David Yates difende la scelta di Johnny Depp nel ruolo di Gellert Grindelwald nel sequel di Animali fantastici

-
249
David Yates difende la scelta di Johnny Depp nel ruolo di Gellert Grindelwald nel sequel di Animali fantastici

A qualche giorno dalla notizia che Johnny Depp avrebbe recitato nel primo sequel di Animali Fantastici e dove trovarli, apparendo brevemente anche nel primo film, e subito dopo l'importante informazione che all'attore andrà il ruolo dello spaventoso Gellert Grindelwald, il più potente mago oscuro apparso prima di Lord Voldemort, rimbalza sul web una lunga dichiarazione di David Yates che rimette in riga quanti hanno criticato nella ultime ore questa sua scelta.

A scontentare gli ex ammiratori dell'attore sono state, come bene immaginiamo, le accuse di violenza domestica che sono piovute su Johnny negli ultimi tempi. Al regista del film, tuttavia, non importa nulla del privato di Depp, come dimostra la seguente affermazione fatta nel corso di un'intervista: "Abbiamo sempre avuto intenzione di scegliere l’attore migliore, il più ispirato, interessante e adatto al personaggio. Quando abbiamo pensato a Gridelwald, ci siamo chiesti: chi potrebbe renderlo interessante? Il nostro è un ambiente bizzarro. Una settimana ti considerano straordinario, la successiva dicono cose strane su di te. Vai su e poi vai giù, ma nessuno può portarti via il puro talento. Johnny Depp è un vero artista, che ha creato numerosi personaggi che sono diventati parte integrante della nostra cultura”.

Anche senza questo doveroso discorso di Yates, siamo certi che Depp si dimostrerà all’altezza della situazione, e chissà che alla fine il suo villain non si riveli ben più minaccioso dell’arcinemico di Harry Potter a cui ha dato vita Ralph Fiennes a parire da Harry Potter e il Calice di Fuoco. Animali Fantastici e dove trovarli arriverà nelle nostre sale il 17 novembre. Non vediamo l’ora!



Carola Proto
  • Giornalista specializzata in interviste
  • Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali
Lascia un Commento
Lascia un Commento