Schede di riferimento
News Cinema

Da Unbroken a Obiettivo Burma!: breve storia della Guerra del Pacifico nel cinema

128

Tanti i registi che, prima di Angelina Jolie, hanno raccontato la II Guerra Mondiale combattuta in Oriente.

Da Unbroken a Obiettivo Burma!: breve storia della Guerra del Pacifico nel cinema

Unbroken, l'opera seconda di Angelina Jolie come regista, racconta la vita epica e avventurosa di Louis Zamperini, italo-americano che prima fu atleta olimpico e poi combattè nella Seconda Guerra Mondiale: fu allora che Zamperini, in seguito al precipitare del bombardiere che lo trasportava, fu costretto a lottare per la sopravvivenza a bordo di una zattera alla deriva nel Pacifico per ben 47 giorni, per poi finire diritto in un campo di prigionia giapponese gestito da un sadico militare che lo prese di mira e lo sottopose a innumerevoli violenze fisiche e psicologiche.

Al di là dello specifico biografico legato all'incredibile storia di Zamperini, Angelina Jolie non è stata certo la prima a voler raccontare al cinema quel che accadeva nell'area pacifica durante la Seconda Guerra Mondiale.
Se infatti alcuni dei war movie più celebri ambientati negli anni di quel conflitto sono d'ambienzazione europea, molti sono anche quelli che hanno raccontato dello scontro diretto tra truppe americane e nipponiche.
Parlando di campi di prigionia giapponesi, tanto per cominciare, la memoria corre immediatamente al Furyo di Nagisa Ôshima, il film del 1983  interpretato da David Bowie, Tom Conti e Ryûichi Sakamoto che per l'appunto tutto ambientato all'interno di un campo di prigionia giapponese nel quale esplodono tensioni culturali e sessuali, e dove la brutalità e la violenza vengono ritratte in maniera di certo non meno efficace di quanto fatto in Unbroken.
Andando ancora più indietro nel tempo, e arrivando fino al 1957, impossibile non ricordarsi de Il ponte sul fiume Kwai di David Lean premiato con sette Oscar, nel quale Sir Alec Guinness, William Holden e Jack Hawkins sono prigionieri di guerra britannici che, assieme a tutti i loro compagni di prigionia, devono costruire l'infrastruttura del titolo: e se non vi ricordate del film, sicuramente mi ricorderete del motivetto che i prigionieri fischiettano durante le loro marce.
E non a caso, proprio David Lean era il regista per il quale era stato originariamente pensato L'impero del Sole poi diretto nel 1987 da Steven Spielberg, tratto da un romanzo semi-autobiografico di  J. G. Ballard che racconta una storia dove la guerra, il Giappone e i campi di prigionia nipponici hanno un ruolo di primissimo piano.

Rimanendo nell'ambito dei grandi classici del passato, e dei film che hanno raccontato la guerra del Pacifico, difficle non citare quel Tora! Tora! Tora! diretto nel 1970 da Richard Fleischer nel quale si racconta, ben prima che arrivassero Michael Bay e le sue cariche esplosive, la preparazione dell'evento che scatenò il conflitto tra Stati Uniti e Giappone, l'attacco di Pearl Harbor.
Sei anni dopo fu Donald S. Sanford a raccontare un altro momento chiave della Guerra nel Pacifico ne La battaglia di Midway, che vedeva protagonisti attori del calibro di Charlton Heston, Henry Fonda, James Coburn, Glenn Ford, Hal Holbrook, Toshiro Mifune, Robert Mitchum e Pat Morita, mentre la Campagna di Burma fu affrontata da Raoul Walsh come regista e Erroll Flynn come protagonista in quell'Obiettivo Burma! datato 1945, proprio l'anno della fine della guerra.

La sottile linea rossa di Terrence Malick, anno 1998, è il secondo adattamento dell'omonimo romanzo di James Jones: il primo, ben più oscuro, venne girato nel 1964 da Andrew Marton. Con lo stile che lo rende inconfondibile, Malick ha raccontato a modo suo la Battaglia del Monte Austen, parte della Campagna di Guadacanal, mentre in Windtalkers, del 2002, John Woo ha narrato la storia di alcuni soldati americani e dei loro commilitoni navajo impegnati nella campagna delle Isole Salomone.

Celeberrimo è il recente dittico di Clint Eastwood che in Flags of Our Fathers e Lettere da Iwo Jima ha voluto raccontare la prospettiva statunitense e quella giapponese relative alla celebre battaglia (quella dell'isola di Iwo Jima, per l'appunto) che è stato un altro snodo chiave della Guerra nel Pacifico, tradendo così lo sguardo patriotticamente monolitico e monodirezionale del John Wayne protagonista di Iwo Jima, deserto di fuoco (1949) e di altri film come Gli eroi del Pacifico (1945) o I falchi di Rangoon (1942).

A proposito di punti di vista, a fornirne uno, allucinato e violentissimo, sulla fine della guerra e sulla sua assurdità c'è stato recentissimanente Shinya Tsukamoto, che al Festival di Venezia del 2014 ha presentato Fires on the Plain, sua personalissima versione di un romanzo che già nel 1959 era stato portato al cinema da Kon Ichikawa e che racconta l'Odissea solitaria di un soldato giapponese in lotta per la sopravvivenza su una piccola isola delle Filippine quando la battaglia è oramai persa.  Una solitudine esistenziale, quasi come quella dell'Imperatore Hirohito all'indomani della sconfitta bellica che viene raccontata in un film straordinario come Il Sole di Alexandr Sokurov.

E allora, per concludere questa nostra essenziale ricognizione sui film che hanno raccontato i tanti aspetti e i tanti episodi della Guerra nel Pacifico, torniamo in qualche modo all'inizio, alla prigionia e allo scontro tra individui e culture, tenendo con noi un pizzico della solitudine allucinata di Tsukamoto a quella crespuscolare di Sokurov, e ricordiamo Duello nel Pacifico. È il 1968, anno non casuale, quando John Boorman dirige questo film nel quale la guerra è ridotta allo scontro tra due singoli uomini, Lee Marvin e Toshiro Mifune, entrambi lontani dai loro compatrioti e commilitoni e entrambi occupanti di una piccola isola del Pacifico che diverrà prima la loro privatissima arena di guerra e infine il teatro di un incontro tanto inevitabile quanto aleatorio e destinato a dissolversi così come si era formato.





  • Critico e giornalista cinematografico
  • Programmatore di festival
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming