News Cinema

Deserto rosso ha aperto la retrospettiva che il MoMA di New York dedica a Michelangelo Antonioni

50

Alla serata erano presenti Enrica Fico Antonioni e il presidente dell'Istituto Luce-Cinecittà Roberto Cicutto

Deserto rosso ha aperto la retrospettiva che il MoMA di New York dedica a Michelangelo Antonioni

Il MoMA (Museum of Morden Art) di New York ha iniziato a celebrare l’arte cinematografica di Michelangelo Antonioni con l’apertura della retrospettiva a lui dedicata. Organizzata dal curatore del Dipartimento Film del museo Joshua Siegel in collaborazione con l’Istituto Luce-Cinecittà, in particolar modo nelle persone di Camilla Cormanni e Paola Ruggiero, la rassegna andrà avanti fino al prossimo 7 gennaio e presenterà al pubblico non soltanto l’opera completa di Antonioni ma anche vari documentari che lo hanno visto protagonista. Molte delle proiezioni saranno in copie nuovissime stampate in 35 millimetri, grazie al supporto della Cineteca Nazionale.

Il Titus I Theater al gran completo ha ospitato la proiezione della copia restaurata di Deserto rosso, il capolavoro del cineasta che nel 1964 vinse il Leone d’Oro a Mostra del Cinema di Venezia. Lo stesso Siegel ha introdotto la serata: “Il nostro obiettivo con questa retrospettiva è prima di tutto regalare i capolavori di Antonioni alle nuove generazioni di appassionati di cinema, che non ne hanno mai visto l’arte sul grande schermo. Questa rassegna è frutto dei molti anni di collaborazione con l’Italia, che negli anni passati ha prodotto altre retrospettive importanti come quelle dedicate a Dino Risi, Antonio Pietrangeli e la mostra sull’arte delle scenografie di Dante Ferretti.”

Siegel ha poi introdotto il discorso di Roberto Cicutto, presidente dell’Istituto Luce-Cinecittà: “Vorrei ricordare prima di tutto un altro grande cineasta che abbiamo portato qui a New York qualche anno fa, Bernardo Bertolucci. E’ stata un’emozione unica vederlo in mezzo al pubblico presentare i suoi film, spero sia presto nuovamente tra noi. Questa retrospettiva mi ha fatto sentire ancor più parte della “famiglia” Antonioni, anche se arrivato più tardi rispetto a molti mi sento onorato di farne parte. Vorrei anche ricordare anche Gianni Massironi e soprattutto Carlo di Carlo, il quale pur non essendo più tra noi ci ha comunque lasciato il testamento fondamentale del libro da lui redatto, My Antonioni, in cui usa solo parole del grande Michelangelo.”

Ultima a salire sul palco per ringraziare il pubblico è stata Enrica Fico Antonioni, moglie del regista: “Sono felice che per l’apertura sia stato scelto Deserto rosso, il suo primo film a colori. Dopo aver adoperato il bianco e nero in maniera così potente nei suoi precedenti capolavori Michelangelo aveva paura di affrontare il colore. Poi nel 1962 a Roma vide un’esibizione di Mark Rothko e rimase rapito dalla forza con cui il pittore usava il cromatismo. Ebbe l’opportunità di incontrarlo quando lo stesso anno venne a New York per presentare L’Eclisse, i due cominciarono a discutere il metodo dell’artista nella creazione di quell’universo cromatico. Michelangelo alla fine disse che loro due in realtà lavoravano sulla stessa idea, e cioè dipingere e filmare il vuoto, il nulla. Sono stati quindi Rotho e New York a spingere Michelangelo a superare la sua avversità per colore e realizzare Deserto rosso come un film sui colori dei sentimenti.”

E' partita infine la proiezione di Deserto rosso. Che dire sul film più di quanto non sia già stato scritto in tutti questi anni? Ancora oggi tale capolavoro è capace di scuotere lo spettatore con la rappresentazione fortemente metaforica di spazi vuoti e colori dominanti in grado di trasmettere l’oppressione e la frustrazione dei personaggi in essi contenuti. Pochi altri cineasti nella storia del cinema hanno saputo come Antonioni portare al cinema il malore sommesso ma lancinante del semplice esistere. E Deserto rosso al MoMa è tornato a mostrarcelo in tutta la sua folgorante attualità. Anche grazie alla bravura intramontabile di Monica Vitti

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming