Schede di riferimento
News Cinema

Dal 27 marzo comincia l'Irish Film Festa a Roma

La rassegna è stata presentata dall'ambasciatore irlandese nella Capitale


Il nuovo ambasciatore Bobby McDonagh ci ha accolto nella piacevole e storica Ambasciata d'Irlanda nella Capitale (ex quartier generale di Garibaldi), per presentare con il direttore artistico Susanna Pellis la settima edizione dell'Irish Film Festa.

Una "festa", appunto, non un festival: un'occasione per McDonagh di favorire l'incontro di Italia e Irlanda sul terreno del cinema. L'industria audiovisiva in Irlanda ormai fattura 550 milioni di euro all'anno, tanto che quest'evento è visto con interesse non solo in Italia, ma anche in patria, con autori e produttori sempre più inclini a usarlo come vetrina dei propri lavori. McDonagh sostiene il festival per la prima volta (essendo diventato ambasciatore l'anno scorso) e ci tiene a sottolineare quanto il suo paese continui a dare all'arte del cinema mondiale, citando anche una star del calibro di Michael Fassbender.



Susanna Pellis ha poi illustrato nello specifico il programma di proiezioni ed eventi gratuiti alla Casa del Cinema a Villa Borghese, che si protrarranno per quattro giorni, dal 27 al 30 marzo.

L' "Irish classic" di quest'anno, previsto giovedì 27 marzo, è l'inedito ironico documentario sulle origini degli Irlandesi dal titolo Atlantean, diretto da Bob Quinn, risalente a trent'anni fa ma mai distribuito. Il regista, considerato l'iniziatore del cinema di produzione irlandese a partire dal 1975, sarà presente all'evento.
L'Irish Film Festa non gode soltanto della collaborazione irlandese: anche due distributori nostrani hanno deciso di proiettare due film acquistati di recente e in procinto d'arrivare nelle nostre sale. L'Academy Two accompagna giovedì la scatenata commedia The Stag, mentre Koch Media è onorata di offrire sabato il Byzantium di Neil Jordan, che torna a raccontare di vampiri (vampiresse, per la precisione).
Sabato 29 la figlia del compianto Peter O'Toole, Kate, parlerà per la prima volta in pubblico del padre scomparso: un vero evento, tenendo presente il suo rifiuto di un'intervista alla BBC. Sabato è una giornata tutta al femminile: il documentario Bernadette è dedicato alla forte personalità della femminista Bernadette Devlin, in politica dal 1969.
Domenica l'Irish Film Festa chiude con il "Belfast Day". L'attore Stuart Graham accompagnerà un cortometraggio e un film di cui è protagonista, Made in Belfast, diretto da Paul Kennedy a bassissimo budget, in soli tredici giorni.



Dal 2010 la Festa si è aperta a un concorso di cortometraggi: l'alta partecipazione ha spinto quest'anno gli organizzatori a selezionare quindici finalisti in luogo degli usuali dieci. La giuria è divisa per due aree di competenza: l'Istituto Europeo per il Design (IED) di Roma, media partner come Coming Soon, nonché autore del teaser ufficiale della rassegna, giudicherà le opere in animazione. La redazione di Film TV valuterà invece i lavori in live-action.

Da segnalare inoltre per venerdì 28 l'organizzazione di un workshop di recitazione con il regista Graham Cantwell e l'attrice Amy Hastings, entrambi presenti per mostrare la loro commedia sentimentale The Callback Queen, sulla storia autobiografica di un'artista irlandese che sogna di sfondare a Londra. Il workshop è una novità di quest'anno, il segno più tangibile di una manifestazione che si espande.

Questo è il link al sito ufficiale dell'Irish Film Festa.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming