Clint Eastwood è (nuovamente) in trattative per dirigere The Ballad of Richard Jewell

-
401
Clint Eastwood è (nuovamente) in trattative per dirigere The Ballad of Richard Jewell

Alla veneranda età di 88 anni, Clint Eastwood proprio non vuole saperne di smettere col cinema. E perché dovrebbe, visto che continua a sfornare successi come l’ultimo Il corriere, capace di incassare più di 100 milioni di dollari negli Stati Uniti? Il prossimo progetto da regista del grande Clint potrebbe essere The Ballad of Richard Jewell, a cui era stato accostato invano già nel 2015. La sceneggiatura scritta da Billy Ray (Captain Phillips) è ispirata a un articolo di Marie Brenner apparso su Vanity Fair nel 1997, American Nightmare: The Ballad of Richard Jewell. La storia è quella vera dell’agente di sicurezza che individuò uno degli ordigni piazzati nel 1996 ad Atlanta durante le Olimpiadi, riuscendo a salvare la vita di numerose persone. In seguito però lo stesso Jewell venne sospettato di essere uno dei terroristi, e la sua vita venne rovinata dalle false accuse. Nel 2005 Eric Robert Rudolph e altri criminali vennero giudicati colpevoli dell’attentato. Jewell morì di attacco cardiaco nel 2007 a soli 44 anni.

Non si sa ancora chi interpreterà Richard Jewell nel biopic; in passato si erano interessati al personaggio sia Jonah Hill che Leonardo DiCaprio, il quale è comunque rimasto nel progetto come produttore, grazie alla sua compagnia Appian Way. Alla distribuzione penserà la Fox/Disney, il che rappresenta un’anomalia per un film diretto da Clint Eastwood, solitamente collaboratore con la Warner Bros.

Negli ultimi anni Clint Eastwood si è dedicato con più che discreto successo alla realizzazione di biopic: basta pensare ai recenti American Sniper, Sully e Ore15:17 – Attacco al treno. Tra i capolavori diretti dal cineasta vogliamo ricordare Il cavaliere pallido, Gli spietati, Mystic River e Changeling.



Adriano Ercolani
  • Critico cinematografico
  • Corrispondente dagli Stati Uniti
Lascia un Commento
Lascia un Commento