News Cinema

Cinque film in streaming per rendere omaggio a Bernardo Bertolucci

43

L'autore premio Oscar per L'ultimo imperatore scomparso tre anni fa avrebbe compiuto oggi 80 anni. Ecco i suoi migliori film in streaming.

Cinque film in streaming per rendere omaggio a Bernardo Bertolucci

Il 16 marzo 1941 nasceva a Parma Bernardo Bertolucci, un cineasta imprescindibile per la storia del cinema italiano e internazionale. Dopo l’esordio dietro la macchina da presa poco più che ventenne con La commare secca, il regista ha scritto pagine fondamentali di cinema dirigendo capolavori destinati a dividere, creare scandalo e insieme ammaliare il pubblico con la loro eleganza stilistica e la profondità psicologica. Unico autore italiano a vincere l’Oscar per la miglior regia grazie a L’ultimo imperatore, Bertolucci ha saputo raccontare le pieghe nascoste e dolorose dell’animo umano grazie a personaggi in chiaroscuro di potenza emotiva senza uguali. Con il suo cinema ha sfidato le convenzioni, la censura, la stessa industria cinematografica uscendone sempre vincitore, almeno morale. I cinque film in streaming che abbiamo scelto per rendere omaggio al grande autore scomparso nel 2018 all’età di 77 anni lo dimostrano in pieno. Buona lettura.

Cinque capolavori diretti dal grande Bernardo Bertolucci

  • Prima della rivoluzione
  • Il conformista
  • Ultimo tango a Parigi
  • L’ultimo imperatore
  • Il tè nel deserto 

Prima della rivoluzione (1964)

Uno dei grandi film politici degli anni ‘60, che attraverso lo sguardo preciso di Bertolucci diventa dramma psicologico capace di raccontare gli stati d’animo che possono nascondersi dietro le ideologie. Interpretato da una superba Adriana Asti, Prima della rivoluzione è probabilmente il lungometraggio maggiormente compiuto della prima parte della carriera del suo autore, uno schiaffo raffinato ma potente alla borghesia italiana degli anni ‘60. Musiche di Ennio Morricone e fotografia, tra gli altri, di Vittorio Storaro. Disponibile su Chili.

Il conformista (1970)

L’adattamento cinematografico del romanzo di Alberto Moravia regala a Bertolucci la possibilità di confrontarsi con la pagina buia del fascismo italiano rappresentandolo nella sua meschina quotidianità. Un grandioso Jean-Louis Trintignant e una soave Stefania Sandrelli sono protagonisti insieme a Dominique Sanda di un dramma esteticamente perfetto, che possiede lo spleen e l’occhio malinconico dei migliori lavori di Bertolucci. Il conformista ottenne la nomination all’Oscar per l’adattamento. Disponibile su Rakuten TV, Chili, Google Play, Apple Itunes, NOW TV.

Ultimo tango a Parigi (1972)

Il film più radicale sul racconto dell’elaborazione del lutto. Strizzando l’occhio alla Nouvelle Vague Bertolucci costruisce un dramma di interni su due anime che si incontrano per perdersi  l’una nell’altro. Un ritratto di interni spogli eppure densi di significati, di atmosfere, di dolore. Ultimo tango a Parigi propone un Marlon Brando al limite delle sue potenzialità di attore, di istrione e di uomo. Capolavoro maledetto, bruciato al rogo, osannato e odiato come nessun altro film italiano nella storia del cinema. Nomination all’Oscar per la regia e il protagonista. Non si può scrivere molto di più su questo film: bisogna viverlo e soffrirne. Disponibile su NOW TV.

L’ultimo imperatore (1987)

La maestosa rappresentazione della vita dell’ultimo di una dinastia di regnanti regala a Bertolucci la statuetta più ambita. Insieme ad altre otto tra cui quella per il miglior film. Con L’ultimo imperatore il regista emiliano conferma di sapere gestire budget enormi e messa in scena fragorosa conservando il suo occhio intimo, sottile e pacato. Un cast perfetto in cui primeggia un Peter O’Toole in un ruolo secondario ma prezioso. Film fantastico da vedere, commovente da seguire, perfetto per testimoniare che anche il cinema europeo sapeva coniugare arte e spettacolo. Merito anche di un produttore ispirato come Jeremy Thomas. Da brividi. Disponibile su Chili, Google Play, Apple Itunes, TIMVision, Amazon Prime Video.

Il tè nel deserto (1990)

Bertolucci torna a narrare il rapporto di coppia lasciando però che stavolta sia la protagonista a perdersi nel proprio dolore. Invece degli interni stavolta sono  gli spazi simbolici e la sabbia a contenere l’anima afflitta di una Debra Winger entusiasmante, accompagnata da un John Malkovich come sempre spalla perfetta. Il tè nel deserto è sotto molti punti di vista il film più estetizzante e anche il più sentito di Bertolucci, un ritratto al femminile appassionante e sfaccettato. Tratto dal romanzo di Paul Bowles. Disponibile su Infinity, Amazon Prime Video.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming