stelle di domani, la giovane e determinatissima .


Ellen Page, talento e carattere

Vuoi per l’effettivo talento di alcuni, ma soprattutto vuoi per l’abilità di certi agenti e la pigrizia mentale di buona parte del mondo del giornalismo, pare che dall'universo del cinema americano emergano giovani fenomeni ad ogni piè sospinto. Buona parte dei quali sparisce dopo qualche stagione (nel migliore dei casi) o dopo uno o due film (nel peggiore).
Ma se dovessi scommettere su qualcuno che si rivelerà tutt’altro che l’ennesima meteora, questa è sicuramente la ventunenne canadese Ellen Page, l’acclamata protagonista di Juno, film grazie al quale ha conquistato anche una nomination all’Oscar come miglior attrice protagonista, diventando così la quarta attrice più giovane di sempre ad ottenere un simile riconoscimento (le altre tre sono state Keira Knightley per Orgoglio e pregiudizio, Isabelle Adjani per Adele H., una storia d'amore e Keisha Castle-Hughes per La ragazza delle balene).

Il grande (e più che giustificato) clamore mediatico che sta circondando Juno e la sua giovane protagonista è infatti solo la conferma di un talento puro e nemmeno più tanto grezzo, che si era già abbondantemente manifestato in film purtroppo ancora inediti nel nostro paese.
L’unico altro ruolo in cui il pubblico italiano ha avuto modo di osservare Ellen Page è quello di Kitty Pryde (alias Shadowcat) che la canadese ha interpretato in X-Men: Conflitto finale, ereditandolo le due attrici cui era stato affidato nel due capitoli precedenti della saga, Sumela Kay e Katie Steward.
Sicuramente quella offerta dalla Page nel film di Brett Ratner è stata una prova interessante, ma vuoi per lo spazio, vuoi per la tipologia di film, nulla a che vedere con quelle che l’attrice ha regalato nei due film che l’hanno fatta conoscere ed apprezzare a livello internazionale: due film non facili, per temi e intensità, entrambi come detto inediti nel nostro paese, Hard Candy di David Slade e The Tracey Fragments di Bruce McDonald.

Pur avendo esordito nel 1997 a soli 10 anni con il film tv Pity Pony, e avendo nel corso degli anni accumulato ruoli in numerosissimi film e serie televisive, è stato nel 2005, con il ruolo di Hayley Stark in Hard Candy, che la Page ha fatto esplodere il suo talento e fatto rimanere a bocca aperta i critici e gli spettatori di mezzo mondo.
Vero e proprio “caso” cinematografico e di cronaca negli Stati Uniti e nelle altre nazioni dove è stato distribuito in sala o in home video, Hard Candy è un film controverso, che vedeva la Page nei panni di una 14enne che accettava di seguire a casa un 32enne con il quale flirtava via internet. Quella che sembrava una “normale” storia di orrori pedofili si trasforma però rapidamente in qualcosa di assai diverso: nel film infatti Hayley mutava rapidamente da possibile vittima in carnefice dell’uomo in odore di pedofilia, torturandolo al fine di ottenere una confessione riguardante il rapimento, lo stupro e l’uccisione di una sua coetanea.
Una performance, quella di Ellen Page in Hard Candy, che ha colpito per l’intensità, per la capacità di alternare con uguale efficacia registri assai diversi fra di loro, per la spietata determinazione che emerge dai gesti della protagonista, glaciale eppure umanissima al tempo stesso. Non a caso, USA Today ha definito quella della giovane attrice “una delle performance più complesse, disturbanti ed angoscianti dell’anno”, che il vate della critica statunitense Roger Ebert l’abbia aggettivata come “straordinaria” e che l’Austin Film Critics Association l’abbia premiata come miglior attrice.

Se in Hard Candy Ellen Page è indubbiamente impressionante, da ogni punto di vista, in The Tracey Fragments – film selezionato in Panorama alla Berlinale del 2007 e in concorso al festival di Torino del 2008 – non è da meno.
Nel film la Page interpretava Tracey Berkowitz, una ragazzina ribelle ed irrequita che per ritrovare il fratellino, scomparso mentre era stato affidato a lei dai genitori, incappa in una vera e propria Odissea metropolitana.
Per il suo film il regista indipendente canadese Bruce McDonald ha puntato tutto su due aspetti: formalmente su una struttura dove lo split screen era estremizzato e si faceva specchio delle insicurezze, dei dubbi e dei drammi interiori della protagonista; dal punto di vista della narrazione proprio sulle capacità della sua giovane interprete, che con coraggio e determinazione si è letteralmente caricata il film sulle spalle, essendone l’onnipresente cuore pulsante.

Coraggio e determinazione: due doti che non mancano di certo ad Ellen Page. E la scommessa su di lei e sul proseguo della sua carriera è dettata anche da questo. Non solo infatti la canadese ha ormai dimostrato di avere talento da vendere, ma dalla lucidità con cui affronta le interviste (anche quella che mi ha visto personalmente coinvolto nei giorni della scorsa Festa del Cinema di Roma, dove Juno è stato presentato, vincendo il concorso), si capisce come la ragazza abbia le idee chiare e la testa ben piantata sulle spalle, e sia poco incline ad atteggiamenti futilmente divistici e da star che sono il rischio forse più grande per la stabilità di una carriera hollywoodiana in età così giovane.
Anche le scelte che la Page sta facendo per il suo futuro professionale lasciano intendere che a lei interessa un certo tipo di cinema ed un certo modo di intendere il mestiere d’attrice: prossimamente la vedremo infatti nel cast di una nuova, acclamata commedia indipendente intitolata Smart People (che debutta proprio questo weekend nelle sale degli Stati Uniti); sarà protagonista di Whip It!, il film che segnerà l’esordio nella regia di Drew Barrymore, interpretando una sarcastica teenager che decide di entrare a far parte di una squadra femminile di Roller Derby; infine dovrebbe essere protagonista del dramma/horror Jack and Diane, storia di licantropia in chiave lesbo.
Tanti impegni che sono sicuro renderanno vincente la mia scommessa



  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming