News Cinema

C'era una volta... a Hollywood: a cena con Tarantino

60

Un viaggio da Musso & Frank, mitica steakhouse in cui il regista ha girato delle scene del film.

C'era una volta... a Hollywood: a cena con Tarantino

Lì una volta era tutto deserto. Si potrebbe facilmente adattare così il sempiterno rimpianto delle nostre nonne, mai completamente in grado di superare l’urbanizzazione delle nostre città in seguito al miracolo economico. Mica ieri, insomma. Non era ieri neanche quando lì, cioè a sud della costa californiana, era tutto deserto. Diventata ufficialmente città solo a metà dell’800, con l’infinito nome completo di El Pueblo de Nuestra Señora la Reina Virgen de los Ángeles del Rio de la Porciúncula de Asís, Los Angeles fin da subito mise in chiaro come l’inglese sarebbe stata la seconda lingua, non certo la prima. La città vivacchiò fino all’arrivo dell’acqua, grazie al grande benefattore, il signor William Mulholland, ingegnere idraulico, che avete presente se amate David Lynch o girare per la strada che porta il suo nome e attraversa i canyon delle Hollywood Hills fino alla San Fernando Valley, cara al primo Paul Thomas Anderson.
L’acquedotto portò lo sviluppo decisivo della città, permettendogli di cavalcare il boom economico degli anni ’20.

Proprio nel 1919, in un sobborgo allora relativamente poco conosciuto, al numero 6669 di Hollywood Boulevard, Joseph Musso e Frank Toulet, insieme allo chef Jean Rue, aprirono un “bar e ristorante in stile newyorkese”, attualmente riconosciuto come il più antico di Hollywood e definito “le genesi” stessa di quell’iconico quartiere così caro a noi che amiamo il cinema. E quindi anche a un angeleno doc come Quentin Tarantino, che ha ambientato nel buio locale, un po’ démodé, alcune scene di C’era una volta… a Hollywood. Riconoscendo anche lui il valore storico del locale, diventato definitivamente nel 1923 “Musso & Frank”. Quattro anni dopo fu comprato da un Italoamerican, John Mosso (nessuna parentela) e ingrandito, allargandosi al civico accanto, il 6667, mantenendo lo stile che ancora oggi regala ai suoi clienti: soffitti alti, pannelli di legno scuro e separé di colore rosso, come la divisa dei camerieri e dei baristi. Niente, o quasi, è cambiato da decenni e sono ancora i discendenti di Mosso i proprietari e gestori.

Intorno a loro, però, molto è cambiato e quella steakhouse, il cui menù è caratterizzato da sostanziosi pezzi di carne, è ormai lontana dalle diete tipiche delle star del cinema, ma anche dei californiani in generale, ormai conquistati dal vegetarianismo e dall’esplosione vegana. La carne rossa è ormai vista con diffidenza, a favore di quinoa, bento e pudding bar organic. Ci voleva quindi un salto indietro di cinquant’anni, nel film di Tarantino, per riportare in auge questo posto che conforta per il suo essere sempre uguale a se stesso, nonostante i frenetici cambiamenti al di fuori del 6667-9 di Hollywood Boulevard. Il locale è ancora attivo, dalle 11 alle 23, chiuso il lunedì, e chissà che andandoci non sentiate la presenza fantasmatiche dei tanti artisti che hanno mangiato su quei tavoli, come in Midnight in Paris

Parliamo di John Fante, e con lui di tanti scrittori, anche perché la Screen Writers Guild era proprio di fronte alla strada: da Raymond Chandler a Dashiell Hammett, passando per F. Scott Fitzgerald, William Faulkner, Dorothy Parker, Charles Bukowski. I proprietari, però, hanno pensato bene, da subito, di riservare una sala nel retro per i loro ospiti dell’industria del cinema. Anche qui l’elenco dei frequentatori mette i brividi: Charlie Chaplin, Harry Warner e il fratello Jack (sì, quei fratelli Warner), Greta Garbo, Humphrey Bogart, Marilyn Monroe, Orson Welles, Rudy Valentino (che è sepolto poco lontano, all’Hollywood Forever Cemetery). Per arrivare alle stelle di oggi come George Clooney, Johnny Depp, Harrison Ford e quel Brad Pitt (insieme a Leonardo Di Caprio e Al Pacino), protagonista di più di una scena di C’era una volta… a Hollywood di Quentin Tarantino, che ci ha riportato indietro al 1969, sempre sognando il cinema e la Hollywood che, grazie a lui, da oggi fa ancora più parte del nostro immaginario.



  • giornalista cinematografico
  • intervistatore seriale non pentito
Suggerisci una correzione per l'articolo
Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming