Due candidature per Bradley Cooper dalla Directors Guild of America

-
38
Due candidature per Bradley Cooper dalla Directors Guild of America

Dopo gli sceneggiatori e i direttori della fotografia, oggi un'altra associazione di categoria, quella dei registi, ha annunciato oggi le sue cinquine per il 2019.

I candidati della Directors Guild of America come miglior regista sono: Alfonso Cuaròn per Roma, Bradley Cooper per A Star Is Born, Spike Lee per BlacKkKlansman, Adam McKay  per Vice e Peter Farrelly  per Green Book.

Cooper è stato anche nominato come miglior regista esordiente, insieme a Bo Burnham per Eighth Grade, Carlos Lopez Estrada per Blindspotting, Matthew Heineman per A Private War e Boots Riley per Sorry to Bother You.

Cuaròn ha vinto cinque anni fa sia il DGA che l'Academy Award per Gravity e se la gioca oggi con l'affresco storico-social-famigliare in bianco e nero di Roma, fresco vincitore di Golden Globe come miglior regista e miglior film straniero, mentre per Cooper, Farrelly e Lee è la prima nomination. McKay ne ha avuta una tre anni fa per La grande scommessa.

Per gli amanti delle statistiche: dal 1948 tutti i registi premiati dalla DGA, tranne 7, hanno poi vinto l'Oscar. Non resta che aspettare il 2 febbraio, data in cui la Guild annuncerà la sua scelta, per piazzare le nostre scommesse sul premio più importante.



Daniela Catelli
  • Saggista e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Lascia un Commento
Lascia un Commento