News Cinema

Big Daddy - Un papà speciale: curiosità sulla divertente commedia con Adam Sandler e i gemelli Sprouse

Nel 1999 usciva quello che resta a tutt'oggi il maggior successo commerciale di Adam Sandler, la commedia Big Daddy diretta da Dennis Dugan.

Big Daddy - Un papà speciale: curiosità sulla divertente commedia con Adam Sandler e i gemelli Sprouse

Ci sono pochi attori al mondo che ci hanno fatto ridere quanto Adam Sandler, che si è mostrato ottimo anche in ruoli diversi dal solito come quelli ricoperti in Ubriaco d'amore e nel recente Diamanti grezzi. Uno dei suoi film “giovanili” che ci hanno più divertito è proprio la commedia Big Daddy – Un papà speciale, uscita nel 1999 con la regia di Dennis Dugan, che coniuga in maniera buffa e originale, e anche toccante in alcuni momenti, l'eterna fiaba di Peter Pan: l'uomo adulto che non vuole crescere e viene cambiato dall'incontro con un bambino. Nel ruolo del piccolo Julian McGrath si alternano due futuri idoli delle teenager, i gemelli Cole e Dylan Sprouse che hanno a lungo percorso carriere affiancate prima di dividere le proprie strade, mentre gli attori adulti sono Rob Schneider, Jon Stewart (famoso anche per il suo talk show), Joey Lauren Adams e l'attrice e moglie di Judd Apatow, Leslie Mann, con cui Sandler ha lavorato di nuovo in Funny People. Nel ruolo di un senzatetto appare anche Steve Buscemi.

La storia di Big Daddy ruota intorno al personaggio di Sonny Koufax, laureato in legge, che a 32 anni ancora non si decide a prendersi le responsabilità dell'età adulta. Al contrario di lui, in procinto di lasciarsi con la fidanzata, l'amico Kevin (Stewart), con cui divide un appartamento, sta per sposarsi. Quando quest'ultimo parte per un viaggio di lavoro, lasciando solo Sonny, un bambino, Julian, si presenta a casa dei due con una lettera in cui dice che è suo figlio e che la madre è morta pochi giorni prima. Nell'impossibilità di contattare i servizi sociali, chiusi per una festività, Sonny decide di tenere il bambino per un po', ed è l'inizio di un'avventura che gli cambierà la vita.

Qualche curiosità su Big Daddy

  • In una scena una cameriera porta al piccolo Julian una birra analcolica: l'attrice è Jackie Titon, moglie di Adam Sandler, che da allora in poi è apparsa in quasi tutti i suoi film. Fu proprio sul set di questo film che i due si conobbero. Sono sposati dal 2003 e hanno due figli.
  • Big Daddy è stato il film di maggior successo commerciale nella carriera di Adam Sandler: all'epoca incassò la cifra impressionante di 163 milioni di dollari.  
  • Il regista Dennis Dugan ha inserito nel film un'autocitazione: Quando Julian, Sonny e il fattorino (Schneider) guardano la tv, sullo schermo passa un eposidio di Colombo del 1976: possiamo vedere il regista nel ruolo di un detective alle spalle di Peter Falk. Dugan compare anche in un altro cameo: è l'uomo che non è pronto per Halloween. Come attore, ha interpretato Walter Bishop nella serie con Bruce Willis Moonlighting ed è apparso in seguito in altri film di Sandler da lui diretti, da Zohan a Jack e Jill. Tra i film più noti in cui ha recitato ricordiamo L'ululato e Parenti, amici e tanti guai.
  • Cole Sprouse e Dylan Sprouse avevano 6 anni all'epoca delle riprese ed erano già apparsi – sempre in un unico ruolo – nelle serie tv Grace Under Fire e MadTV. Cole ha poi recitato da solo in Friends e insieme hanno raggiunto la notorietà da adolescenti nella serie Zach e Cody al Grand Hotel andata in onda dal 2005 al 2008, seguita da Zack e Cody sul ponte di comando (2008-2011). Da solo, Cole è stato protagonista di Ingannevole è il cuore più di ogni altra cosa e della serie tv Riverdale.

Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale.
Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale.
I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto.
Piattaforme Streaming
  • Saggista traduttrice e critico cinematografico
  • Autrice di Ciak si trema - Guida al cinema horror e Friedkin - Il brivido dell'ambiguità
Suggerisci una correzione per l'articolo